Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 23 settembre 2015

Culinaria faidame: nostalgia greca

per festeggiare degnamente i primi giorni d'autunno ho deciso di buttarmi in un'operazione nostalgia delle ultime vacanze tentando di riassaporare qualcosa della cucina ellenica.

Tra le cose che mi erano piaciute maggiormente c'erano queste "kolokithokeftedes" che altro non sono che polpettine fritte di zucchine. Gli ingredienti sono:

3 o 4 zucchine
prezzemolo q.b
menta o aneto
feta 200 g
2 uova sbattute
1 cipolla tritata
farina 3 cucchiai
sale e pepe

come speso mi capita in casa non avevo tutti gli ingredienti, la menta si è seccata tutta e ne avevo solo 4 foglioline (l'aneto non so nemmeno come sia fatto....) per cui ho rischiato e ho tritato qualche foglia di salvia.

ho tritato le zucchine grossolanamente e la cipolla molto fine e ho unito il tutto in una ciotola col prezzemolo, la menta (e la salvia), le uova, il pepe e la feta; ho amalgamato unendo la farina fino ad ottenere un composto un po' appiccicoso ma compatto. Col cucchiaio si formano le polpettine che sono state fritte in olio d'oliva bollente per 3-4 minuti.

Per accompagnare il tutto ho fatto anche la pita, il tipico pane greco, ma anche mediorientale. Ecco gli ingredienti:

farina 400g
lievito 12 g
zucchero 1,5 cucchiaino
olio evo 6 cucchiai
acqua 210 g
sale 2 cucchiaini

ho sciolto il lievito e lo zucchero in 110 g di acqua, ho aggiunto 4 cucchiai di farina dai 400 previsti e ho lasciato riposare per 15 minuti fino a quando si sono formate delle bolle in superficie. Nell'impastatrice ho poi messo questo composto con il resto della farina e ho impastato al minimo unendo successivamente anche l'olio e il sale. Infine, un po' per volta ho unito gli ultimi 100g di acqua e ho lasciato impastare per 10 minuti. Ho lavorato un po' a mano l'impasto ottenuto e l'ho messo a lievitare per un'ora abbondante in una ciotola unta. A fine lievitazione ho diviso l'impasto in sei parti e ho formato 6 palline che ho lasciato riposare (coperte e infarinate) per una decina di minuti. Ho steso infine ogni pallina col mattarello formando dei dischi che ho cotto in una padella antiaderente a fuoco medio.




 Alla fine le polpette non erano malvagie anche se la menta si sentiva davvero poco (era pochissima...). Il pane era mangiabilissimo ma non mi è riuscito proprio come avrei voluto anche perchè ho fatto dei dischi trppo bassi ed era più simile a una piadina gonfia che a un pane arabo.

Quel che conta comunque è che la pancia anche stavolta l'abbiamo riempita !!

7 commenti:

  1. Cazzo ma sei uno forte allora!
    Però la salvia che cazzo c'entra con la menta e l'aneto?

    Io ho piantato della menta in giardino e poi ho scoperto che è menta piperita, è un rampicante, cresce a vista d'occhio, sta colonizzando il giardino, è fighissima!
    Ora sono pieno di menta e la metto dappertutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la menta è un infestante... la mia è andata a far festa altrove :D

      Elimina
  2. menta e salvia insieme? se andavi a fare un giro in bici era meglio, dai retta.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse non si è capito dal post.... ho messo la salvia non perchè potesse somigliare all'aneto, ma solo perchè avevo solo quella in casa. oppure avrei potuto tritare le foglie secche della magnolia ma non ero in vena di sperimentare troppo!!

      Elimina
  3. e poi con salvia e menta si fanno ottimi dentifrici :P

    RispondiElimina
  4. Io ad un invito avrei detto si. Mi pare tutto buono :)

    RispondiElimina

commenti? fate vobis