Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 19 giugno 2013

Esco a fare un giro in bici: il Chiese, la Valtenesi e il basso Garda bresciano

Quando la moglie è in vacanza e a casa il cane può stare in giardino la domenica di bici full
in campagna... Calcinato (BS)
immersion è d'obbligo. Naturalmente anche i giorni precedenti sono stati un po' festaioli e la domenica mattina riesco a partire da casa solo verso le 11 con poche ore di sonno.

Finalmente fa caldo e posso lasciare a casa gli indumenti per la pioggia, metto nella borsa salvietta e costume partendo con l'idea di farmi un bagnetto al lago. Raggiungo Ghedi attraverso strade secondarie e da lì prendo quella che chiamerò la ciclabile del ciucchettone, che si snoda nella campagna tra Ghedi e Montichiari e che usavamo (in macchina) per evitare i posti di blocco sulla statale il sabato sera all'uscita dai locali. In pratica si passa su strada bianca che collega il cimitero dal passaggio a livello alle cascine, passando poi, dopo il poligono di tiro, sulle vecchie piste dismesse dell'areoporto militare (usate ora dai contadini come deposito di balle di fieno e letame!!) e prendendo via Bellandi per raggiungere la cartiera all'ingresso di Montichiari.


 Dopo il ponte, sulla sinistra inizia un single track che costeggia il Chiese fino all'uscita dalla cittadina e da lì si prende il tratto ciclabile che la collega a Ponte San Marco e prosegue fino a Bedizzole costeggiando quasi sempre il Chiese o altri canali irrigui pieni d'acqua.

Valtenesi
Poco prima mi fermo in località "Ca' del Bes" per fare uno spuntino e una pausa ristoratrice di
mezz'ora. Il biscio non l'ho visto per fortuna. Da Bedizzole a Padenghe ci sono pochi chilometri e si respira già l'aria del Garda ma arrivati al castello del paese gardesano dopo una bella discesa, come spesso mi capita, cambio idea e decido di seguire la ciclabile della Valtenesi che dal castello porta fino a Salò. la vista del lago piano piano sparisce e ci si inoltra nel paesaggio collinare tra campi coltivati, uliveti, vigne, belle ville signorili, in un continuo saliscendi sempre e comunque su ciclabile asfaltata.
laghi di Sovenigo

Sempre seguendo le indicazioni per Salò raggiungo i laghi di Sovenigo,  era un po' che volevo passare di qui e alla fine ci sono arrivato quasi per caso.
Giro intorno ai laghetti e dopo una discesa mozzafiato che mai e poi mai farò al contrario raggiungo Villa di Salò. Una cosa che manca in questo bel tratto di ciclabile è l'acqua: non c'è una fontanella in tutto il tratto che ho pedalato e i 34 gradi e rotti si sono fatti sentire. A Villa, in piazza fontane c'è finalmente l'acqua e dopo aver fatto il pieno raggiungo la ciclabile panoramica con vista su Salò, che non raggiungerò e mi accontenterò di vedere dall'alto, seduto su una panchina mentre sfrecciano davanti a me un sacco di vecchie automobili.
Salò
Manerba - Isola dei conigli
è già piuttosto tardi ed è ora di tornare indietro ma prima devo trovare un posto dove farmi un bagno
ristoratore. Cerco di costeggiare il più possibile il lago ma in questa zona la strada principale si trova in alto e per raggiungere le spiaggie si va in discesa (che bello), ma poi si dovrà pedalare parecchio in salita. Incuriosito da un cartello stradale indicante la "Baia del vento" passo da Portese ma quando arrivo alla spiaggia mi accorgo che i molti (troppi) hanno avuto la mia stessa curiosità: c'è la folla.
Risalgo e me ne vado a San Felice. In un posto dove ero stato qualche anno fa, con tre alberi e qualche panchina sembra ci sia meno gente. Mi fermo qui che posso tenere d'occhio la bici anche quando sguazzo felice con alcuni
Moniga - il castello
bambini :D
Bello fresco e bagnato riprendo il mezzo e la via del ritorno facendo sali e scendi tra la statale e la riva del lago coi porticcioli di Manerba e Moniga dove faccio anche un giro intorno al castello. Da Padenghe a Desenzano la statale è con vista sul lago e tutta in discesa. Vado a tutta birra e immancabilmente buco!
A Desenzano mangio un bel gelato artigianale preso da un gelataio "cinese" e vedo passare un nutrito gruppo di ciclisti della Fiab.
Dopo l'ennesima pausa lascio la cittadina piena di turisti e mi immetto nel traffico caotico superando le macchine in coda. Dopo Lonato le macchine sono già diminuite e a Montichiari mi fermo per cenare con un paio di fette d'anguria. Col sole che tramonta all'orizzonte arrivo finalmente a casa poco prima delle 21.

E ora.... numeri:

chilometri percorsi : 142.66 km
tempo in sella: 7h 30'
vel max: 47.6 km/h
vel media: 18.9 km/h
temperatura max: 35°

61 commenti:

  1. azz
    io 140 km li faccio in un anno, ormai la uso solo per andare a comprare le sigarette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. strano, di solito i fumatori si muovono solo in macchina :D è già qualcosa!!!!

      Elimina
    2. io, in bici, non faccio nemmeno quello perché non fumo.... anzi, ora che ci penso, non ce l'ho proprio una bici ;)

      Elimina
    3. ma tu puoi andare a piedi...... con quelle gambe :P

      Elimina
  2. Wow! E quanti chili pesava in meno al ritorno? Voglio sapere il peso netto! Io un giro simile potrei farlo trent'anni fa e con trenta gradi in meno! Poi vorrei capire. in mezza Europa i gelatai sono tutti veneti e lei che è in zona, va a prendere il gelato CINESE?! Che gusti? Cane, raviolo al vapore e involtino primavera? Mmm, che prelibatezza!!! Mi dica dov'è che non ci andrò mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a desenzano, un po' fuori dal centro storico... fragola e limone, buonissimo :D

      ps: dopo aver mangiato 2 panini col salame, 2 pesche, dei biscottini dolci, dei cracker, un gelato, 2 fette giganti di anguria, alla fine sono calato un chilo!!

      Elimina
    2. Sì, ma cosa ha bevuto? Mica per niente, fa la differenza!

      Elimina
    3. vari litri di acqua... e un the freddo :P

      Elimina
  3. Risposte
    1. le mie doloranti chiappe invece mi odiano :DD

      Elimina
  4. wow! mi piace questo giro, con il lago poi!!! bellissimo resoconto e complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie.... e non ho nemmeno pubblicato le mie foto in costume, altrimenti........ :P

      Elimina
    2. Da damina del settecento, scommetto! Che ho vinto?

      Elimina
    3. io generalmente non scommetto mai, nemmeno quando so di vincere.

      Elimina
    4. Io scommetto sempre. E perdo!

      Elimina
    5. Noooo, scommetto solo con quelli leali che ci ridono! Mica sul serio! Sta parlando con una che non ha mai comprato un solo biglietto di una lotteria o un grattino!

      Elimina
  5. ma come? Bedizzole? il team con il quale mi sono lanciata era li proprio il week appena trascorso e tu non ci sei andato? che palle 'sta bici. fa bene tua moglie ad andare in vacanza! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fa bene ad andare in vacanza a prescindere, è bello andare in vacanza!!!!

      Elimina
  6. lo sai che mi piace pizzicarti. come fanno gli scorpioni, però. A parte gli scherzi la tua passione per la bici è una cosa molto bella. E a dir la verità un po' sono invidiosa delle tue passeggiate. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il giorno che farai 100 km in bici io mi lancerò col paracadute :D

      Elimina
    2. potrei accettare la scommessa.... però la prossima volta.... non firmarti anonimo.

      Elimina
    3. quando mi sono firmato anonimo scusa??

      Elimina
  7. Risposte
    1. !?!?!?!?!?!?!?! qui sul mio blog ??!?!?!?!?!

      Elimina
    2. Non era del signor rospo, il commento. Era mio.

      Elimina
    3. l'ho letto..... e me ne ero accorto :D

      Elimina
    4. Manco mene ricordavo, pensi quanto sono assente mentre scrivo! E manco avevo capito che si riferisse a quello. Buonanotte! Infatti ora vado a dormire. Lei che fa?

      Elimina
    5. Uomo saggio!

      Elimina
  8. anch'io ho fatto un giro in bici stasera, la uso per spostarmi in centro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non avrai problemi di parcheggio suppongo !! :D

      Elimina
  9. CENTOQUARANTA?! Ammazza che costanza Rospo! C'avrei du gambe che manco Totti :)

    Bei posti vedo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vado piano.... e il muscolo non cresce più di tanto :D

      Elimina
  10. Buona estate! Oddio, ho già un mese di più, che tristezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che razza di domanda è?

      Elimina
    2. non capisco l'affermazione!

      Elimina
    3. Ma la capirebbe anche un somaro!

      Elimina
    4. che il suo compleanno è il 21 maggio ??

      Elimina
    5. Caspita, che botta di intuito! Ma come ha fatto?!

      Elimina
    6. Signor rospo, lei vegge tale e quale a me! Ha visto che ho avuto un sogno premonitore? E lei si è fatto beffe dei mio sogno!

      Elimina
    7. mi delucidi che il sogno credo che non me l'abbia raccontato!

      Elimina
    8. No, è lei che è rincoglionito!

      Elimina
  11. Rospo mi hai il bottarello del campione oh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo proprio, quelli chiamati campioni ci mettevano men di 4 ore :D

      Elimina
  12. Io sarei morta. T'invidio il giro al lago però!

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il giro non l'ho ancora fatto, ma lo farò prima o poi, magari quest'estate :D

      Elimina
    2. Come, non ha fatto manco un girino al lago? E sua figlia com'è nata?! Ma che razza di rospo è?

      Elimina
    3. lo spirito santo forse ?!?!?

      Elimina
    4. Le ricordo che è un rospo. I rospi hanno a che fare con lo spirito salto, non santo. Quello è per gli umani!

      Elimina
  13. Signor rospo, ho avuto una brillante intuizione su di lei. Quella barba che le copre buona parte della faccia le dona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia no di sicuro!

      Elimina
    2. nemmeno io ho la barba, non in faccia almeno!

      Elimina
    3. Ok. Capita l'antifona. Deve essere come la mitica tuscita di mia madre che la pioggia di Merano non bagna.

      Signor rospo, le dona la non barba!

      Elimina
  14. Bel giro, nonostante il ginocchio che non è ancora al 100%, ho ripreso pure io, dalla parte opposta del lago (quella che hai fatto tu, non l'ho mai fatto, anche se l'idea del giro del lago c'è... e anche nel sfondare nell'entroterra bresciano). A leggere i km fatti e il tempo che ci hai messo, devo dire, complimenti, bella gamba, io sono più lento. Mi fermo spesso e volentieri a tutte le fontanelle, che sono una cosa fantastica quando vai in bici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è pedalare. Per il giro del lago c'è sempre l'incognita gallerie bresciane che mi persuade a non farlo visto come sfrecciano da queste parti. :D

      Elimina
  15. Buon lunedi kermit. Aggiungo, sorry...two times.

    RispondiElimina

commenti? fate vobis