Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 24 dicembre 2014

la morte di J. Cocker

la foto non c'entra col post
in italia ci sono persone che si prodigano per la difesa "degli animali".

Infatti, malgrado i tentativi governativi di depenalizzare alcuni reati come il maltrattamento delle povere bestie con l'intento di snellire le procedure giudiziarie e svuotare le aule dei tribunali da migliaia e migliaia di processi che vedono implicati abominevoli personaggi atti a prendere a pedate il gatto del vicino rompicoglioni, tali pasionarie si lanciano in campagne su tutti i media in difesa "degli animali".

mi fa un po' sorridere il fatto di una cagna che difende gli animali, ma il problema vero è che gli animali che vengono difesi a spada tratta da tal gente sono solo gli animali domestici per l'unico e semplice motivo che tali animali, seppur indirettamente, vanno a votare.

io non avrei nulla da dire in proposito se certi servizi telegiornalistici parlassero apertamente di difesa di cani, gatti e canarini, invece si parla sempre di "animali" in modo generico per far passare il messaggio che queste persone pensino davvero a tutti gli esseri viventi presenti sul pianeta.

e invece nessuna indignazione se viene maltrattata una nutria (con un apposito permesso se hai la licenza di caccia puoi anche sparargli), un pesce rosso (aaarghhh maledetti giostrai che fanno soldi a palate mettendo pesci rossi in premio), un merlo, una vipera, un cappone... e così via..... tutti animali, ma senza diritto di voto, ne di difesa.

ed è per questo che è sembrato strano anche a me che gli animalisti non abbiano detto nulla sulla morte di Cocker, forse che lui non votava in italia?
o ci sono altri motivi che non possono essere svelati perchè nuocerebbero a certi animalisti?

io un'idea ce l'avrei......
(guardatelo, quel cocker è prossimo al suicidio e ne è evidentemente istigato!!!)


15 commenti:

  1. Signor rospo, lei è il mio idolo. Voglio istituire una fondazione per raccogliere fondi al solo scopo di preservarla dall'estinzione!

    Ma sa che non ci avevo mai pensato al fatto che gli animalisti parlino sempre genericamente di animali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non parlo con gli animalisti, di solito preferisco ascoltare il silenzio degli animali, tipo quando stanno dentro una teglia.

      Elimina
    2. Ma ... ma come?!

      Elimina
  2. In realtà una volta la tizia in foto ebbe da ridere su una sagra (di un partito di sinistra) dove il piatto tipico era a base di coniglio.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma perchè la moda del momento è di tenere degli adorabili coniglietti come animali da appartamento.

      io adoro il coniglio.... alla cacciatora

      Elimina
  3. Certo i vegani e i vegetariani sono più coerenti, ma ci vuole a cambiare le abitudini dell'umanità.
    Ti auguro buone e belle Festività, caro rospo!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lieta di sapere che non usa farmaci.

      Elimina
  4. Auguri, rosporbutico ondivago.

    RispondiElimina
  5. Sul movimento animalista si scrive spesso e male. Tra vegani, antispecisti e compagnia bella ci sono anche dei coglioni, come in ogni gruppo sociale.

    Sul fatto che i teneri e pucciosi animali domestici siano degnati di maggiore attenzione non ci sono dubbi, ma ti assicuro che c'è tante gente che lotta e soffre ogni giorno per salvare vite di esseri senzienti, e non merita le badilate di merda che quotidianamente vengono versate facendo di tutta l'erba un fascio.

    Io non sono nato vegano, lo son diventato grazie a chi senza fare "proselitismo" ha saputo sensibilizzarmi, di conseguenza non condanno chi non è ancora arrivato a comprendere quanto sia allucinante che una mucca, un maiale, un coniglio - esseri che provano emozioni proprio come noi - vedano la propria unica vita sacrificata per allietare una cena tra umani. Non lo capisco e non capisco tutto questo astio nei confronti di chi sta semplicemente cercando di salvare esseri viventi da un vero e proprio olocausto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non provo astio nei confronti degli animalisti in generale ma provo un puro odio assoluto nei confronti di chi strumentalizzando la cosa ci guadagna, tipo la signora rossa che ci guadagna in voti.

      Provo lo stesso sentimento anche per chi raccatta soldi a palate sulla pelle dei "bambini africani che muoiono di fame" o sui malati di malattie incurabili, a tutti loto vanno le mie più accorate palate di merda.

      Elimina
    2. Trovo bizzarro il fatto che invece non ci si scandalizzi allo stesso modo della gente che "ci guadagna" sulla tortura e l'uccisione di animali. E sì che in quel caso fa comodo chiudere entrambi gli occhi.

      Elimina
    3. il caso Green Hill dove mi pare che il "popolo" si sia scandalizzato al punto da coinvolgere la magistratura è proprio un chiaro esempio di quello che intendo dire: massima attenzione mediatica e strumentalizzazione (con la signora rossa in prima linea... a caccia di voti) solo perchè i cuccioli di cane fanno tanta tenerezza a tutti mentre i sorci bianchi o le scimmie fanno abbastanza schifo da non meritare una mezza protesta

      Elimina
    4. devi anche considerare un altro discorso: se l'obiettivo è far capire alla gente le ragioni dell'antispecismo, devi andarci per gradi. Se parti organizzando manifestazioni per "vietare la vendita di carne", per esempio, perdi già in partenza.
      Però posso dirti che c'è tantissima gente, ma davvero tanta, che si batte/sbatte sia per i pucciosi cagnolini che per le cavie. Ho la sensazione che ci si indigni più per una Brambilla in cerca di voti che per milioni di animali ammazzati ogni anno. Ed è questo che non riesco a capire.

      Elimina

commenti? fate vobis