Sample Text

Niente da fare, c'è sempre troppo tifo...

domenica 24 gennaio 2021

salamoia

Gli anni passati i frutti sui rami dell'ulivo in giardino li potevi contare sulle dita delle mani, quest'anno invece la pianta era insolitamente carica di olive che mi pareva un peccato sprecare.

Naturalmente da profano ho preso un'oliva che mi sembrava matura e dopo averla spolverata l'ho cacciata in bocca, amarissima, forse la cosa più amara che io abbia mai mangiato in vita mia. Ho quasi pensato che le verdi bacche fossero solamente ornamentali ma leggendo a destra e a manca ho scoperto che la cosa è normale.

Per cui quest'anno ho preparato le olive in salamoia. Sul web si trovano molte spiegazioni sulla preparazione non sempre simili (mi pare di averne letto anche nel blog di Alberto  se non ricordo male) alla fine ho deciso di seguire le indicazioni di un sito di cui non ricordo l'indirizzo che proponeva di cambiare l'acqua  una volta al mese per tre mesi variando la concentrazione del sale ogni volta, ovvero:

1° mese - 10%

2° mese - 12%

3° mese - 6 %

Per assicurarmi che le olive non venissero a galla e restassero sotto l'acqua non avendo quelle "grigliette" in plastica che di solito si mettono nei vasetti di sottaceti ho messo in cima e dentro ad ogni vasetto due o tre foglie di alloro

In questi giorni ho fatto l'ultima salamoia e tra un mese proviamo le "nostre" olive (ben 6 vasetti !!). Per il momento gusto e olfatto ancora latitano però ne ho assaggiate un paio e mi sono sembrate già mangiabili

Non mi resta che attendere... tanto per cambiare 😁😁.

9 commenti:

  1. Hai fatto bene ! Io avevo un albero di ulivo , che avevo piantato io , diversi anni fa , quando era piccolo. Nel corso degli anni , è diventato grande e ha prodotto molte olive. Io le ho sempre lasciate sull'albero. Le ho provate ma , così, sono immangiabili, troppo amare. La salamoia era un procedimento lungo, portarle al frantoio, ce ne volevano almeno 200kg... quindi le ho sempre lasciate sulla pianta. Quest'anno , la prima nevicata ha piegato i rami, la seconda nevicata ha spezzato l'albero in due, alla base.. Irrecuperabile ! Il giardiniere non ha potuto far altro che tagliare tutti i rami ed estrarre le radici. Mi spiace !!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che peccato, anche il nostro è stato piantato dai miei suoceri almeno 25 anni fa che era poco più di un bastone. Il mio ha resistito a molti miei esperimenti di potatura e probabilmente è guarito da una qualche malattia perchè ricordo qualche anno fa che nel giro di quindici giorni perse tutte le foglie. E' una pianta tenace.

      Elimina
  2. sapori e odori del passato. mia zia metteva della cannella. buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. della cannella nelle olive ?

      Elimina
    2. sì, nella salamoia: piccole stecche di cannella. buon giorno

      Elimina
  3. Se non hai modo di attendere ora, del resto, quando? ;)

    RispondiElimina
  4. Vero, amarissime. A me è capitata una cosa simile con le bacche di cacao che avevano regalato per natale a una mia collega, che me le offrì dicendo "assaggia".

    Sono curioso di sapere come sarà il risultato.

    RispondiElimina

commenti? fate vobis