Sample Text

Niente da fare, c'è sempre troppo tifo...

sabato 17 aprile 2021

aggiornamento del post precedente

 uno aspetta diciotto mesi per fare una recensione non dico seria ma almeno affidabile e dopo aver esaltato solo pochi giorni prima le fantasmagoriche caratteristiche dei suoi copertoni Vittoria Revolution tech G+ che fa?

buca!😅

per bucare comunque mi sono dovuto anche impegnare perchè dopo vari tornanti in salita al settimo ho  deciso di accostare per accendere la radio e mettermi le cuffiette (si sa che la musica aiuta a mantenere la cadenza); accostando sono finito nella terra a lato dell'asfalto ed ho trovato una puntina da disegno (che cazzo ci fa una puntina da disegno in montagna...) accuminata quanto basta per penetrare la gomma.

Mi pareva corretto scriverlo perchè io sono per le recensioni oneste e corrette.

giovedì 15 aprile 2021

Recensione: copertoni Vittoria revolution tech G+

La mia Cinelli Hobotleg è uscita dalla fabbrica montando gli italianissimi copertoni Vittoria Randonneur Trail che neglianni di utilizzo mi hanno pienamente soddisfatto. Nel 2019 ero arrivato a renderli lisci e rimandavo ogni giorno la sostituzione perchè ero alla disperata ricerca di un rivenditore che li avesse ancora in magazzino. La ricerca non è andata a buon fine e allora ho optato per l'acquisto di questo nuovo modello che ho testato durante il mio ultimo mini viaggio a settembre del 2019 e che sono ancora sulla bici dopo un anno e mezzo di utilizzo.

Caratteristica di questi Revolution tech è l'aggiunta del "grafene" nella mescola della gomma per aumentarne la resistenza alla foratura. In questi 18 mesi di utilizzo quasi quotidiano, su superfici miste ma non troppo (diciamo un 90% asfalto e 10% sterrato di vario tipo) posso dire di non aver mai bucato. E basterebbe quello per promuoverle a pieni voti. Ho trovato anche più che soddisfacente la scorrevolezza sull'asfalto, il grip sulle superfici umide/bagnate e la durata del copertone: dopo i primi 9000 km le ho scambiate portando la posteriore sull'anteriore e viceversa e credo di farne altrettanti senza problemi. Per ultimo le fasce laterali riflettenti che aumentano la visibilità della bici su strade buie.


a gennaio del 2019 li avevo pagati 50€ la coppia su CRC (erano anche scontati), non proprio economici per  essere fondamentalmente dei copertoni da città. Purtroppo visto il boom mondiale che ha avuto la bicicletta negli ultimi due anni a quel prezzo non si trovano più, anzi, sulle maggiori piattaforme di shopping online dedicate alla bicicletta sono spesso esaurite. 

i primi risultati della ricerca su google 14/4/21

Come in precedenza i Randonneur, anche i Revolution mi hanno completamente soddisfatto andando ben oltre le mie aspettative per cui li straconsiglio.

buone pedalate

domenica 11 aprile 2021

cose viste

 il sabba (drammatico - spagna - 2020) 

l'inquisizione nella Spagna del 1600 e la caccia alle streghe. Un bel film visto su Netflix








Ricomincio da tre (commedia - italia - 1981) 

L'avevo già visto da giovane ma ho accantonato per anni la visione di film e spettacoli di Troisi per la mia incapacità di capire la sua napoletanità. Recuperato in età adulta devo dire che mi fa sempre molto ridere.







la grande bellezza (drammatico - italia - 2013) 

non credo di dover sprecare altri bit per parlare di questo film pluripremiato. lo rivedo ogni volta volentieri








seven sisters (fantascienza - usa - 2017) 

in un futuro distopico e in un mondo sovrappopolato per legge ogni famiglia può avere un unico figlio altrimenti... bel film








arrival (fantascienza- usa - 2016) 

fantascienza ma non solo. filmone.

martedì 6 aprile 2021

Recensione: Fanali posteriori ad alta luminosità / basso prezzo

Usare la bici ogni giorno ti espone inevitabilmente a una serie di pericoli che in molti  casi dipendono dal comportamento degli altri utenti della strada: per esempio, io faccio il tragitto casa lavoro di 4 chilometri su una strada extraurbana con il limite dei 70 km/h ma vedo davvero pochi automobilisti che rispettano quel limite; quando ti superano poi spesso lo fanno di pochi centimetri, per non parlare poi dei telefonini sempre in mano, delle donne che si truccano guidando, di chi fermo allo stop o a un incrocio guarda solo da una parte prima di partire. Io negli ultimi anni ho imparato a usare il casco anche quando vado al lavoro anche se spero che non debba mai davvero servirmi.

Però ci sono obblighi per il ciclista che molti non rispettano come per esempio quello di rendersi visibili dopo il tramonto con un giubbetto catarifrangente e fanali. Avendo fatto per anni anche i turni io queste dotazioni per muovermi di notte o di mattina presto le ho sempre avute però per la fanaleria sono sempre andato al risparmio facendomi bastare i fanali da pochi euro che si trovavano al supermercato.

Ultimamente ho deciso di migliorare la mia visibilità investendo qualche euro in più sui fanali e per le mie tre bici ho cercato di prendere dei fanali posteriori che potessero essere visibili anche di giorno. Online si può trovare di tutto e di tutti i prezzi (in alcuni casi davvero esorbitanti) per cui cercando di restare su un prezzo medio-basso e di avere una buona luminosità, una buona durata della batteria (ricaricabile) e la ricarica tramite porta usb ho preso questi tre prodotti che descriverò brevemente di seguito.

domenica 4 aprile 2021

Buona Pasqua

 Ieri mi era venuta un' irresistibile voglia di uova di pasqua ma quando mi sono recato nei "tre" supermercati qui vicino ho scoperto che le avevano finite già dal mattino e in uno già dal giorno prima. ☺ Nemmeno gli ovetti della kinder sono rimasti... evidentemente non ero l'unico con questa irresistibile voglia di uova di pasqua.

Almeno non piove. ☺☺

Ciaooo