Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

domenica 7 dicembre 2014

bollicine

Qui da me e in buona parte della provincia l'acqua è già gestita da A2A, per cui è già stata privatizzata da tempo. Però è vero quel dice l'Alligatore che in Italia c'è stato un referendum per evitare questa cosa e come capita tutte le volte, il volere della popolazione (o della maggioranza che è andata a votare) viene bellamente ignorato dalle istituzioni per "fini superiori"... ... ...

Premesso che non è proprio così scontato che con la gestione pubblica di una risorsa essenziale ci siano dei benefici per la popolazione (ricordiamoci bene che viviamo in italia), il fatto di voler per l'ennesima volta ignorare la volontà popolare mi fa girare un pochetto i coglioni.

Come sempre in questi casi c'è una petizione che gira in rete per l'ennesima protesta virtuale "all'acqua" di rose.

Chi volesse maggiori informazioni la può trovare QUI

lo so, non sono una persona seria

24 commenti:

  1. Ma la tizia ha la messimpiega! Ma come si fa ad andare dal parrucchiere prima di buttarsi in acqua?! Bisogna essere molto vanitose o insicure, direi.

    RispondiElimina
  2. Letta la ragione della petizione, che non mi meraviglia, vista la scarsa stima che ho dell'attuale presidente del coniglio, dico che quella sfilza di firme lascia indifferente me, figuriamoci lui. Se poi firma SOS missionario (che sarà mai?) la credibilità di una simile raccolta di firme raggiunge vette tali da indurmi a non voler sporcare la mia, di firma. Sarebbe molto più utile una forma alternativa di protesta. Che so, alla prossima visitina di renzi nella vostra città, urlargli un bel "Renzi, vaffanculo te e l'acqua privatizzata!", possibilmente in massa, sarebbe senz'altro meglio oltre che liberatorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo sarebbe solo liberatorio.
      sono d'accordo con lei sul valore di certe petizioni online, ma io ho firmato lo stesso perchè mi piace sporcarmi un po' ogni tanto

      Elimina
    2. A me piace sporcarmi solo quando sono profondamente convinta che ne valga la pena.

      Elimina
    3. io mi sporco anche quando gioco

      Elimina
  3. La bicicletta, dimenticavo!

    RispondiElimina
  4. Non sarebbe meglio far arrivare al signor renzi centinaia, che dico, migliaia di bottigliette di plastica contenente l'acqua del rubinetto di centinaia di comuni italiani. Se poi un camion pieno gliele scaricasse tutte insieme davanti a casa impedendo alla moglie di uscire sarebbe anche meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fare una petizione è gratis e spiccio, riempire milioni di bottigliette e consegnarle costa fatica e denaro.

      Elimina
  5. Lo so bene. Ecco perché è una protesta che si nota. Le firme virtuali non le vede nessuno. Figuriamoci, ignorano quelle materiali dei referendum! Cosa vuole, continuo a pensare ad una piramide di bottigliette di plastica davanti a casa di renzi è la trovo una bellissima idea. Ricorda quel film con Doris Day che faceva gli spot pubblicitari del detersivo e si ritrova la piscina inondata di schiuma! Ahahah, bellissimo!

    RispondiElimina
  6. Eccolo qua, che spasso. La scena è dopo un'ora e dodici minuti dall'inizio. Non è nemmeno OT in questo post!

    https://youtube.com/watch?list=PLyay04HiUQS6-YdAkKqLlbr5PhVDRAsui&v=HzMYFZOTeZc

    RispondiElimina
  7. A me invece fa ridere vedere questi Italiani che si agitano facendo finta di non sapere come stanno le cose: la "privatizzazione" è una questione che si pone solo perché il "pubblico" non funziona.

    Il "pubblico" non funziona perché agli Italiani sta benissimo che serva in primis a creare posti di lavoro fasulli, a pagare pensioni a 50 anni, a garantire commesse agli amici, eccetera eccetera, se poi il servizio va schifo o manca del tutto, come capita al Sud, va bene lo stesso. Oppure, se la municipalizzata o la partecipata, nel mentre sistema parenti e amici, produce un debito astronomico, tanto paga Pantalone.

    Se alla gente veramente importasse dell'acqua in quanto tale o in generale della qualità del servizio fornito dalla Pubblica Amministrazione, a quest'ora avremmo fatto due o tre rivoluzioni. Invece quello che vogliono gli Italiani è essere "garantiti" e "tutelati", anche a costo di vivere nella merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Succede quando ci si sottrae alle proprie responsabilità personali e si considera lo Stato come se fosse il paparino ghe pensi mi.

      Elimina
  8. Mango morto. Non aveva un bell'aspetto. Era la frutta.

    RispondiElimina
  9. Dalle mie parti c'è un consorzio. Ma alla fine è gestito come se fosse una società privata.

    Buon martedì!

    RispondiElimina
  10. Ciao, scusa se te lo scrivo qui ma ho dei problemi ad entrare sul mio. Cmq, vai sulla pagina YOUng e cerca tra le foto. È tra le prime, inizia con "Pizzeria".

    RispondiElimina
  11. http://www.repubblica.it/motori/sezioni/moto/2014/12/12/news/proposta_di_targare_le_bici_a_milano_scoppia_la_polemica-102727569/?ref=HRLV-10

    Commenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che siamo ad un passo da tatuare un codice sulla fronte delle persone. E' una delle tante ironie della storia, la Russia che una volta mandava le valigie di soldi a Cossutta adesso le manda a Le Pen, i Nazisti tatuavano i numeri sugli indesiderati da eliminare e i compagni del PD li tatueranno sugli Italiani da tassare.

      Elimina
    2. Se tassano il numero di piede sono avvantaggiata, ho il 36.

      Elimina
  12. Signor rospo, si può sapere che fine ha fatto? Sta facendo ancora la respirazione bocca a bocca a quella della foto morta affogata? O l'ha salvata e costretta ad assaggiare tutti i suoi panettoni sperimentali?

    RispondiElimina

commenti? fate vobis