Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 21 agosto 2019

17ago19 - dal rifugio Croce di Marone al rifugio Almici (monte Guglielmo(

a/r 13 km circa
Dopo tre anni (l'ultima volta QUI) decidiamo di salire sul monte Guglielmo. Relativamente vicino a casa, una sessantina di chilometri, può venirci anche il nostro cane che pur essendo di piccola taglia è un buon camminatore ma soffre di mal d'auto. A differenza dell'ultima volta decidiamo di partire un po' più in alto e raggiungiamo il rifugio Croce di Marone in automobile seguendo la stradina asfaltata (via Madonna della Rota) dopo Cislano che si raggiunge dopo 6,5 km circa. Il parcheggio per le automobili c'è ma non è molto ma un posticino per la nostra lo abbiamo trovato fortunatamente.

Da li si sale col primo tratto nel bosco fino al Rifugio Malpensata per poi raggiungere le malghe Guglielmo di sotto, Guglielmo di sopra e infine il rifugio Almici- Quest'anno non abbiamo raggiunto la cima del Guglielmo che anche se facile era comunque coperta dalle nubi. Anche al livello del rifugio quando il sole se ne stava dietro le nuvole faceva "freschino", ma sono riuscito lo stesso a schiacciare un pisolno sul prato prima di tornare indietro.

Come sempre qualche pessima foto:






nell'angolo a sinistra si intravede la Val Trompia

dopo il tratto nel bosco la vista del lago ci accompagna fino in cima


malga Guglielmo di sotto


lago d'Iseo

cavalli incontrati all'andata



le nubi basse coprono la cima del Guglielmo

vista sulla malga Guglielmo di sopra

l'instancabile Paco


a pochi metri dal rifugio Almici

la vista dal rifugio
Due parole sul rifugio: sicuramente accogliente per quanto riguarda l'alloggio e il cibo (tavolate piene di gente  fin dopo le 15 per quel che ho potuto vedere) un po' meno per i servizi igenici che ci sono ma pare che non abbiano l'acqua corrente. L'avevamo notato anche tre anni fa ma quel giorno c'era davvero tantissima gente (c'era stata anche una messa in cima) per cui avevo pensato a un disguido mentre anche stavolta erano nelle medesime condizioni- Ecco, la parte più impegnativa dell'escursione è stata andare al cesso :D:D
vacche sulla via del ritorno

su quel cucuzzolo ci dev'essere l'erba più buona
Ottimo il Silter stagionato acquistato alla malga Guglielmo di sopra.
Al ritorno pausa nella bella area pic nic del comune di Marone vicino al rifugio prima di riprendere l'automobile e la strada di casa.

Nessun commento:

Posta un commento

commenti? fate vobis