Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

martedì 14 maggio 2013

Esco a fare un giro in bici - Il cicloraduno della Contessa

Quest'anno credo che il lavoro mi darà davvero poco tempo per pedalare e il meteo fino ad oggi non mi ha aiutato molto :(
Dato che non so quando avrò davvero un week end tutto per me approfitto di questo per partecipare all' iniziativa organizzata dai soci dell' AIIC della sezione di Reggio Emilia.
Per l'occasione prendo ferie già per venerdì, cerco un posto per dormire la notte a Reggio con l'idea di arrivarci pedalando, tanto sono "solo" 100 chilometri, e invece venerdì mi sveglio e piove. Non voglio rischiare di pedalare sei ore sotto l'acqua per cui decido di andarci in treno partendo sabato mattina.
 Il viaggio in treno coi Regionali Veloci di trenitalia è sempre un'incognita. Alla fine arrivo all'appuntamento davanti alla stazione in orario grazie al fatto che i tre treni che dovevo prendere erano tutti in perfetto ritardo.




All'appuntamento ci sono altri 16 cicloviaggiatori, dopo le presentazioni e toccando doverosamente ferro partiamo. Il meteo è incerto ma il clima è allegro. Ci dirigiamo verso l'appennino reggiano, nelle terre che nel medioevo furono sotto il dominio di Matilde di Canossa.





Dopo i primi chilometri di saliscendi, con doverosa pausa :D abbiamo affrontato una salita bella dura, 4 chilometri al 16% di media, affrontata da parte mia più con la testa che con le gambe (una volta tanto...).
Il tratto più duro del cicloraduno è superato e a Casina ci aspetta il pranzo a base di gnocco fritto, affettati e erbazzone. Dopo pranzo si pedala senza fretta (anche in discesa!) e visitiamo un borghetto medievale ristrutturato (di cui non ricordo il nome purtroppo....) dove ci intratteniamo con una simpatica coppia di anziani del posto.
 Prima di arrivare a Rossena dove c'è un ostello dentro l'omonimo castello passiamo da Canossa a visitare i ruderi del castello dove nel 1077 l'imperatore Enrico IV si "umiliò" di fronte al papa per farsi revocare la scomunica. Dalla cima si gode di un'ottima vista su tutto il territorio circostante.
Calanchi

Canossa
Giunti a destinazione c'è tempo per la merenda-aperitivo a base di salame, parmigiano, "cicciolo" e lambrusco. Prima di cena c'è chi tira fuori un'enorme cartina della Finlandia per progettare un futuro cicloviaggio verso il polo nord.
aperitivo

tramonto.... da Rossena
nel castello

Durante l'ottima cena alla tortelleria finalmente si scatena un bel temporale che erano addirittura 24 ore che non vedevo della pioggia degna di questo nome.
La mattina dopo i chilometri che ci attendono non sono molti e dopo la colazione visitiamo il castello con la guida che con passione per il suo lavoro si "dilunga" un pochettino (!!!!!). Fatto sta che è già tardi quando ripartiamo e si decide un percorso alternativo più breve lungo la ciclabile del Crostolo.
Per strada ci fermiamo a fare la spesa che il pranzo di oggi sarà un pic nic al parco delle caprette a Reggio.
lungo la ciclabile

al parco

Alle 15.30 si conclude per me questo bel viaggio di 90 km o poco più tra storia, cultura, gastronomia e tanto cazzeggio. Davvero una bella esperienza in compagnia di tanta bella gente che spero di poter ripetere in altre occasioni.
* * * * * *
Naturalmente il ritorno a casa ha avuto qualche piccolo imprevisto dato che Kermit "the genius" il Rospo voleva prendere un treno che non circola i giorni festivi!!! Se avessi scelto il treno alternativo sarei arrivato a casa dopo le 21 allora sono arrivato a Fidenza e da lì ho pedalato fino a casa per altri 66 km lungo quella che è ormai diventata la "mia" personalissima "via della noia" (60 km tutti diritti che ormai ho già percorso 4 volte). Prima di cena comunque ero già a casa sano e salvo :D

Qualche numero che a qualcuno interessa sempre:

km totali in bici= 166 (compreso il ritorno a casa)
spesa per il treno= 19,6 €
ostello (B&B)= 23 €
pranzi e cene= 46 €
porzioni di erbazzone ingurgitate= 7
lambrusco= 1,5 litri (stima x difetto)

QUI tutte le mie altre insulse foto fatte col telefonino.... :D

23 commenti:

  1. Ma tu guarda ... Signor rospo, non volendo mi ha risposto. Vedendo la foto con la gente in mezzo alla strada mi ero giusto chiesta su che razza di strada faceste questi percorsi. Panoramiche e in mezzo al verde, a quanto vedo. No, perché quando vedo quelli in bici sulle statali trafficatissime mi vien voglia di prenderli sotto. In mezzo al verde, almeno, ha una logica. Comunque direi che ha magnato, più che pedalato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si fa di tutto per pedalare lontano dal traffico e dagli psicopatici dalla guida spericolata...... ebbene si, ho magnato !! :D

      Elimina
  2. Senta, ma ho la vista difettosa o un rospo gigante sta cercando di inchiappettare la nubici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lei vede cose che non esistono :D io mi ritiro nei miei alloggi! buona notte :D

      Elimina
    2. Ebbene sì, sono una viso-in-aria! Ma ogni tanto guardo anche in basso, così mi sto chiedendo se dorme o è trapassato. Se non dovessi avere risposta, temo che dovrò propendere per la seconda. A malincuore, eh.

      Elimina
    3. è il riposo del guerriero !!!! non dormo, ma nemmeno sono morto!

      Elimina
  3. Ho combattuto la mia proverbiale pigrizia e due settimane fa ho percorso un breve tratto della ciclabile Peschiera-Mantova. Sono ancora viva e tutta intera.

    I tuoi percorsi per me sono inarrivabili.

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella quella ciclabile. un po' alla volta e vedrai che farai anche tu 100 km al giorno!!!! la parte più difficile è "alzarsi" dal divano!!! :D

      Elimina
  4. Per me sei un EROE!
    PS. Ho cambiato indirizzo blog http:://pincocri.blogspot.com

    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addirittura ?!?!?!?!?!? non esageriamo, un eroe delle trattorie italiane probabilmente :D

      grazie dell'info

      Elimina
  5. Sei mitico! Complimenti anche per le foto, ci regali sempre splendidi panorami, chiappe comprese ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le chiappe, soprattutto quando non sono le mie, sono tra i miei panorami preferiti!!! :P

      Elimina
  6. Complimenti perché fai proprio delle belle passeggiate. Magari un po impegnative ma davvero belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono meno impegnative di quanto si possa pensare. in gruppo poi si fa sempre meno fatica !

      Elimina
  7. Signor rospo, ho notato che ultimamente, più che la strada, batte la fiacca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in questo periodo sto lavorando più ore e ho solo voglia di riposare lontano da computer e ammenicoli vari. faccio come lei, leggo i blog degli altri :D

      Elimina
    2. Ahahahahah, touché! Adoro quando mi lasciano senza niente da aggiungere! È perfezione assoluta!

      Elimina
    3. Signor rospo, ieri mi sono vista A history of violence, un film bruttissimo. È l'ultima volta che dò retta ai suoi consigli cinematici.

      Elimina
    4. ma io non l'ho mai consigliato... non l'ho nemmeno mai visto !

      Elimina
    5. Ahahaha ahahahahah, dove cacchio l'ho letto, allora? Povero rospo, ingiustamente accusato. Eh no, un attimo, io l'ho visto qui. Ora controllo.

      Elimina
  8. Caspiterina, ha ragione, non era lei che ne parlava. Cosa posso fare per farmi perdonare di averla accusata ingiustamente? Ci penserò!

    RispondiElimina

commenti? fate vobis