Sample Text

Niente da fare, c'è sempre troppo tifo...

domenica 21 febbraio 2021

il valore terapeutico del faidate

A casa mia se arriva l'idraulico o l'elettricista vuol dire che il danno è gravissimo. Non posso dire di essere un fenomeno coi lavori di casa ma tendo a cercare di riparare da solo i piccoli guasti che possono succedere. Come spesso mi capita rattoppo e poi quando avrò più tempo a disposizione provo a risolvere definitivamente.

Nel bagno al piano di sotto per esempio la vecchia cassetta dello sciacquone (una Dora Faismilani degli anni 70) perdeva dal rubinetto del galleggiante e per alcuni mesi è rimasta aperta e bloccavo il galleggiante con un pappagallo altrimenti continuava a gocciolare, creando anche un certo imbarazzo negli ospiti che usando il bagno non trovavano il tasto ma una corda da tirare e un pappagallo di ferro in posizione precaria (...vabbè che ospiti volete che abbia avuto in questi mesi di lockdown...👀 ). Il pezzo di ricambio in realtà in rete si trova abbastanza facilmente ma alla fine ho deciso di mettere una cassetta esterna che sarà più pratica la prossima volta che ci devo mettere le mani. 


Il lavoro più rognoso è stato riutilizzare la presa dell'acqua interna alla vecchia cassetta e con un tubo portarla all'ingresso della nuova, in pratica un piccolo impianto idraulico manicotto, rubinetto, tubo flessibile, tutto piuttosto banale se non fosse che nel mondo dell'idraulica misurano tutto coi pollici e quando ti trovi al Brico davanti a una serie infinita di tubi, raccordi e guarnizioni ti rendi conto di non essere anglosassone. Io ho risolto la cosa portandomi un pezzo filettato che si adattava al vecchio impianto che alla fine ho scoperto essere da 3/8 di pollice. Altra menata le misure del tubo di scarico che quello in dotazione con la cassetta era veramente corto mentre io ho optato per portarla in alto così da poter nascondere il tubo flessibile che in caso contrario sarebbe uscito dal muro attaccandosi lateralmente alla cassetta. Rimane solo da mettere una "bella" toppa al posto della vecchia placca a muro (che per il momento è rimasta) e un'altra da mettere al foro rimasto in basso nei pressi dell'ingresso del wc. Il risultato mi ha dato grande soddisfazione anche perchè non ci sono perdite nell'impianto e la cosa non era così scontata.

Per reperire i vari pezzi mi sono preso un giorno di ferie e ne ho approfittato per andarmene a spasso per centri commerciali che in questi mesi sono sempre chiusi il fine settimana. Non è certo il mio svago preferito ma se il posto non è affollato (non era affollato!) non mi dispiace farmi una passeggiata in quei posti  quelle 2-3 volte l'anno. Sono stato anche da Ikea dove ho preso un attaccapanni nuovo (la vecchia pianta traballante è finita in discarica già da alcuni mesi) risolvendo l'annoso problema di casa mia dei giubbini attaccati alle sedie 😂😂😂


Tra l'altro ho trovato un appendino carino a forma di culodicane dove attaccare il guinzaglio e il collare di Paco che spesso sparivano tra le pieghe del divano

Nei giorni di gennaio in cui ero a casa col covid per passare il tempo ho smontato e ripulito completamente la Saeco Xsmall che tanti caffè aveva preparato. Ho guardato alcuni tutorial su youtube (tra cui uno in russo coi sottotitoli in tedesco) riuscendo nell'impresa di rimontare la macchinetta senza avanzare nessun pezzo, riuscendo a rimetterli tutti al proprio posto e anche questo non era proprio scontato (chi mi conosce lo sa 😰 )
Lo scopo del lavoro era ripulire il beccuccio erogatore dalle incrostazioni causate dai grassi presenti nel caffe: nella foto sopra si può vedere l'accumulo di una decina di anni di funzionamento !! Io mi sono sempre occupato di fare i lavaggi periodici con l'anticalcare ma tutta quella schifezza la dentro non me l'aspettavo proprio.
Oltre ad averla ripulita ho anche capito come funziona. E' stata una grande soddisfazione bermi di nuovo il caffè macinato  al momento e per una settimana è andato tutto liscio. Purtroppo in questo momento è nuovamente ferma e credo che ci siano altri problemi a livello del filtro nell'unità di erogazione. Necessito di un paio di pezzi di ricambio ma il fatto di avere una moka che fa ancora il su dovere mi ha fatto interrompere la manutenzione.


Sempre a gennaio si è rotta la serratura di un portoncino di casa, una porta che ha almeno trent'anni con una serratura multipunto made in germany che è fuori produzione da tempo e che non riesco a trovare sul mercato. Per cercare un prodotto simile ho chiesto a un falegname del paese (dal quale mi ero recato per dei pezzi di ricambio per le tapparelle) che sta provando tramite i suoi fornitori ma non sono molto ottimista.

La serratura l'ho smontata per guardarla "da vicino" e per adesso riesco ancora ad usarla per aprire/chiudere la porta ma a parte un pezzo di metallo che si era irrimediabilmente staccato ho notato un punto in cui è proprio crepata. Non durerà molto e se non la trovo uguale dovrò metterne una "normale rinunciando alla chiusura coi nottolini che era utile per sopperire alla naturale deformazione del legno eliminando ogni spiffero una volta chiusa la porta.

E ho fatto anche l'elettricista: lo specchio del bagno ha tre belle luci alogene che non funzionavano da almeno tre anni (ho già detto che se una cosa non è urgente faccio passare sempre molto tempo prima di risolvere il problema, vero ?). E giusto tre anni fa ho comprato le lampadine nuove ma una volta sostituite non funzionavano lo stesso. Alla fine il mese scorso ho smontato il mobile scoprendo che le lampadine funzionano a 12 V e attaccato dietro lo specchio c'è il trasformatore che era guasto. Una volta sostituito ho avuto di nuovo il bagno illuminato "a giorno".

A gennaio in realtà un tecnico l'ho dovuto chiamare dato che una mattina mi sono accorto che la caldaia era spenta. In questi casi c'è poco da fare e sono stato abbastanza fortunato che è potuto venire subito. Alla fine era una scheda che mi è costata un centinaio di euro. In passato mi ero occupato personalmente anche della caldaia ma con certi aggeggi che in teoria potrebbero esplodere preferisco avvalermi di personale specializzato 😁 (tra l'altro la caldaia è più che maggiorenne per cui prima o poi andrà sostituita)

Potrei concludere il post confermando il fatto che il faidatè oltre a dare indubbi benefici economici può dare grandi soddisfazioni psicologiche. Credo comunque che per fare un buon lavoro un minimo di competenze ci vogliano e quando non ci sono si può sempre trovare un "How to" sul web. Il mio consiglio in questo caso è di guardarne sempre più di uno e di non mettersi mai troppa fretta perchè se un lavoro non riesce e poi devi chiamare una persona che lo faccia meglio spenderai sicuramente il doppio e io ne so qualcosa 😆
Infatti a febbraio nel blog ho scritto solo un paio di post oltre a questo e non è perchè ho ricominciato a lavorare a tempo pieno (non solo per quello), ma perchè un giorno all'inizio del mese ho pensato bene di smontare il portatile facendo poi un ""piccolo" disastro strappando i connettori della tastiera e del tuch pad che poi non sono più riuscito a collegare.

E se fino a l'altro ieri mi ero sentito McGiver è bastato un attimo per diventare un Mc Chicken !!!

4 commenti:

  1. avranno pensato che il pappagallo nascondesse un congegno. avranno anche provato a premerlo :)
    al solito molto preciso e contemporaneamente spassoso. ciao

    RispondiElimina
  2. A casa mia il falegname, l'elettricista e l'idraulico hanno la residenza. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa mia no, ma se li invitassi a trovarmi ogni tanti non sarebbe una cattiva idea :-)

      Elimina

commenti? fate vobis