Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

domenica 9 novembre 2014

Culinaria faidamè: la focaccia di Voltri (...a modo mio)

L'acquisto dell'impastatrice ha fatto fare un salto di qualità al rospo panificatore. Peccato che l'acquisto di questa macchina è coinciso col minor consumo di pane e derivati a casa del rospo (che è in effetti dimagrito parecchio negli ultimi mesi :D) per cui la sto usando poco, che quando avevo la pasta madre (pace all'anima sua) facevo qualcosa almeno una volta la settimana.

Però ogni tanto mi scappa la voglia e quando capita una sera in cui sono in casa da solo faccio qualche esperimento culinario.

Come sempre prendo spunto dal sito di riferimento per questo tipo di preparati che è VIVALAFOCACCIA e la ricetta originale corredata di immagini passo passo, video e addirittura foglio di calcolo per la dose degli ingredienti la potete trovare QUI.

Io come sempre è fatto a modo mio, vuoi per inesperienza, vuoi perchè mi piace sperimentare, ma soprattutto perchè quando mi decido a fare qualcosa non ho gli ingredienti giusti in casa oppure vario i tempi perchè ho fame!!  non ho molta pazienza...

Per questa focaccia ci vorrebbe una farina piuttosto forte io invece avevo in casa solo della 00 del discount. Dato che il risultato è stato più che soddisfacente (per me) penso valga la pena vantarsi postare la ricetta, così quando mi serve so sempre dove andare a cercarla!!

INGREDIENTI:

farina 00 - 200g
semola rimacinata - 50g
acqua a temperatura ambiente - 195 g
lievito di birra secco - 2g
zucchero - 5 g
sale - 5 g
olio d'oliva - 25 g

PROCEDIMENTO:

sciolgo il lievito con lo zucchero nell'acqua, poi nell'impastatrice aggiungo la farina e impasto inizialmente con "la foglia" fino al completo assorbimento della farina stessa.

poi si aggiunge il sale

quando l'impasto si stacca dal bordo del recipiente si monta il gancio e si impasta con quello. Questo impasto è ad alta idratazione (la dose di acqua è quasi pari a quella di farina) e bisogna raggiungere una buona incordatura che si ottiente (pare) impastando per molto tempo. In questa fase si aggiunge l'olio un po' alla volta.

ho aumentato la velocità dell'impastatrice (3-4) e l'ho fatta lavorare per 20 minuti abbondanti.

poi ho steso l'impasto (che è piuttosto elastico e umido) sul tavolo infarinato e l'ho lasciato riposare per un quarto d'ora coperto con un canovaccio.

poi l'ho ripreso, gli ho fatto tre pieghe (se vedi la ricetta originale sul sito che ho linkato si capisce meglio), l'ho steso col mattarello e l'ho messo su una teglia precedentemente infarinata con farina bianca e farina gialla.

ho ricoperto di nuovo l'impasto e l'ho lasciato riposare per un'ora e un quarto abbondante.

l'ideale sarebbe di metterlo in una nuova teglia per la cottura ma la mia pigrizia me lo ha impedito e l'ho lasciato in quella dove ha lievitato tirando bene l'impasto (che è piuttosto delicato, ma elastico) fino ai bordi. quindi l'ho cosparso d'olio abbondantemente e ho fatto i classici buchi con le dita sulla superficie.

quindi ho infornato in forno già caldo a 240° per 10 minuti

questo è il risultato:

appena sfornata... sapeste il profumo...
la focaccia risulta alta perchè la dose serviva per due teglie di queste dimensioni io invece l'ho messa tutta in una, inoltre le dosi del calcolatore di ingredienti prevedevano solo 2 grammi di lievito secco e sicuramente me ne è scappato un po' di più (4 o 5... o 7... boh)



Il fatto che fosse alta mi ha invitato a riempirla di speck e montasio per farmi un ottimo spuntino :D

24 commenti:

  1. Speck e montasio a parte, vale la pena?
    Oppure servono solo a mascherarla?
    Ciao.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona buonissima... anche il giorno dopo

      Elimina
  2. Lei è completamente fuori di testa!

    RispondiElimina
  3. Oddio, io ci metterei speck, emmenthal e funghi :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho una certa età, devo stare leggero :D

      Elimina
    2. Moz ha sempre ottime idee in fatto di cucina, secondo me. Dai Rospo, prova. A limite dopo ti fai una bella corsetta in bici per smaltire ;)

      Elimina
    3. con l'acqua che viene mi sa che esco in pedalò

      Elimina
  4. ma che impastatrice è? compravi il Bimbi della Vorwerk ( la stessa
    della Folletto) e ti veniva una super piazza o facaccia mettendoci solo
    pochi minuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. profana.... i tempi di lievitazione ci vogliono, no?

      comunque il bimby lo possiamo consigliare al ministero delle infrastrutture.... si sa mai che debbano costruire delle super piAzze! :P

      Elimina
  5. Quella focaccia lì andrebbe mangiata in compagnia, possibilmente durante l'orario di lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo per il mio ruolo nel lavoro che svolgo devo impedire che si svolgano attività mangerecce e festini durante l'orario di lavoro.

      Elimina
  6. non mi decido all'acquisto di una impastatrice, non so perché!! Eppure la userei eccome!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi decido all'acquisto! Ma come cazzo parla?!

      Elimina
    2. invece lei, perchè non va a cucinarsi una focaccia ripiena di cazzi suoi?

      Elimina
    3. Certo, certo. Stasera, invece di dire che ha mal di testa, immagino se ne uscirà con la fatidica frase Non mi decido alla trombata, non so perché ...

      Elimina
    4. Settore educazione, non ci posso credere ... Fottiti, maestrina.

      Elimina
    5. sono sempre più perplesso da certi atteggiamenti.... per dindirindina!!

      Elimina
  7. che marca hai scelto? How much?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siccome "volevamo" farci un regalo ce lo siamo fatti bello: kenwood .... 199 o 159, o 99.... sinceramente non ricordo,

      Elimina
  8. non lo pseck, cazzo!
    mettici del crudo la prossima volta. fallo per me.
    Crudo sant'ilario e burrata d'andria.

    RispondiElimina
  9. Cosa fa un tricheco fuori da una panetteria? Aspetta che escano le focacce.

    RispondiElimina

commenti? fate vobis