Sample Text

QUESTO BLOG E' SEMPRE APERTO ANCHE SE L'AUTORE E' IN VACANZA

mercoledì 14 luglio 2021

Esco a fare due passi: punta Almana da Gardone Valtrompia

Due righe e qualche foto sulla bella escursione di domenica scorsa sulla punta Almana, la cima dell'omonimo monte poco più su di 1300 mt sldm che offre uno splendido panorama sul lago d'Iseo e i monti circostanti già meta di nostre escursioni in passato.

Questa domenica oltre a mia moglie e l'inseparabile Paco si sono uniti alla camminata anche mia figlia e suo marito. Ho trovato in rete questo bel blog con la descrizione dettagliata dell'escursione con il link che ho girato a tutti i partecipanti ma che tutti hanno forse letto con sufficienza (non l'hanno letto) sottovalutando le fatiche alle quali li avrei sottoposti quel giorno 😙
Punta Almana è raggiungibile anche da altri sentieri direttamente dal lago d'Iseo ma ho scelto di partire da Gardone Valtrompia perchè secondo me è meno difficile. Dopo aver parcheggiato e percorso brevemente via Pascoli sulla destra troviamo subito l'inizio del trekking con una bella salita cementata con bella pendenza che è anche l'inizio del sentiero 313




E in pendenza si prosegue spesso e volentieri anche sul sentiero a mezza costa che per la prima ora e mezza fortunatamente si svolge nel bosco e l'ombra delle piante concede un po' di refrigerio

presso la località Anveno


loc Passata - non c'è acqua sul percorso ma almeno c'è una panchina

Dopo la località Castellino a 1000 m il bosco si dirada e si inizia ad intravedere punta Almana con la sua croce in lontananza e il sentiero che sale dritto per dritto




per evitare ulteriori fatiche ai miei compagni di avventura prendiamo una variante del 313 che abbiamo seguito fino a questo momento che allunga un po' la strada ma che addolcisce decisamente le pendenze

quando Paco si ferma e cerca l'ombra vuol dire che è ora di una pausa


E la pausa pranzo la facciamo scroccando l'ombra a una delle poche piante presenti poco prima dell'ultimo tratto di salita
uso questa foto per controllare le otturazioni

ultimo breve tratto con discreta pendenza e poi la cima


monte Guglielmo

un aliante silenzioso volteggiava sulle nostre teste


costruiamo un piccolo "tarp" improvvisato per regalare almeno a Paco un po' di ombra, io invece prendo il sole 
sono decisamente fuori forma 😅


Di fronte a noi la vista spazia su Montisola in primo piano mentre a sud si vedono Iseo e le torbiere del Sebino


qualcuno approfitta per fare foto "Istagrammabili"

qualcun altro medita...

Il sole picchiava duro ma il vento fresco ci ha consentito di non patire troppo il caldo durante l'ora e mezza passata in cima. Un po' di noia invece l'hanno data le mosche, decisamente troppe e troppo incacchiate.


punta Almana e la croce alle nostre spalle, iniziamo la discesa

Per il ritorno seguiamo lo stesso itinerario proposto dal sito linkato in precedenza seguendo inizialmente il sentiero 3V spesso in cresta con la vista sul lago d'Iseo da una parte e la valle di Gardone dall'altra

Alcuni tratti  di discesa non erano proprio "semplicissimi".... e qualche volta ho preso Paco in braccio perchè alcuni gradini erano troppo alti per lui 🐶

e in questo tratto l'ombra è davvero poca


valle di Gardone

Presso la croce di Pezzolo ricomincia il bosco e dopo una breve pausa ripartiamo con l'idea di seguire il sentiero 312 ma poi seguiiremo la comoda strada cementata che seppur in pendenza ci porterà dopo un'altra ora a Gardone in via Pascoli e dopo altri dieci minuti al parcheggio dove avevamo lasciato l'automobile.


 E' stata una bella e faticosa escursione da rifare sicuramente in un periodo meno caldo dell'anno.

Alla prossima !!

4 commenti:

  1. Splendidi questi giri.. mi mancano; ne facevamo un sacco, una volta.. spero davvero di poter ricominciare, vita permettendo..

    RispondiElimina
  2. Tutto molto bello. Fra qualche giorno anch'io farò dei bei giri sulle Alpi Marittime,

    RispondiElimina

commenti? fate vobis