Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 7 settembre 2016

l'editoriale fantapolitico


è un attacco a reti unificate quello che si accanisce contro il m5s in questi giorni per le vicende "romane".

è un susseguirsi di notizie "al condizionale" sparate su tutte le prime pagine di tutti i media nostrani e si sa, il condizionale è un modo verbale abbastanza comune nelle lingue europee. Viene usato soprattutto per indicare un evento o situazione che ha luogo solo se è soddisfatta una determinata condizione (wikipedia)

usare il condizionale è il modo più sicuro, giornalisticamente parlando, per sparare fango su chicchessia senza conseguenze giuridiche.... in fondo ho scritto "sarebbe....", "potrebbe..." "....ebbe"

però noi ormai leggiamo solo i titoli e le didascalie, ascoltiamo la tele o la radio con un orecchio distratto, la testa sul telefonino e quel che percepiamo è solo quello che ci vogliono far sentire, il rumore di sottofondo, il fango..


A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro... che ti epura diceva un certo Nenni e alla fine dei conti i m5s pagheranno per le loro campagne a base di onestà mentre tutti si son già dimenticati che nella capitale comandava la mafia bipartisan.

vedremo come andrà a finire


7 commenti:

  1. nonostante come dici, mi arrivano da "lontano" gli echi, ho la tua stessa idea/pensiero. Una tempesta in un bicchiere d'acqua, solo per screditare.E come sai, non sono certo una fan del M5s.

    RispondiElimina
  2. mi esce da un orecchio e mi esce dall'altro

    RispondiElimina
  3. "Le parole sono importanti" diceva un certo Nanni

    RispondiElimina
  4. Hanno demolito Forza Italia con un processo farsa che vedeva Berlusconi imputato per il reato di favoreggiamento della prostituzione, cioè in poche parola di fare il magnaccia. Quando, ammesso e non concesso, nessun cliente di prostitute è mai finito sotto processo e ci vanno anche i compagni.

    Hanno demolito la Lega con processi sommari celebrati sui giornali di regime, per cose che erano a livello di consiglio di circoscrizione, cioè l'assegnazione di una commessa per le panchine e i vasi di fiori. Quando altrove si comprano e vendono banche, si gestiscono decine di fondazioni col loro patrimonio immobiliare e tanto per dirne una tra la tante, si ricapitalizza l'Unità con i soldi dello Stato, invece di chiuderla.

    Si sa a chi risponde tutta la Pubblica Amministrazione, inclusa la Magistratura.

    Detto questo, Roma Capitale è una città di provincia. Tolto il Colosseo, i falsi centurioni, i Ministeri e i ministeriali, a Roma non c'è niente di importante che interessi l'Italia e il mondo. Per cui, chissenefrega del sindaco di Roma, vale tanto quanto il sindaco di Forli.

    Si evidenza l'ovvio e cioè che l'idea di prendere gente dalla strada non garantisce affatto che siano persone qualitativamente differenti dai "politici". Tanto più se poi mano a mano che il Movimento diventa "organico" alla Cosa Pubblica, per osmosi ne assorbe le caratteristiche. Caratteristiche che poi sono quelle degli Italiani, c'è poco da fare. Il migliore ha la rogna. Siamo un Paese dove si insegna ad imbrogliare ai bambini appena mettono piede a scuola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo sul giudizio che dai degli italiani un po' meno sul discorso dell'osmosi, altrimenti avremo già la candidatura di roma per le olimpiadi del 24.

      Elimina
    2. Kermit, ingenuo che non sei altro. Le "olimpiadi" sono una scusa per dare a Montezemolo e a Caltarigone dei soldi. Secondo te, posto che glieli devono dare per forza, perché bisogna pensare agli "amici", una scusa qualsiasi, magari meno pubblica ed evidente, non la trovano comunque?

      Roma casca a pezzi mica per via delle Olimpiadi future, casomai per le "olimpiadi" passate, cioè decenni di magna magna generalizzato, migliaia, milioni di persona che campano di denaro pubblico spruzzato da un innaffiatoio con mille buconi, buchi e buchini.

      Segui il ragionamento: come è possibile che il sindaco di Roma sia una persona completamente diversa, aliena, rispetto ai romani che lo votano?

      Poi il sindaco è una carica temporanea, devi considerare tutto l'apparato che invece è permanente, dai massimi dirigenti con stipendi milionari all'ultimo degli operai.

      Per me è lapalissiano che le "polemiche" di questi giorni sono puramente strumentali e servono a regolare i conti in una guerra per bande tutta interna ai poteri locali. Io vivo a Gotham e non me ne importa nulla, tanto mi costa uguale.

      Elimina
  5. Nulla di nuovo sotto il sole, proprio come nel medio evo, come dici tu.
    Ciao.
    Cristiana

    RispondiElimina

commenti? fate vobis