Sample Text

Assente ingiustificato 😁

domenica 29 agosto 2021

Esco a fare due passi: in val Canè

22 agosto 2021:

Questa domenica siamo andati a fare un'escursione in val Canè o valle di Canè dal nome del paesino (frazione di Vione - BS) che si trova in alta valle Camonica a pochi chilometri da Ponte di Legno. La valle si trova nella parte bresciana del parco nazionale dello Stelvio. Le previsioni meteo un po' incerte e la distanza da casa ha fatto sì che la sveglia suonasse davvero molto presto.

La scelta di arrivare fin quassù è stata dettata dal livello di difficoltà, praticamente nullo, ma soprattutto dall'alta probabilità di poter vedere da vicino stambecchi e camosci. In questa valle pare sia stato avvistato un orso qualche mese fa, ma quello spero di non incontrarlo ... da vicino ... 😅😂

A Sonico, prima di Edolo ci fermiamo a fare provviste in questa forneria fornitissima (prenderei tutto!!)

Arrivati a Canè è possibile parcheggiare (3€ al giorno) nel parcheggio poco fuori paese ma se si arriva prima delle 9 si può risalire con l'automobile fino alla località Cortebona su una bella strada lastricata/sterrata risparmiandosi almeno un'oretta di cammino e 200 mt di dislivello; la sveglia in realtà è suonata presto anche per questo motivo 😛

 

mercoledì 25 agosto 2021

Esco a fare due passi: gita in val di fumo

 12 agosto 2021

la Val di Fumo è la testata della val di Daone in Trentino Alto Adige, una delle valli dell'Adamello solcata dal torrente Chiese. Non è proprio dietro casa anche se poco lontano dalla provincia di Brescia. Più volte facendo qualche ricerca in rete l'ho trovata paragonata a un "piccolo Canada" per la bellezza del paesaggio. Oltretutto nelle due ore di cammino il dislivello è praticamente trascurabile e questo la fa diventare meta ideale per famiglie con bambini piccoli. In questa gita ci hanno accompagnato mia figlia e suo marito dopo aver assicurato loro che non li avrei fatti faticare come l'ultima volta che sono venuti con noi 😇

Ovviamente Paco ha guidato il gruppetto 🦮

 

L'escursione inizia alla diga nei pressi di malga Bissina dove lasciamo l'automobile nel parcheggio a pagamento (6€ al giorno) che per sicurezza ho prenotato online. Il parcheggio ha dei bei servizi igenici e un punto per le informazioni turistiche.

Il primo tratto di circa un'ora (fatta con calma) si svolge su una strada carrabile che costeggia la diga fino a raggiungere la malga Breguzzo. 

....da qui in poi molte foto, poco testo...

domenica 22 agosto 2021

CULInaria fai da me: la panzanella

Da anni ricevo in regalo ortaggi di ogni tipo dall'orticello iper produttivo di mio padre e spesso mi ritrovo anche a dover rifiutare qualcosa perchè sono un ex schizzinoso, ma non mi può piacere tutto per forza, no ? 😚😚

Per esempio le melanzane mi sono state  proposte in mille modi, ma io riesco a sopportrarle solo in questo modo QUI (ok le mangio anche alla parmigiana ma solo per non offendere chi me le cucina 😅).

Stessa cosa per i cetrioli: mangio volentieri quelli piccoli del supermercato nel vasetto ma quelli grandi e freschi freschi appena colti non so proprio che farmene (e non fate battute a carattere sessuale) 😆😂

Poi nel tentativo di non buttare via niente ho scoperto la  ricetta della felicità che ha il cetriolo come ingrediente ed è talmente semplice che definirla ricetta e farci addirittura un post mi sembra del tutto superfluo.

però lo faccio lo stesso perchè è un modo per ricordare le cose belle (e poi io ho poca memoria)

gli ingredienti:

pomodori, cipolla rossa, cetriolo, pane raffermo, basilico, olio, aceto, sale e pepe

si tagliano gli ortaggi a tocchetti rondelle o come vi pare e si assemblano in una ciotola capiente assieme al pane raffermo che è stato precedentemente bagnato con acqua e poi strizzato e sbriciolato. si aggiunge il basilico tagliato/tritato (10-15foglie) e si condisce il tutto con olio aceto sale e pepe lasciando poi riposare il tutto un'ora o due per far in modo che il pane assorba i sapori

io la prima volta che l'ho fatta non l'ho nemmeno condita e mi è piaciuta lo stesso. (Sarà ricordata come la variante light di kermitilrospo)

qua sotto l'opera prima


venerdì 20 agosto 2021

Vacanze sicule: una settimana a Marzamemi e dintorni

25giugno - 4luglio 2021
Scegliere di fare una vacanza in Italia quest'anno è stato quasi un fatto automatico che ne ho avuto abbastanza di tamponi e quarantene. Già ad aprile mi stavo guardando in giro e avevo trovato voli interessanti a prezzi stracciati e solo uno scemo non li avrebbe prenotati anche se in quel periodo eravamo in piena pandemia e in zona rossa. E anche stavolta son qui per dire quanto sia stato scemo. Alla fine prenotando all'ultimo momento ho speso qualche euro in più (qualche...) ma in fondo l'importante era partire.
la mappa delle nostre ferie

Scegliere di andare in Sicilia fino a Marzamemi è stato quasi un caso dato che prima di leggere il nome di questa frazione di Pachino tra i post su FB di mia cugina mai ne avevo sentito parlare. Ho scoperto solo dopo che da villaggio di pescatori sta puntando molto sul turismo e sta diventando una sorta di località radical chic.

anche stavolta abbiamo volato con Ryanair da Malpensa su Comiso dove ho trovato una Panda in affitto a prezzi non proprio economici ma decisamente concorrenziali rispetto alle compagnie di noleggio presenti in aeroporto.

siamo andati al mare ma abbiamo soggiornato in un appartamento "di campagna" trovato su airbnb comunque a pochi minuti a piedi dal mare e dalla movida 😎.La disponibilità e la gentilezza della padrona di casa ha reso confortevole il soggiorno, prolungandolo anche dopo l'orario di check out dato che avevo l'aereo di ritorno nel tardo pomeriggio.

da qui in poi qualche foto da tenere nell'album dei ricordi

domenica 15 agosto 2021

Esco a fare due passi: la strada delle 52gallerie

10 Agosto 21

un itinerario escursionistico molto famoso perchè legato a vicende storiche della prima guerra mondiale è la strada delle 52 gallerie, opera ingenieristica militare che permetteva di rifornire la prima linea italiana dal versante  meridionale del monte Pasubio, lontano dal tiro  degli austriaci. Su wikipedia una esauriente spiegazione sulla sua costruzione e i suoi scopi.

Questa come altre vie militari di cui fu dotato il monte durante la grande guerra sono fortunatamente al giorno d'oggi fruibili solo per meri scopi turistici.

In realtà ne avevo già sentito parlare da un mio collega ma poi ho messo quest'informazione nel dimenticatoio e me ne sono ricordato mentre guardavo su youtube dei video di trekking in cerca di ispirazione. Questo video che curiosamente appartiene a un canale chiamato "Dove andiamo domani ?" ha ispirato questa gita che si è svolta esattamente il giorno dopo averlo visto 😅

Essendo il Pasubio posto al confine tra Trentino e Veneto per cui non proprio dietro l'angolo ci ha costretto a un viaggetto di un paio d'ore di macchina prima di raggiungere il punto di partenza a Bocchetta di Campiglia (ampio parcheggio a pagamento 6€ al giorno)

di seguito qualche foto ricordo della giornata