Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

sabato 31 gennaio 2015

culinaria fai da me: le padellate della Donna Camèl

Non sono certo un tipo sofisticato quando si tratta di cacciar la roba nello stomaco ed è per questo e per la praticità e velocità di esecuzione che ho apprezzato particolarmente le indicazioni della sciura Bianca, alias la Donna Camèl, per la preparazione delle sue "famose" padellate.

C'è poco da spiegare (trovate tutto quello che c'è da sapere QUI), io le ho fatte e me le sono magnate !

tonno,patate.... e c'è pure un uovo
 

patate e porcello

44 commenti:

  1. Solo a leggere gli ingredienti mi è schizzato il polistirolo alle stelle. Per rimediare, domani mi metterò a dieta con polenta, salsicce e costarelle. E tutto per colpa sua che mangia male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sempre a dar la colpa agli altri :D

      Elimina
    2. Ma io scherzavo! La spesa l'avevo già fatta la mattina! Era tutto previsto, anche senza il suo post. A proposito, io quella roba non la mangerei manco morta, la trovo poco appetitosa e brutta a vedersi. Il colore, per dire, è davvero poco invitante! Ricorda la diarrea!

      Elimina
    3. in fondo anche la diarrea (a modo suo) è cibo

      Elimina
    4. È rifiuto! Non cibo!

      Elimina
    5. ahahahahahahaahahah
      scusatemi, ma Silvana mi fa morir dal ridere, ed insieme siete un buon antidepressivo

      Elimina
    6. era cibo, anzi, la diarrea è più vicina al cibo della cacca normale se ci pensa!

      Elimina
    7. Oddio ... Ok, ok, ha ragione. Mi arrendo.

      Elimina
  2. Tenga, la ricetta è semplicissima e, come tutto ciò che è semplice, squisita. Io il sugo, però, lo faccio rosso e il grasso non ce lo metto. Ho cercato una foto che somigliasse a quello che mi ritroverò nel piatto (di legno, ovviamente), ma non ne ho trovata nessuna all'altezza. Solo pastrocchi inguardabili. E anche l'occhio vuole la sua parte, dopo tutto.

    http://marche.cucinaregionale.net/ricette/primi/polenta-costarelle-e-salsicce.html

    RispondiElimina
  3. Guam, gnam, burp! Satolla e soddisfatta, alla faccia della sua amica con l'orribile nickname che ricorda le torte pronte e i fumatori accaniti e prepara schifezze! Stasera piadina al prosciutto e taccole.
    Saluti cari e buona digestione!

    RispondiElimina
  4. io ho mangiato la lasagna, alla napoletana, sta diventando bravo bravo, ha fatto anche le polpettine, mentre io che mi rompo metto il macinato girato in padella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, un pasto domenicale coi fiocchi, insomma! L'unico che ha mangiato male è il signor rospo, così impara a fidarsi delle amiche della pubblicità!

      Elimina
    2. io oggi ho mangiato cotechino e lenticchie. Le padellate le faccio quando ceno da solo :D

      Elimina
    3. Io me le pappo domenica prossima, le lenticchie. Ma con lo zampone. Vuol metterci lo zampino?

      Elimina
    4. Lei è matto! Però, siccome mi fa ridere e le sue padellate mi sembrano persino meno commestibili delle robe zafferane e parodiane, le mando questa veloce e gustosa ricettina con le taccole, perfetta per disintossicarsi, in questo periodo. Le ricette sono 5, ma io le preparo abitualmente con il pomodoro, quindi le consiglio quella.

      http://www.cucinare.meglio.it/ricetta-servizio-_5_modi_veloci_di_preparare_le_taccole.html

      Elimina
    5. io le taccole dalle mie parti non le ho mai viste, non saprei nemmeno dove comprarle.... comunque grazie

      Elimina
    6. Non ci posso credere! Però sto ridendo. Ma dove cavolo abita?!

      Elimina
    7. cmq non è periodo di taccole, che crescono in primavera come i piselli ( legumi) meglio specificare, o le fave...dunque o compra quelle argentine oppure ha congelato lei. Sa vero che, è molto terronia il piatto si?
      A Brescia non è terra di taccole.

      Elimina
    8. Ahahahah, allora sono terrona! Le taccole sono piselli, l'ho scoperto ieri. Non lo sapevo.

      Elimina
  5. Complimenti. Che vino hai bevuto con queste prelibatezze?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti non bevo quasi mai vino quando sono a casa. Avevo però per caso del rosso di Capriano del Colle (BS) e ho bevuto quello :D

      Elimina
  6. Mancava, il sommelier. Però, visto che ama il calcio, forse è più ferrato sull'acqua minerale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bevo l'acqua del rubinetto.... faccia lei :D

      Elimina
    2. Ma è calcarea, nella sua zona? Nella mia distrugge tutte le cartucce dei rubinetti!

      Elimina
    3. povera lavatrice...si rompe spesso?
      anche io bevo solo acqua del rubinetto.

      Elimina
    4. Ho dovuto metterci il decalcificatore, sul tubo che porta l'acqua alla lavatrice! È eterno.

      Elimina
    5. se sia calcarea o meno non è importante.... io non sono comunque eterno

      Elimina
    6. Che peccato!

      Elimina
    7. ahahahah
      grazie di esistere Rospetto, sei l' unico uomo sul web, che possiede il dono della sincerità, non soffri di logorrea, non rompi le balle, e sai far ridere, ti promuovo il Re di blogspot ;)

      Elimina
    8. Mi associo, un carattere davvero amabile. Poi bisogna vedere se chi convive con lui è d'accordo, visto che fa molto più testo. Tutto sommato, la visione rospesca è molto limitata, virtualmente parlando.

      Elimina
    9. ha ragione silvana, chiunque conviva con me non mi sopporta anche se mi ama

      Elimina
    10. Lo supponevo.

      Elimina
  7. Ieri non avevo visto il link, l'ho fatto poco fa. Tenga, l'originale è sempre meglio delle imitazioni scadenti. Non sopporto chi spaccia le idee altrui per proprie.

    http://www.in-suedtirol.net/it/groestl-dell-alto-adige.htm

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Bravo, non hai esagerato con il numero di foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, anche perchè non cucino tantissimo

      Elimina
  10. ...che dire...?!
    io sono da Cracco Oldani & company, ma la tua foto mi ha fatto venire appetito

    RispondiElimina
  11. Oh, sono felice che lo spirito e la lettera della mia idea, open source ci tengo a ricordarlo, sia stato onorato. Viva la cucina libera e senza licenza! Padellate per tutti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferibilmente in testa a lei, millantatrice.

      P.S. Io non ho un carattere amabile.

      Elimina
    2. open source, ma l'importante è citare la fonte :D

      Elimina
  12. Di padelle che non sono sue!

    RispondiElimina

commenti? fate vobis