Sample Text

Niente da fare, c'è sempre troppo tifo...

domenica 11 aprile 2021

cose viste

 il sabba (drammatico - spagna - 2020) 

l'inquisizione nella Spagna del 1600 e la caccia alle streghe. Un bel film visto su Netflix








Ricomincio da tre (commedia - italia - 1981) 

L'avevo già visto da giovane ma ho accantonato per anni la visione di film e spettacoli di Troisi per la mia incapacità di capire la sua napoletanità. Recuperato in età adulta devo dire che mi fa sempre molto ridere.







la grande bellezza (drammatico - italia - 2013) 

non credo di dover sprecare altri bit per parlare di questo film pluripremiato. lo rivedo ogni volta volentieri








seven sisters (fantascienza - usa - 2017) 

in un futuro distopico e in un mondo sovrappopolato per legge ogni famiglia può avere un unico figlio altrimenti... bel film








arrival (fantascienza- usa - 2016) 

fantascienza ma non solo. filmone.

martedì 6 aprile 2021

Recensione: Fanali posteriori ad alta luminosità / basso prezzo

Usare la bici ogni giorno ti espone inevitabilmente a una serie di pericoli che in molti  casi dipendono dal comportamento degli altri utenti della strada: per esempio, io faccio il tragitto casa lavoro di 4 chilometri su una strada extraurbana con il limite dei 70 km/h ma vedo davvero pochi automobilisti che rispettano quel limite; quando ti superano poi spesso lo fanno di pochi centimetri, per non parlare poi dei telefonini sempre in mano, delle donne che si truccano guidando, di chi fermo allo stop o a un incrocio guarda solo da una parte prima di partire. Io negli ultimi anni ho imparato a usare il casco anche quando vado al lavoro anche se spero che non debba mai davvero servirmi.

Però ci sono obblighi per il ciclista che molti non rispettano come per esempio quello di rendersi visibili dopo il tramonto con un giubbetto catarifrangente e fanali. Avendo fatto per anni anche i turni io queste dotazioni per muovermi di notte o di mattina presto le ho sempre avute però per la fanaleria sono sempre andato al risparmio facendomi bastare i fanali da pochi euro che si trovavano al supermercato.

Ultimamente ho deciso di migliorare la mia visibilità investendo qualche euro in più sui fanali e per le mie tre bici ho cercato di prendere dei fanali posteriori che potessero essere visibili anche di giorno. Online si può trovare di tutto e di tutti i prezzi (in alcuni casi davvero esorbitanti) per cui cercando di restare su un prezzo medio-basso e di avere una buona luminosità, una buona durata della batteria (ricaricabile) e la ricarica tramite porta usb ho preso questi tre prodotti che descriverò brevemente di seguito.

domenica 4 aprile 2021

Buona Pasqua

 Ieri mi era venuta un' irresistibile voglia di uova di pasqua ma quando mi sono recato nei "tre" supermercati qui vicino ho scoperto che le avevano finite già dal mattino e in uno già dal giorno prima. ☺ Nemmeno gli ovetti della kinder sono rimasti... evidentemente non ero l'unico con questa irresistibile voglia di uova di pasqua.

Almeno non piove. ☺☺

Ciaooo



domenica 28 marzo 2021

il valore terapeutico del faidate / 2

La ricerca della serratura da sostituire (ne ho parlato QUI) ha finalmente avuto un lieto epilogo: trovata.

Non volendo rischiare a fare ordini online per un articolo che magari non si adattava perfettamente alla mia porta e non avendo ricevuto risposta dall'artigiano del paese al quale avevo chiesto consigli, la scorsa settimana mi sono preso un giorno di ferie e con la serratura smontata in mano ho iniziato a girare per le ferramenta del paese e del circondario sapendo di fare un buco nell'acqua, ma d'altra parte, essendo in zona rossa non volevo andare in città e prendermi magari una multa salata senza aver  tentato vicino a casa.

Alla fine sono andato a Brescia alla ricerca di negozi specializzati e ne ho trovati due ben forniti dai nomi insospettabili: "la casa della serratura" e "l'angolo della serratura" 😆😆. In entrambi i casi non ho trovato quello che cercavo ma nel secondo mi hanno consigliato un grossista a una decina di chilometri  che trattava le serrature della marca che mi serviva e l'ho trovata lì, non proprio uguale, ma un modello più nuovo che ho dovuto tagliare perchè troppo lunga e che mi ha costretto a fare un piccolo lavoro di falegnameria sulla porta per adattarla (i braccini del multipunto erano un millimetro più larghi rispetto alla vecchia serratura e ho dovuto "fresare" a modo mio usando il trapano e un scalpellino l'alloggiamento del frontale. Tutto è bene quel che finisce bene. 

Avevo fatto una todo list compilata quindici

mesi fa nella quale non avevo quasi depennato nulla (amo procrastinare all'infinito) ma negli ultimi due mesi mi sono dato una mossa e tra un po' non avrò più nulla da fare (se... magari, che se hai una casa c'è sempre qualcosa da fare...)

Qualche curiosità:
l'abbigliamento che indossavo, pantaloni larghi e scarpe da trekking + piumino senza maniche col cappuccio deve aver contribuito a farmi passare per un fabbro o un falegname presso i vari negozianti che hanno continuato a parlarmi come si parla con un professionista anche quando gli ho detto che ero un privato 😎; in un caso non hanno proprio afferrato che stavo facendo del faidateperme! e abbiamo parlato per un po' di listino, di ore di lavoro, di fatture, ecc... ho comunque imparato qualcosa.

il negoziante che mi ha venduto la serratura mi ha fatto in realtà il prezzo "da falegname" anche se avevo detto che non lo ero e mi è andata bene perchè l'ho pagata "come minimo" la metà del prezzo di listino per il pubblico. e anche qui ho imparato qualcosa: non vergognamoci mai a chiedere uno sconticino ai vari elettricisti, idraulici o fornitori di servizi. La loro professionalità credo vada giustamente pagata, ma loro guadagnano molto anche sui materiali e questa esperienza ne è la riprova.

domenica 7 marzo 2021

cose viste

 the social network (biografico - usa - 2010) 

dove, come , quando e perchè è nato facebook e perchè ha avuto tanto successo. Mi è piaciuto (👍 )








the wolf of wall street (biografico - usa - 2013) 

la vera storia (a quanto pare) di Jordan Belfort un broker di wall street con pochi scrupoli. In realtà è una cosa rivista ma è senz'altro meglio di sanremo. filmone!








il caso thomas crowfrd (drammatico - usa - 2007)

il crimine perfetto non esiste. Malgrado non sia nulla di eccezionale sono comunque un paio d'ore spese bene








martin eden (drammatico - italia - 2019) 

tratto (liberamente..) dall'omonimo romanzo di Jack London un BEL film italiano a tratti poetico.








chi ha vinto SanRemo 2021 me lo direte voi 😅

sabato 27 febbraio 2021

olive in salamoia

 Il mese scorso in questo post parlavo del mio recente tentativo di conservare le olive in salamoia.

Oggi apro e gusto il primo vasetto 



Il colore delle mie olive e diverso da quelle commerciali verdi o nere ma è molto simile alle taggiasche. Sono mangiabili ma hanno un leggero retrogusto amarognolo che può non piacere a tutti. 

Tutto sommato, per essere la mia prima salamoia sono soddisfatto.


giovedì 25 febbraio 2021

la migrazione

faraonica (ex)sede di UBI a Brescia
 Salve a tutti, questo post è redatto per informarvi sull'ondata migratoria in atto in questi giorni in tutto il nord Italia o parte di esso. E no, vergando queste righe non si vuole parlare di chi fugge da guerre o carestie, di chi sogna una vita migliore nella civilissima Europa, di chi viene a cercare il suo pezzo di pane per aiutare la famiglia rimasta in patria, ma si vuole parlare solo ed esclusivamente di vil denaro.

E la migrazione in corso è quella degli (ormai)ex clienti UbiBanca verso IntesaSanPaolo che ha acquisito la banca ormai alcuni mesi fa. E fin qui nulla da dire.

Sta di fatto che Intesa ha ceduto un ramo d'azienda, ovvero alcuni degli sportelli di UBI, al gruppo Bper che pur essendo per me semisconosciuta è fra le 8-10 banche con maggior capitalizzazione in Italia. Per cui nulla da dire.

Lo scorso fine settimana c'è stato un blocco tecnico degli sportelli, dei bancomat e dei portali di internet banking per permettere di organizzare al meglio la "migrazione" dei conti da una banca all'altra che sarebbe iniziata il 22/2. In famiglia e tra i miei conoscenti ci sono molte persone che avevano un conto con Ubi essendo una banca nata e cresciuta nel territorio in cui viviamo e non ho ancora indagato sullo stato della loro operazione di trasferimento.

Io con la banca avevo una prepagata e il mese scorso mi era già arrivata a casa quella sostitutiva con un bel corredo di istruzioni sul da farsi per attivarla dal 22/2. E io che non sono matto del tutto il giorno fatidico me ne sono altamente sbattuto perchè immaginavo che si sarebbero tutti precipitati davanti al pc, o attaccati al telefono per chiamare il servizio clienti o direttamente allo sportello per la fatidica migrazione.

Ci ho provato oggi poco dopo cena, un orario in cui il correntista medio suppongo non pensi ai propri mutui. E invece pare che anche stasera in tanti tentassero di migrare senza successo per dei non ben spiegati disservizi secondo me dovuti al sovraccarico dei server. 

La Bper ha anche una sua pagina Facebook dove con un post in evidenza si scusava per i disagi ma con migliaia di commenti di seguito di utenti esasperati da giorni di inoperatività o inaccessibilità dei propri conti. Onestamente anch'io ho postato il mio disappunto perchè dopo tre giorni non mi aspettavo che non fossero ancora in grado di gestire la cosa.

Ma quasi per magia, come se il mio breve commento carico d'odio (il commento era: "che schifo") avesse sortito un qualche effetto il sistema ha cominciato a funzionare e in cinque minuti ero nel pieno possesso della mia carta prepagata e del saldo astronomico di ben 300 euro.

Anche le migrazioni "virtuali" evidentemente hanno i loro rischi e problemi.

Ogni tanto ci penso quando sento dire che si vuol passare completamente all'uso della moneta elettronica, che sarebbe una gran cosa, che si combatterebbe sicuramente l'evasione, che è comoda e tante altre belle e nobili caratteristiche, che se c'è mezza giornata di black out o di down del server di qualche grossa banca è facile che si scateni il panico e non mi sento di escludere scene di guerriglia urbana, assalti ai supermercati, tafferugli e chi più ne ha più ne metta. Ok forse sto esagerando 😆😆😆


domenica 21 febbraio 2021

il valore terapeutico del faidate

A casa mia se arriva l'idraulico o l'elettricista vuol dire che il danno è gravissimo. Non posso dire di essere un fenomeno coi lavori di casa ma tendo a cercare di riparare da solo i piccoli guasti che possono succedere. Come spesso mi capita rattoppo e poi quando avrò più tempo a disposizione provo a risolvere definitivamente.

Nel bagno al piano di sotto per esempio la vecchia cassetta dello sciacquone (una Dora Faismilani degli anni 70) perdeva dal rubinetto del galleggiante e per alcuni mesi è rimasta aperta e bloccavo il galleggiante con un pappagallo altrimenti continuava a gocciolare, creando anche un certo imbarazzo negli ospiti che usando il bagno non trovavano il tasto ma una corda da tirare e un pappagallo di ferro in posizione precaria (...vabbè che ospiti volete che abbia avuto in questi mesi di lockdown...👀 ). Il pezzo di ricambio in realtà in rete si trova abbastanza facilmente ma alla fine ho deciso di mettere una cassetta esterna che sarà più pratica la prossima volta che ci devo mettere le mani. 

mercoledì 10 febbraio 2021

cose viste

 lazzaro felice (drammatico - italia - 2018) 

quasi una favola triste, uno dei più bei film italiani degli ultimi anni secondo me







the hater (drammatico - polonia - 2020)

odiare "per lavoro" ? è solo uno degli aspetti di questa produzione netflix che ti fa riflettere su quanto vediamo e leggiamo ogni giorno sui social network




what did jack do (noir - usa - 2021)

un cortometraggio di David Linch su Netflix. C'è molto Linch in quei 20 minuti scarsi ma qualcuno si potrebbe pure annoiare :-D


sabato 6 febbraio 2021

C'è troppo tifo...

...e per questo non c'è vaccino.

 E chi sono io per provare a far cambiare idea a "un tifoso" ?

Non ho abbastanza tempo, e probabilmente nemmeno troppi argomenti, ma il tempo, che non è mai abbastanza, preferisco perderlo in altri modi tipo grattandomi i coglioni mentre guardo una ragnatela sul soffitto piuttosto che incaponirmi in un'inutile discussione con un "tifoso".

In questi casi conto fino a sei, poi cambio aria.

e preparo i pop corn 😅😅



domenica 31 gennaio 2021

Recensione: Borse da cicloturismo Columbus Bike

Premetto subito che questa non sarà una recensione completa perchè manca la prova su strada del prodotto che ho appena acquistato e colmerò questa lacuna appena ne avrò la possibilità.

Premessa numero2: io ero fino a un anno e mezzo fa il felice possessore di borse da cicloturismo impermeabili Vaude, marchio che con Ortlieb se la gioca tra l'essere i più rinomati nel settore, ottima qualità e prezzo giustamente alto. Acquistate nel 2014 a fine del 2018 cominciavano ad aprirsi in un paio di punti sulle cuciture (termosaldate, non cucite), soprattutto una delle due con la quale, a parte i mini viaggi annuali, percorrevo il tragitto casa-lavoro-casa. In pratica, pur alternandole, ho avuto una borsa costantemente attaccata al portapacchi per qualche anno. Nel estate del 2019 pur non avendole usate per mesi (sostituite con le vecchie e affidabili borse in cordura) le ho trovate con le cuciture scollatissime (forse il troppo caldo in garage ? o obsolescenza programmata?) e ogni mio tentativo di ripararle è stato vano per cui sono finite in discarica. Nel giro in bici fatto in autunno del 2019 ho preso parecchia pioggia e le borse non impermeabili che ho usato, pur con tutti gli accorgimenti da me adottati hanno mostrato qualche ovvio limite di tenuta. 

Tutto sto pistolotto per dire che volevo comprare di nuovo delle borse impermeabili, ma dato che di viaggi mondiali  per ora non se ne parla ho provato a cercare tra i prodotti di gamma medio-bassa e sul negozio che mi ha fornito gli ultimi ricambi ho trovato quelle di cui parlerò in questo post..

Intanto, Columbus bike ??? mai sentita. Cerco qualche recensione in rete ma sulle borse che volevo prendere io nulla (da cui questa rece per colmare la lacuna del web 😂😂); scopro che amazon propone della stessa marca parecchie borse per il bikepacking (l'ultima moda in fatto di cicloturismo avventuroso per chi non lo sapesse) che però non mi interessano. Alla fine scopro che Columbus è un'azienda spagnola con sede tra Bilbao e San Sebastian che commercializza  prodotti per l'outdoor per cui guadagna già qualche punto sulla fiducia. Non so altro su di loro a parte che hanno un bel sito.

Veniamo alle borse: Intanto dall'etichetta interna si evince che sono made in China, ma non è un problema, anche la mia bici è prodotta a Taiwan.


giovedì 28 gennaio 2021

cose viste

 #Alive (horror - corea del sud - 2020) 

un film sugli zombie con la pandemia ogni tanto ci vuole. Non è ai livelli spettacolari di Train to Busan ma è comunque carino per il suo genere








the irishman (drammatico - usa - 2019) 

il padrino, c'era una volta in america, il livello è quello, il cast non ha bisogno di presentazioni, un filmone, non servono ulteriori commenti








the mule (drammatico - usa - 2018) 

ogni anno che passa il vecchio Clint riesce sempre a fare un film più bello dell'altro. Mi auguro che campi in eterno, anche se "puoi comprare tutto, tranne il tempo, quello non si compra"








eXistenZ (fantascienza - usa/canada - 1999) 

un film che parla di videogiochi o un videogioco nel film. Reale  contro virtuale un dibattito sempre attuale trasposto in questa (per me) bellissima pellicola.

martedì 26 gennaio 2021

negatività

 da oggi posso salutare il virus cinese e ritornare alla vita sociale, sempre coi limiti imposti dai colori regionali 😁


mercoledì però mi prendo un giorno di ferie (ne ho da vendere...) e mi faccio una pedalata seria che questo mese ho fatto solo 8 chilometri (e ho messo su tre chili!!), poi da giovedì ricomincia il tran tran lavorativo.
stasera finalmente non ho cenato da solo e dopo cena ho fatto un giro con Paco 🐕.
finalmente la "normalità"


domenica 24 gennaio 2021

salamoia

Gli anni passati i frutti sui rami dell'ulivo in giardino li potevi contare sulle dita delle mani, quest'anno invece la pianta era insolitamente carica di olive che mi pareva un peccato sprecare.

Naturalmente da profano ho preso un'oliva che mi sembrava matura e dopo averla spolverata l'ho cacciata in bocca, amarissima, forse la cosa più amara che io abbia mai mangiato in vita mia. Ho quasi pensato che le verdi bacche fossero solamente ornamentali ma leggendo a destra e a manca ho scoperto che la cosa è normale.

Per cui quest'anno ho preparato le olive in salamoia. Sul web si trovano molte spiegazioni sulla preparazione non sempre simili (mi pare di averne letto anche nel blog di Alberto  se non ricordo male) alla fine ho deciso di seguire le indicazioni di un sito di cui non ricordo l'indirizzo che proponeva di cambiare l'acqua  una volta al mese per tre mesi variando la concentrazione del sale ogni volta, ovvero:

1° mese - 10%

2° mese - 12%

3° mese - 6 %

Per assicurarmi che le olive non venissero a galla e restassero sotto l'acqua non avendo quelle "grigliette" in plastica che di solito si mettono nei vasetti di sottaceti ho messo in cima e dentro ad ogni vasetto due o tre foglie di alloro

In questi giorni ho fatto l'ultima salamoia e tra un mese proviamo le "nostre" olive (ben 6 vasetti !!). Per il momento gusto e olfatto ancora latitano però ne ho assaggiate un paio e mi sono sembrate già mangiabili

Non mi resta che attendere... tanto per cambiare 😁😁.

venerdì 22 gennaio 2021

cose viste

 piercing (thriller - usa - 2018) 

un aspirante serial killer incontra la sua vittima che forse è più pazza di lui. un piccolo film con una colonna sonora "retrò". C'è la giusta tensione che non ti molla fino alla fine, io ho guardato anche tutti i titoli di coda con quello scorrere di palazzi infiniti e claustrofobici, una visione disorientante.







solo gli amanti sopravvivono (fantasy? - usa/Gb - 2013) 

non sono particolarmente amante dei film di vampiri, (-Spoiler-  è un film sui vampiri), questo almeno si sforza di essere diverso dai soliti, seguendo un canovaccio diverso, magari un po' radical chic comunque interessante fino alla fine.







la spina del diavolo (horror - messico/spagna - 2001) 

la guerra civile spagnola fa da contorno a questa storia di fantasmi dove sono protagonisti i bambini di un orfanatrofio. Film fatto molto bene, mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato. 








the swerve (drammatico - usa - 2019) 

un topo in casa e il probabile abuso di farmaci per combattere l'insonnia che provocano "strani sogni" portano  una donna con una vita normale sull'orlo di una crisi di nervi. Il racconto di quel male oscuro che è la depressione. Un bel film "triste".

mercoledì 20 gennaio 2021

digiuno

Questo periodo di isolamento forzato ha avuto di certo un lato positivo, ho potuto evitare la tv e tutto quello che contiene in fatto di intrattenimento e notizie. Non posso negare che in famiglia la tv si sia sempre guardata e ogni tanto anche se nessuno la segue è accesa e fa da sottofondo alle nostre vite. Se vivessi da solo però la tele vorrei provare a non averla per vedere l'effetto che fa. Di fatto, essendo stato  l'unico in casa col covid-19 ho vissuto da solo.

L'ala (manco fosse un castello) della casa a me riservata conteneva una tv funzionante che però ho spento il 31/12/2020, gli ho collegato il pc di scorta così da poter sfruttare lo schermo più grande e vedere i film comodamente spaparanzato sul divano. Nessun Gerry Scotti ha turbato la mia quarantena, Trump, Salvini, Renzi, Conte, Cr7 o Dibala non sono stati fatti entrare e non mi sono affatto mancati. Le trite e ritrite serie tv dei canali generalisti o la roba fresca dei canali on demand sono rimaste al piano di sotto. Ma soprattutto mi sono piacevolmente evitato ore e ore di spot pubblicitari non richiesti, televendite e marchette mascherate da notizie principali del tg nazionale.

fonte: WEB
L'isolamento è stato quasi completo e posso dire che al piano di sopra sono arrivate in ordine sparso le seguenti notizie

La juve che batte il milan, approfondita sulla pagina di ADNKronos, è giunta dalle urla sguaiate dello juventino del piano di sotto (è giovane, prima o poi gli passerà sta cosa 😂);

Il mio blogroll è stato utile per avere qualche velina sulla politica interna (questa mi ha fatto intuire l'inizio della crisi di governo per esempio) e sui fatti internazionali più importanti.

I numeri del contagio nel mondo e i colori delle regioni italiane essendo bloccato in casa non mi hanno minimamente interessato e con la tv spenta non mi sono stati ricordati ad ogni piè sospinto.

C'è il programma "quante storie" che va in onda su raitre e di solito guardo durante la pausa pranzo che in realtà avrei guardato volentieri ma da vero talebano ho finto di dimenticarmi della sua esistenza.

Il piccolo esperimento è perfettamente riuscito, sono passati ormai venti giorni nel momento in cui sto scrivendo e lo schermo la in fondo alla stanza è magnificamente nero. Ogni tanto mi piace fare cose che per molti sembrano non normali 😜. Credo che mi rintanerò quassù qualche volta anche quando sarà finita la quarantena.

E voi ? avete la tv ?



lunedì 18 gennaio 2021

cose viste

la "vacanza forzata" prosegue (sono ancora covid-positivo :/) - ieri non ho guardato nemmeno un film che avevo bisogno di una pausa, questi sono quelli visti i giorni precedenti :D 

twin peaks (stagione 1) (serie tv - usa - 1990) 

con trent'anni di ritardo ho recuperato questa iconica serie che ebbe un grande successo in quel periodo. E solo perchè è firmata David Lynch. A volte non capisco se sia una parodia o faccia tutto parte dei classici trip mentali ai quali ti obbliga il regista da sempre nei suoi prodotti, ad ogni puntata si incastra un tassello e ne scopri altri due mancanti. Che dire, non mi è affatto dispiaciuta e trent'anni fa non l'avrei apprezzata per cui ho fatto bene ad aspettare 😁





il labirinto del fauno (drammatico - messico/usa - 2006) 

questo film è un mix di generi, ci può stare il film storico di guerra, come il fantasy con fate e folletti fin quasi a film dell'orrore. E sono tutti film bellissimi sui diversi modi di raggiungere l'immortalità.








L'age atomique (drammatico - francia - 2011) 

due adolescenti della periferia parigina vanno a far serata in centro. Mi è piaciuta l'atmosfera e la poesia di questo film; da non sottovalutare la durata, 63 min coi titoli, alla fine non riesci a stufarti che è già finito.








kaili blues (drammatico - cina - 2015) 

fino a quando la narrazione prosegue in modo lineare il film pur non dispiacendomi ha rischiato di annoiarmi (ho interrotto la visione e ne ho approfittato per mangiare una pizza). dopo un po' ci si rende conto che qualcosa non va, nomi, oggetti, luoghi o movimenti che si ripetono, la realtà non coincide col tempo e diventa un film che richiede un certo impegno per essere seguito e capito, forse anche una certa cultura cinematografica che non è competenza del sottoscritto. Sicuramente mi è piaciuto di più di long day's journey into the night, opera seconda dello stesso regista che mi aveva fatto dormire. Di grande aiuto per la comprensione la recensione di quelli bravi QUI e QUI

sabato 16 gennaio 2021

insoliti tipi di tampone

Oggi ho  fatto il terzo tampone e anche in caso di nuova positività dovrebbe essere comunque l'ultimo perchè secondo le istruzioni fornitemi dall'ATS di Brescia ad inizio isolamento dopo 21 giorni dal primo tampone positivo avrò fatto una quarantena completa e  tra una settimana sarò libero di tornare in semi libertà (siamo ancora in zona rossa pare). Poi credo che per il ritorno al lavoro sia il datore a decidere o meno il da farsi.

fonte: corriere.it
Avevo già fatto un tampone di controllo per il covid-19 ad agosto quando siamo tornati dalla vacanza a Fuerteventura. Era un tampone naso-faringeo e ti prelevavano il materiale da controllare dalla gola e da una narice.

Deve essere cambiato qualcosa nel frattempo perchè ora i tamponi che mi hanno fatto (compreso quello rapido fatto dal mio medico curante) sono solo naso-naso ovvero in gola non ti infilano più niente ma in compenso ti infilano il tampone in entrambe le narici. Non nascondo che è piuttosto fastidioso, a volte sembra che dal naso il tampone arrivi fino agli occhi, dura comunque davvero pochi secondi e poi riaccendi la macchina e riparti verso casa. Infatti, come tutti ormai saprete, questo esame viene fatto in macchina in posti che chiamano drive in, consegni la tessera sanitaria, ti danno una provetta sigillata, etichettata coi tuoi dati e con del reagente dentro, ti sposti più avanti dove consegni la provetta e un operatore sanitario fa i suoi prelievi, ti saluta e avanti il prossimo.

Pur vivendo in un paese con un ospedale nei giorni in cui dovevo andare a fare il tampone non c'era mai posto e tra le alternative proposte dall'ats ho sempre scelto l'area luna park di Brescia che è molto comoda praticamente appena dentro la città. Nelle occasioni precedenti non ho mai trovato traffico all'interno del drive in sbrigando tutta la faccenda praticamente in cinque minuti. Invece oggi, forse perchè è sabato,  c'era un notevole numero di automobili. Tutti ordinatamente in fila indiana, seguendo l'itinerario indicato da un alpino all'ingresso alla fine sarò stato in coda una quarantina di minuti.

Quando sono in coda mi annoio, mi guardo in giro, giochicchio col telefonino, vado avanti un paio di metri e rimango in attesa.  Su alcune automobili c'è più di una persona, evidentemente familiari conviventi, e spesso il passeggero è sul sedile posteriore dal lato opposto al guidatore. Non nel caso della coppia di miei coetanei che erano dietro di me su una piccolo suv grigio della Suzuki seduti uno di fianco all'altra, mascherina d'ordinanza e occhiali scuri. 😷😎
fonte
Verso le 11:22 avanzo per un paio di metri, mi fermo e butto un occhio allo specchietto retrovisore e vedo la signora che si sta chinando come per raccogliere qualcosa. 
Alle 11:24 avanzo altri tre metri, mi fermo, guardo dietro e la signora non è ancora al posto del passeggero, dove sarà andata ? non mi pare sia scesa.
Alle 11:26 sono ancora fermo, guardo lo specchietto, della passeggera dell'auto che mi segue nemmeno l'ombra, anzi un ombra si vede e si agita di buona lena dalle parti del volante dell'autista
Alle 11:27 avanzo un metro, mi fermo, guardo lo specchietto e la passeggera è ricomparsa, si sta rimettendo la mascherina e intravedo un sorriso malizioso.

E niente, evidentemente nell'attesa ha approfittato per un tampone faringeo.

Da questa valle di lacrime è tutto, a voi la linea ! 😂😂

giovedì 14 gennaio 2021

cose viste

 holy motors (drammatico - francia - 2012)

un film che parla di cinema e del ruolo dell'attore in un modo molto particolare. fantastico.








black box (drammatico - usa - 2020) 

un film che apparentemente strizza l'occhio all'horror senza davvero riuscirci. riesce comunque a creare tensione e un senso di inquietudine per quasi tutto lo svolgimento. mi è piaciuto.







eight grade (commedia - usa - 2018) 


ejght grade negli usa è la terza media, un periodo che può essere molto spensierato ma che può anche fare parecchio schifo. Un film sull'oggi che, fatta la dovuta tara di social, smartphone e tutto quello che gli va dietro, ti riporta alle medie, con tutte le insicurezze di quel periodo pazzesco della vita che è l'adolescenza. Promosso a pieni voti !!






pause (drammatico - grecia - 2018) 

la menopausa della protagonista è in qualche modo protagonista di questo film ammantato di tristezza esistenziale. il finale non te lo aspetti, però un po' ci speri. un altro bel film greco a mio parere

martedì 12 gennaio 2021

ho il ciclo

Oggi sono 16 giorni che non metto il culo sulla sella. Un fatto come questo non capitava probabilmente dal 2011 che è poi l'anno del mio primo viaggio in bici. Prima usavo la due ruote come un italiano medio, ovvero un po' in estate e quasi mai durante le altre stagioni preferendo l'automobile.

Negli ultimi anni invece l'uso è stato quasi giornaliero ed è solo nell'estiva settimana di ferie che stavo lontano dai pedali per più di otto giorni. Per scelta non ho mai comprato i rulli, che pedalare in salotto proprio non mi intriga e in questo periodo di inattività causa covid non ho più le vesciche del sellino ma le piaghe da divano 👀

Lo scorso anno, ciclisticamente parlando, è stato un po' limitato dalle restrizioni  governative per la pandemia ma alla fine ho quasi raggiunto gli obiettivi che mi ero prefissato a inizio 2020 cioè ripetere almeno coi numeri quanto fatto nel 2019


purtroppo non ho fatto nemmeno un breve cicloviaggio e anche questo era dal 2011 che non capitava, ma è stata più che altro una mia scelta: in giugno ho avuto del tempo libero che mentalmente non ero pronto a sfruttare ...o forse non sapevo solo dove andare 😂

Nel frattempo, nel rispetto del distanziamento coi miei "coinquilini" mi sono autorecluso qualche giorno in garage e dopo aver ricevuto alcuni pezzi di ricambio acquistati online ho iniziato a fare un po' di manutenzione ai mezzi.


Ho ormai acquisito una discreta esperienza almeno coi lavori più semplici e anche se non è scontato (purtroppo potrò fare un collaudo serio quando non sarò più in quarantena) penso di non aver fatto danni nemmeno questa volta 😎😎😁

Tra l'altro i ricambi li ho presi da un eshop di Varese e mi è costato anche meno del famigerato amazon per cui è andata bene anche da quel punto di vista.

Il 2021 è partito male ma conto di recuperare quando mi passa questo maledetto raffreddore.

Ci si vede... on the road !!



domenica 10 gennaio 2021

cose viste

 julien donkey boy (drammatico - usa-1999) 

sul pc di scorta ho un sacco di film scaricati e non visti, questo è uno di quelli; sul momento hai l'impressione di vedere un documentario sulla malattia mentale girato un po' alla buona. Tutto in realtà è voluto dal regista che ti porta nella vita di uno schizofrenico e della sua famiglia. E' riuscito a stressarmi, e forse anche questa è una cosa voluta dal regista.





stalker (drammatico - urss - 1979) 

per molti il capolavoro del regista sovietico (io ho preferito Solaris); malgrado la lunghezza e i tempi dilatati non gli ho tolto gli occhi di dosso fino alla fine. L'ho trovato su youtbe, i sottotitoli in italiano non sono sincronizzati per cui ho fatto fare la traduzione automatica di altri sottotitoli.






antiviral (fantascienza - canada - 2012) 


in un futuro distopico e alquanto malato i fan delle celebrità farebbero qualsiasi cosa per avere una connessione più intima con i loro beniamini, tipo comprare  una loro malattia. a me questi film strani piacciono tanto :D






sto pensando di finirla qui (drammatico - usa - 2020) 


tra dialoghi colti e scene anche inquietanti ho rischiato davvero di non capirci una mazza. Siccome il film mi è piaciuto sono andato (poi) a leggermi le recensioni serie da quelli bravi. La scena del ballo mi ha emozionato parecchio (ma non so ancora il perchè)