Sample Text

Assente ingiustificato 😁

domenica 24 maggio 2020

Settimana veg

Non sono vegetariano ne tanto meno vegano. Mi capita però spesso durante l'anno di nutrirmi con cibi che non provengano da altri animali.
Quest'anno, su invito (rivolto a tutti) dell'Alligatore ho deciso di cimentarmi nella Settimana Veg proposta dal sito di questa associazione animalista.
Naturalmente non vivendo da solo ho coinvolto i miei famigliari che  con mio grande stupore hanno accolto l'iniziativa con molto entusiasmo !!
Meglio così perchè da solo non avrebbe avuto molto senso, si sa il cibo è anche condivisione, dalla scelta degli ingredienti da comprare, alla preparazione e al pasto vero e proprio. La proposta parte dal menù del lunedì fino alla cena della domenica ma noi abbiamo iniziato domenica scorsa perché anche negli schemi ci piace fare un po' quel che ci pare  (non è vero, avevamo impegni carnivori per la domenica successiva :))

Naturalmente ho immortalato quasi tutti i risultati delle nostre preparazioni e non è detto che non esca qualche nuovo post di Culinaria faidame :D

Di seguito un po' di foto e le mie inutili considerazioni:

pasta al forno con besciamella

zuppa di fagioli azuki

focaccia di semola *

bowl con curry di verdure e riso rosso


burger di fagioli rossi e barbabietola

pasta e ceci
purtroppo pranzo a lavoro oggi !
bulgur con verdure speziate e piadelle di Gloria *

hummus di cannellini

cous cous con verdure al forno

stufato di lenticchie


Farifrittata

Orzo al pesto



zucchine ripiene

pizze senza mozzarella fatte col mio impasto no knead


Dal punto di vista culinario è stata una settimana molto interessante: avere il menù programmato per tutti i giorni è una gran cosa, ti permette di fare la spesa in modo più "razionale" e toglie anche lo stress al famigliare che si occupa di cucinare; quante volte vi sarete chiesti "stasera che faccio per cena" e come risposta di solito c'è un fa quello che ti pare ? Più che la cucina veg ( che già apprezzavo) è stata questa la vera novità per la mia famiglia.

Parlando del cibo in particolare devo dire che i prodotti di origine animale e derivati non mi sono mancati e se ci penso guardando il frigo o la dispensa dove avevo spostato la roba NON veg è una vera sorpresa. Altra cosa, pensavo di non saziarmi a sufficienza, infatti nelle foto pubblicate ci sono un paio di cose non  presenti nel menù settimanale ma che avevo aggiunto per accompagnare la pietanza (vedi le piadine) o perché credevo di aver ancora fame (vedi la focaccia di semola): niente di tutto ciò, anzi è capitato alcuni giorni di avanzare qualcosa e mangiarlo il giorno dopo perché era troppo per noi.
Ho anche lavorato di buona lena per tutta settimana per cui posso dire che le energie non mi sono mai mancate. All'inizio, lo ammetto, mi è mancato un po' il "dolcetto" a fine pasto, ma ho rimediato in un paio di occasioni con una mousse di latte di soia o un gelato vegano del supermercato.
Menzione particolare per le spezie, che a casa mia oltre a pepe e peperoncino erano una mezza rarità che invece questa settimana ho (Ri)scoperto e apprezzato.

Il capitolo preparazione è stato forse quello che ci ha impegnato di più perché normalmente le verdure vanno un minimo lavorate (tagliate, lavate...) e la cosa porta via un po' di tempo. Mia moglie questa settimana era in cassa integrazione per cui ha sopportato la maggior parte dell'impegno. Però anche se avesse lavorato c'era sempre la possibilità di preparare tutto il giorno prima. La preparazione di questi piatti, seppur in tutta la sua semplicità, ha fatto balzare subito all'occhio la differenza tra lo scaldare e il cucinare: il primo soddisfa lo stomaco, il secondo soddisfa anche lo spirito.

Nell'organizzazione settimanale c'erano anche colazione e spuntini: anche a colazione ci sono delle belle ricette ma io ho optato per caffè, pane e marmellata tutti i giorni, per gli spuntini un frutto non mancava mai anche prima per cui nessun problema. 

Che dire di più?
L'esperienza mi ha soddisfatto pienamente e potrebbe dare il via a un piccolo cambiamento almeno per le abitudini alimentari. Ma non da subito, ho ancora una dispensa da vuotare che come ben sapete, qua non si spreca un bel niente.

17 commenti:

  1. Prima o poi mi toccherà provare. È da un po' che ci penso.

    RispondiElimina
  2. Ma infatti penso che piacerebbe anche a me, e comunque l'ho provata in più occasioni.
    Però ecco, tu non da subito, io non per sempre... diciamo così.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Ciao, non sono vegetariano ne voglio salvare gli animali da una triste fine,in padella.
    Non mangio quasi mai piatti carnivori,salvo se invitato a qualche cena, semplicemente perche la carne non mi piace e perche i piatti di verdure sono gustosissimi.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'animale che finisce in padella, essendo parte di una catena alimentare, ci può stare. So

      Elimina
  4. un'intera settimana! interessante ma non arrivo a tanto. buon giorno

    RispondiElimina
  5. dimenticavo: le foto sono davvero appetitose

    RispondiElimina
  6. Trovo tutto buonissimo, 10 e lode. Io mangio di tutto, con una predilezione vegetale ^_^
    Non ho mai assaggiato i burger di fagioli rossi e barbabietola, che mi sembrano gustosi... proverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto mangio i burger vegetali del supermercato che in realtà sono abbastanza buoni, ma quelli di questa ricetta sono davvero ottimi

      Elimina
  7. Le tue fotografie della settimana veg mi hanno veramente incuriosita, ci sono dei piatti che mi ispirano molto.
    Deve essere stato proprio interessante fare questo esperimento, devo provare anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se segui il link della settimana veg puoi raggiungere il sito (ioscelgoveg) con queste ricette e molte altre ancora

      Elimina

commenti? fate vobis