Sample Text

Assente ingiustificato ūüėĀ

sabato 24 marzo 2018

l'editoriale fantapolitico


6 commenti:

  1. Revlis Navlis24 marzo 2018 22:41

    Troppo carina!

    RispondiElimina
  2. Colgo l'occasione per precisare alcune cose che a quanto pare l'elettore medio non considera.
    1. L'Italia √® una repubblica parlamentare, ovvero dopo l'esperienza del primo Novecento si √® deciso di ridurre il pi√Ļ possibile la possibilit√† che il potere si concentri nelle mani di uno o di pochi.
    2. Noi votiamo SOLO per eleggere i rappresentanti delle due Camere del Parlamento.
    3. Il Parlamento nomina il Presidente della Repubblica.
    4. Il Presidente della Repubblica incarica chi gli pare di formare un governo. Chiunque, non deve essere un parlamentare. Come sono stati incaricati "professori" avrebbero potuto essere incaricati benzinai o dentisti.
    5. Chi riceve l'incarico si presenta poi al Parlamento con i suoi ministri (idem, possono essere chiunque) e il Parlamento approva o disapprova con la "fiducia".
    6. La funzione del Parlamento, oltre a quella di nominare il Presidente della Repubblica e indirettamente di incaricare il Governo, è quella di approvare, modificare o cancellare le Leggi dello Stato. Il Potere Legislativo.
    7. il Governo è ha il compito di gestire la Cosa Pubblica, di amministrare, un po' come l'amministratore del condominio di cui i Parlamentari sono i condomini. E' il Potere Esecutivo.

    Da questi pochi fatti si ricava che il concetto di "inciucio" non ha nessun senso, tanto pi√Ļ se consideriamo che la Costituzione prevede la indipendenza assoluta del Parlamentare che non √® soggetto al famoso "vincolo di mandato", ovvero svolge la sua funzione senza dovere rendere conto a nessun altro che alla Nazione (cio√® non pu√≤ essere soggetto a "disciplina di partito").
    Dato che lo scopo delle elezioni è garantire la rappresentanza del Popolo Sovrano, è assolutamente normale che le elezioni si esauriscano nell'atto di popolare le due Camere. Poi gli accordi che vengono stabiliti all'interno del Parlamento sia per incaricare il Governo (o per sfiduciarlo) che per legiferare, sono nella responsabilità e nella coscienza degli eletti, NON sono funzione del voto degli elettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A margine, questo spiega perché la "democrazia diretta" è un concetto privo di senso.

      Elimina
  3. Berlusca + fica fa sempre ridere

    RispondiElimina

commenti? fate vobis