Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

martedì 26 maggio 2015

Esco a fare un giro in bici: anello delle valli bergamasche

Messo nel cassetto il cicloviaggio d'Abruzzo per quest'anno tiro fuori i mini giri di un giorno progettati e mai fatti. Uno di questi era una visita in Val Vertova in provincia di Bergamo della quale avevo visto incantevoli foto in rete di un "collega" cicloturista qualche anno fa.
L'idea è di percorrere la ciclabile della val Seriana fino a Vertova, vedere la valle e poi scollinare per vedere il lago di Endine in val Cavallina e ritornare alla stazione per chiudere il giro ad anello.

da Leffe ho preso la sp62 poi sp40

Per arrivare a Seriate da Brescia c'è un treno ad ogni ora, ma per arrivare a Brescia il treno che devo prendere oggi "è guasto" (scene di panico tra gli studenti che non potevano andare a scuola dopo aver appreso la notizia!!) per cui pedalo aggiungendo subito 30 km al giro di oggi.

(ATTENZIIONE: DA QUI IN POI POTREBBERO ESSERCI DECINE DI FOTO.... SAPPIATELO)

Dalla stazione di Seriate si pedala verso nord superando il fiume Serio sul ponte e poi si prende la prima a destra e pedalando per 6-7 km si raggiunge Ranica e le prime indicazioni per la bella ciclabile della Val Seriana che si segue senza nessun problema costeggiando il fiume per 25 km fino al paese di Vertova (la cilcabile proseguirebbe per un'altra decina di chilometri fino a Clusone)

CICLABILE DELLA VAL SERIANA








VAL VERTOVA

la piccola valle si sale seguendo  l'omonimo torrente prima su asfalto per circa tre chilometri, poi (dopo la sbarra che impedisce il passaggio automobilistico) in un percorso immerso nella natura per altri tre chilometri circa tra guadi, cascatelle e la vegetazione rigogliosa. Pranzo (frutta e poco altro) all'ingresso della zona delimitata e inizia a piovigginare, ma non ho nemmeno bisogno di coprirmi perchè gli alberi sono un ottimo ombrello. Dopo 3 km di salita non sempre facile il passaggio si restringe e c'è un cancello che blocca il passaggio anche pedonale. Poco prima però si dipanano vari sentieri escursionistici ben segnalati coi classici cartelli bianco rossi del Cai. Per me è ora di girare la bici ma scopro che la discesa è più difficile della salita, ci sono tratti di cemento e pietre molto scivoloso anche con poca pioggia.
































VAL GANDINO - BIANZANO - RANZANICO - SPINONE AL LAGO

Finita la breve visita alla vel Vertova non resta che raggiungere il secondo itinerario di giornata che è il lago di Endine. Prendo la trafficatissima sp42 fino a Leffe, poco meno di 6 km con auto e traffico pesante a pochi centimetri dalla bici. Si esce da Leffe raggiungendo la località san Rocco dopo una salita di un chilometro con una pendenza bella tosta e tramite la sp62, poi sp 40 in leggera salita (una pedalata davvero piacevole immerso nel silenzio sulla salita che non tira mai tanto) che aggirano il monte Croce e dopo il passo della forcella (circa 600 m slm) inizia la discesa verso il lago di Endine e la val Cavallina. A Bianzano c'è un bel castello (visitabile su prenotazione), poi sempre in discesa si passa da Ranzanico  e si raggiunge il laghetto bergamasco. Da qui si può scegliere se dirigersi verso Lovere e il lago d'Iseo passando da Endine Ghiaiano o tornare verso Bergamo. Scelgo la seconda opzione fermandomi a riposare lungo il lago a Spinone al Lago e a mangiarmi un gelato al gusto "cannabis" (alla gelateria flipper per chi fosse interessato :DD)



















Per il ritorno a Seriate per prendere il treno la via più breve è seguire in discesa la ss42 del Tonale, anche questa trafficatissima e con poche ciclabili protette in alcuni paesi anche se c'è una "discreta" corsia d'emergenza. Una ventina di chilometri senza sforzi se non quello di porre la massima attenzione al fiume motori che ti scorre a sinistra.

NUMERI:

chilometri percorsi: 84+30 km
tempo in bici: 7 ore circa
media: 16,2 km/h

4 commenti:

commenti? fate vobis