Sample Text

Disponibile a colpi di stato softūüėĀ

domenica 29 maggio 2022

Esco a fare un giro in bici: Maniva e passo di Crocedomini

Arrivare al passo di Crocedomini partendo da casa era diventato un mio obiettivo gi√† qualche anno  fa quando feci un primo tentativo fallimentare. Avevo pensato come dovrebbe fare chi √® dotato di buon senso di dividere la gita in due parti e fermarmi fuori a dormire (il passo dista 100 km da casa mia con pi√Ļ di 2000 m di dislivello) ma ho anche questa fissa delle lunghe distanze e anche se l'et√† avanza ho pensato che domenica scorsa fosse il giusto momento per riprovarci. Ulteriore difficolt√† dovuta al fatto che il giorno prima avevo trascorso una giornata di completo relax al mare a Punta Sabbioni (ottimo), la sera a cena mi √® stato servito un fritto di paranza dentro una cassetta di legno che mi sono scofanato con impegno 
(perfetto) ma il ritorno a casa è giunto piuttosto tardi e mi infilavo a letto verso la una e un quarto e la possibilità di non sentire la sveglia era piuttosto alta. Alla fine la sveglia l'ho sentita e carico di fritto misto e tante aspettative alle cinque del 22 maggio 22 ero già in sella godendomi il fresco dell'alba.
Di seguito qualche foto e commento.....
 
alba con vista sulle prealpi bresciane (Montenetto)
raggiungo Brescia con la ciclabile BS-CR
a Brescia si segue il Mella lungo la ciclabile della Valtrompia
salendo il Mella diventa un torrente
dopo Collio iniziano le pendenze serie (qui vista su San Colombano)
i primi tornanti per la salita al Maniva
e i primi scorci di alta montagna
nuvole all'orizzonte contribuiscono a raffreddare "il motore"
il bivio dove mi ero fermato l'ultima volta, questa volta si prosegue!!
mancano circa venti chilometri ma non saranno tutti in salita
c'è anche un po' di nebbia
quando la salita si fa dura il rospo si ferma e mangia un pane con la motadella preso a Collio
l'ultima neve
vedere i radar del dosso dei galli mi rincuora, la cima è lì a poche curve


approfitto di ogni scatto per riposare




il dosso dei galli è alle spalle ed ora... discesa!!




un primo tratto sterrato segnalato come inizio della val Camonica

è uscito definitivamente il sole e ci si gode il paesaggio

c'è ancora un tratto asfaltato poi fino al rifugio sarà strada bianca

qui si pesca

unica bici nel parcheggio del rifugio passo Crocedomini (in realtà ciclisti ne ho visti passare)

foto ricordo ...se ce l'ho fatta io...

due giorni dopo il Giro passerà da queste parti

in discesa verso la piana del Gaver





ero quasi a secco

valle Dorizzo, posto incantevole


superato di slancio l'abitato di Bagolino si scende verso il lago d'Idro

ultima breve sosta al parcheggio sotto la rocca d'Anfo

alla fine il lago ritora fiume (il Chiese dopo Idro)

Dopo il lago le foto si interrompono, mancanco ancora pi√Ļ di sessanta chilometri per arrivare a casa e due salite non troppo impegnative (Preseglie e Odolo) che dopo centocinquanta chilometri si fanno sentire. Il traffico dei turisti automuniti √® intenso ma sono le moto che la fanno da padrone ed √® l'unico neo a questa giornata (per me) memorabile: troppi motociclisti in assetto da gran premio hanno turbato i nervi di chi scrive, credo che eviter√≤ le montagne in bicicletta nei fine settimana per il resto della vita.

Gli ultimi chilometri prima in discesa dal Sant'Eusebio poi in pianura fino a casa lì ho fatti con la spia della riserva accesa, spingendo sempre il minimo e con un inizio di crampi, ma alla fine ho sfondato quota duecento chilometri, che era un altro degli obiettivi di giornata.

quasi a casa, se ci fosse di mezzo un cavalcavia chiamavo il carro atrezzi


E mo' diamo un po' di numeri:

tempo in movimento - 13h 6'

tempo fermo - 1h 30'

velocità media - 15,7 km/h

percorsi - 207 km

calorie consumate - 7602 cal

reitegrate con - 2 panini con mortadella e formaggio, 4 barrette, 2 pesche, 2 banane, 1 fetta di torta, 1 caffè, 1 coca cola, innumerevoli litri d'acqua e comunque il fritto di paranza ho finito di digerirlo al settantesimo chilometro nei pressi di Collio

2 commenti:

  1. Tutto molto bello ed interessante, complimenti e grazie per le splendide foto del percorso. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sono un pessimo fotografo, fortunatamente il cellulare e i panorami fanno tutto da soli, io devo solo mettermi in posa ūüėā

      Elimina

commenti? fate vobis