Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

sabato 30 aprile 2016

esco a fare un giro in bici: pedalata mantovana


 La località di partenza del giro di oggi è un bell'agriturismo sulle colline moreniche mantovane nella zona di Monzambano, il palazzo di Monte Oliveto dove con piacere ho accompagnato la mia signora e un'amica per un rilassante weekend in una delle zone più belle (secondo me) della Lombardia. Naturalmente le ho lasciate lì con la loro macchinina e dopo aver scaricato la mia bici sono partito per il giro non sapendo in effetti dove andare. Alla fine ho optato per un giro a Monzambano e Ponti sul Mincio poi il tratto di ciclabile tra Peschiera e Mantova fino a Volta Mantovana e ritorno su strade secondarie fino a casa (questa sera cena per soli uomini a base di stinco e polenta :D).

Le foto successive sono una trentina, mi dispiace solo non aver fotografato l'agriturismo della gentilissima Consuelo che merita davvero.

Proseguite... a vostro rischio e pericolo :D


venerdì 29 aprile 2016

al lago di Tenno

approfittando del 25 aprile abbiamo caricato le chiappe sulla twingo del 2002 e siamo partiti alla volta del lago di Tenno a pochi chilometri da Riva del Garda, in Trentino.

A una rotonda nei pressi di Salò sbaglio strada, me ne accorgo quasi subito, ma decido di trasformare la mattina in un tour dei laghi. In pratica dal lago di Garda vado a finire a Idro, costeggiando l'omonimo lago, scavalchiamo un paio di monti (a Capovalle) e prima di ritornare sul Garda, nella zona di Gargnano, vediamo anche il lago di Valvestino, una lago artificiale che potete ammirare in questo post "ciclistico".

All'ora di pranzo arriviamo alla nostra destinazione prefissata che potete ammirare in tutta la sua bellezza nelle prossime 12737843783900 foto :DD


martedì 26 aprile 2016

al parco della Sigurtà

qualche domenica fa, approfittando di un paio di biglietti scontati siamo andati a fare un giro QUI


anche qui... tulipanomania

il prato è impressionante: non c'è un filo di "erbaccia"

c'erano tulipani ovunque.... ve li risparmio



il bello è che il prato.... lo puoi usare!

il mio ambiente preferito... ovvio..


onde evitare insolazioni.....
Che dire? è un bel posto  ma quella domenica c'era davvero mezzo mondo a visitarlo....

e avrei un altra cinquantina di foto sulla macchina fotografica ma stavolta metto solo quelle fatte col cell

martedì 19 aprile 2016

esco a fare un giro in bici: ancora per le valli bresciane, dalla val palot alla val trompia

La ciaspolata di quest'inverno mi ha fatto conoscere un angolo di terra bresciana fino ad ora sconosciuto. La salita fatta in macchina mi pareva impegnativa e mi ero prefissato di arrivare a Pisogne in treno poi, complice un inaspettato giorno di ferie, ho cambiato idea e ho deciso di partire direttamente da casa, così, tanto per scaldare un po' la gamba.


Partenza h 7.30 e arrivo a Iseo poco dopo le 10 dopo aver pedalato su strade secondarie nella bassa bresciana e aver percorso parte della ciclabile della franciacorta partendo da Passirano.

attenzione: da questo momento in poi ci saranno più foto che parole...

martedì 5 aprile 2016

quando non scrivo

cioè spessissimo ultimamente
guardo crescere i fiori

mi occupo della dieta delle piante grasse

devasto l'ulivo

controllo altri tulipani

avrete capito... a casa mia i tulipani piacciono

annuso erbe aromatiche (spesso puzzano di piscio di cane)

poto (gli alberi mi odiano un po')

aspetto che cresca qualcosa nell'orto (a parte la salvia)

lunedì 4 aprile 2016

appena in tempo

Già, perchè tra poco c'è sto referendum sulle concessioni trivellatorie illimitate-all inclusive entro le 12 miglia marine e io ero decisamente schierato dalla parte del "non saprei".

Come spesso capita in questa nazione, dove indagini e processi si protraggono per lustri, salta fuori al fotofinish lo scandalo giudiziario (c'è un'indagine) che ti confonde chiarisce meglio le idee.

per approfondire...forse (link)
A questo punto io voterei SI solo per far dispetto ai "soliti" furbetti, che alla fine l'indipendenza energetica dell'Italia è solo un bel sogno fuffoso.