Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 29 giugno 2016

The Floating Piers experience

ebbene sì, ce l'abbiamo fatta. Anche noi siamo riusciti a camminare sulle acque torbide del Sebino.

E per farlo ho rinunciato al rito nazional popolare della partitona dell'Italia.

Già, perchè ho sperato che almeno gli italiani all'ora della partita con la Spagna a Sulzano non ci sarebbero andati. Purtroppo ho calcolato male i tempi, infatti sono uscito dal lavoro troppo tardi e quando sono arrivato al lago la partita era praticamente finita.

Il traffico già dopo Brescia in direzione Iseo era già un mezzo delirio ma la conoscenza ciclistica della franciacorta anche se scarsa mi ha fatto indovinare un paio di scorciatoie per evitare la prima lunghissima coda (alcuni chilometri). La polizia nei pressi di Iseo al mio arrivo aveva già bloccato gli accessi e anche l'uscita per Sulzano dalla statale per la Valcamonica era interdetta al traffico.

Ho seguito l'istinto (e la strada) e siamo usciti a Marone, 6 km più avanti, trovato il parcheggio (al centro sportivo del paese, vicino alla stazione..... a gratis, che i parcheggi da dove partono le navette vogliono 15 euro!!), siamo saliti sul treno e dopo un'ora (per fare i 6,3 km) abbiamo raggiunto la meta.

Il primo intoppo lo incontriamo nel tentativo di attraversare la strada in direzione del lago: la polizia "quasi" in assetto anti sommossa presidiava le strisce pedonali impedendo di fatto l'attraversamento selvaggio e regolando il traffico sulla strada da attraversare (credo che in questo modo abbiamo salvato centinaia di vite umane), poi dopo un quarto d'ora circa ci hanno fatto passare ed è iniziata una serie di code che neanche a Gardaland nei momenti migliori della mia gioventù avevo affrontato.
Ero un po' preoccupato, ma dalle immagini che avevo visto il giorno prima (domenica) la fila non era nemmeno granchè. Infatti un po' alla volta e dopo poco più di quaranta minuti siamo giunti all'inizio della passerella (a Gardaland 40 minuti di coda sono una bazzecola). Purtroppo è già calata la sera il che renderà le successive foto (poche) una vera schifezza però almeno non abbiamo dovuto sopportare il caldo torrido di questi giorni sotto il sole.












Tra Peschiera Maraglio e Sensole erano allestiti anche molti punti di ristoro dove poter gozzovigliare a patto di farsi anche lì una bella dose di coda!

Non mi è dispiaciuto andare a Montisola a piedi, in passato per forza di cose avevo preso come tutti il battello. Io fossi in loro non smonterei "l'opera" non tanto per la qualità artistica in se ma per l'utilità che ne trarrebbero tutti, non solo i turisti.

Che smonterei alla svelta sono le decine di wc chimici posti qua e la lungo il percorso che la presenza di un milione di visitatori in quindici giorni si fa sentire eccome; se devi pisciare inizia la vera esperienza sensoriale di questa istallazione che ho ribattezzato The floating Pee.... da restare senza fiato.

Il ritorno a Marone con l'ultimo treno dopo mezzanotte e poi in macchina fino a casa. Per fortuna non ho preso il treno da Brescia come avrei voluto fare inizialmente: a quell'ora in coda (regolata da agenti di p.s.) c'erano ancora almeno ottocento persone ad attendere il treno che le avrebbe riportate in città.



sabato 18 giugno 2016

The Floatng Piers - webcam in tempo reale


forse prima che Cristo smonti tutto faremo anche noi una passeggiata sulle acque del lago d'Iseo.

nel frattempo, accontentiamoci di vedere gli altri...

.....intanto oggi si va al mare :D

domenica 12 giugno 2016

aspetto che smetta

certo che me la sono proprio tirata addosso quella volta la


però è stato divertente stamattina uscire a raccogliere l'insalata vestito come se dovessi pedalare sotto il diluvio

domenica 5 giugno 2016

Ponte del 2 giugno 16 - Maremma e non solo

Ponte del 2 giugno con destinazione Maremma ma con varie divagazioni sia all'andata che al ritorno. Insomma, ultimamente non pedalo quasi più però in compenso mi sono sorbito più di 1200 km di macchina in tre giorni.
La base per due notti è a Manciano in provincia di Grosseto al b&b il vigneto consigliatissimo per l'ottimo rapporto qualità prezzo  e la gentilezza e disponibilità di Serenella che lo gestisce.
La scusa che ci ha portato fin qui sono le cascate del mulino delle terme di Saturnia, ma poi, complice il tempo capriccioso sia all'andata che al ritorno abbiamo divagato un po' e siamo andati a finire in riva al mare oppure fin nella Tuscia Viterbese.

Di seguito sarete ammorbati da un numero tendente all'infinito di foto... nemmeno troppo belle. Continuate a vostro rischio e pericolo.

mercoledì 1 giugno 2016

ci vuole pazienza

nella vita non puoi andare a genio a chiunque e  a lui evidentemente non andavo a genio.

o forse è il contrario, gli andavo a genio talmente tanto che rendermi la vita insopportabile era il suo passatempo preferito

in quel periodo la mia indole non mi permetteva di attaccarlo a un muro come avrebbe meritato (e col senno di poi so che avrebbe funzionato, visto di che pasta era fatto) e decisi di farmi da parte e mettermi sulla riva del fiume e aspettare il suo cadavere

poco tempo fa il cadavere è passato e... che dire...

...non me ne è fregato un cazzo