Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

domenica 26 maggio 2013

Esco a fare un GIRO

fonte: Brescia Today
Quest'anno causa cambio di orari lavorativi e abitudini mi sono perso tutto di questo giro d'italia. E lo ammetto, mi manca un po' fare i turni, arrivare a casa stanco accendere la tele e farmi cullare dalla telecronache soporifere di Auro Bulbarelli col commento tecnico di Davide Cassani. Lui si che mi faceva sognare, anche quando i vari supermanPIPPATIdel pedale scalavano le epiche montagne del giro a 30 all'ora.... sognare, sul divano.
zona arrivo - piazza Garibaldi
Di solito mi svegliavo a fine tappa dove a una specie di processo alla tappa alcune persone, evidentemente 'imbriache', dicevano le stesse cose di Bulbarelli, però urlando e credo sia per quello che mi svegliavo. Comunque a modo mio ero informato, sapevo chi aveva le varie maglie, se il giorno dopo c'era qualche "tappone" o era previsto un finale allo sprint.
Quest'anno ho appreso l'altro ieri che Nibali stava cannibalizzando il giro e tra le varie che una tappa è passata a un paio di chilometri da dove lavoro.
Non so per qual motivo (e ancora me lo chiedo) quest'anno il giro è finito a Brescia e non a Milano così, con la bici ancora attrezzata da cicloturista, complice un bellissimo sole e un gran vento a favore, dopo essermi scofanato un paio di fettazze di lasagna parto e dopo un'ora arrivo in una città tinta di rosa (cassonetti compresi!!).
Naturalmente andare a vedere il giro in bici sembrava un buona idea, e in effetti non ho avuto problemi di parcheggio, però la gente è accorsa in massa in centro ed era davvero difficile muoversi.

zona VIPS
Passo un po' di tempo all'arrivo, vicino a una gabbia chiusa con catena e lucchetto e presidiata da un "gorilla" in giacca e cravatta dove i vip di brescia e alcune leggende del pedale (ho riconosciuto Moser, Bettini e mi pare Fondriest) mangiano e bevono sotto gli occhi compiaciuti del popolo privo di pass di accesso. Dopo il primo passaggio dei nostri eroi giro la bici e provo a tornare in piazza Loggia perchè qui non riesco a vedere niente a parte una sfilata di belle ragazze che provano ad entrare nella zona riservata.

In piazza non ci arriverò mai, la gara è alle battute finali e devo passare sul marciapiede pieno di gente. Poco male, in via san Faustino il centro storico di Brescia riesco a trovare un buco sul ciglio della strada non transennata dove i ciclisti a bordo delle loro bici spaziali passano a manetta tra gli applausi di due ali di folla e gli sguardi attoniti ma divertiti degli spacciatori senegalesi.
gruppo compatto





video

Dopo l'ultimo giro la gente invade la strada per assistere alle premiazioni in piazza Loggia. Non mi azzardo a seguire la folla ma faccio un giro, dopo una breve salita, sulle strade deserte del castello. Da lassù si sentono le voci lontane degli speaker, gli applausi per Cavendish e Nibali, si vedono i tetti della città. Ho respirato un po' dell'atmosfera dell'evento e ho visto il gran lavoro che sta dietro a tutta questa carovana colorata. Ho passato un pomeriggio diverso e posso anche dire di esserci stato.

il tetto della Loggia... il nuovo sindaco dovrà ripararlo :D


La Pallata

 e ho anche pedalato per 60 km.... non accadeva da un paio di settimane almeno.

PS: le foto sono state scattate con un sonyEricsson d'annata che in mio nokia due giorni fa ha avuto un incidente mortale e la qualità non è eccelsa (anche perchè era la prima volta che lo usavo!!!)

fonte: GiornalediBrescia.it

10 commenti:

  1. io ieri ho visto la tappa sotto la neve.... ammazza che bufera ... poracci ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conosco gente che certe bufere le ha prese solo per la passione per la bici.... almeno loro hanno un buon stipendio :D

      Elimina
    2. e chissà di che si fanno ;)

      Elimina
    3. pasta! loro dicono solo pasta!!

      Elimina
  2. Moser e Fondriest li ricordo bene, e visti svariate volte, mio papà mi ci portava a vederli :) ed comunque emozione! Nottee

    RispondiElimina
  3. Non commento il Giro, commento te: sei un mito!
    E non dico altro, perché se lo dico ti gonfi tanto che alla fine esplodi, come gloria dei rospi comanda.
    Ciau.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo di aver fatto nulla di mitico.... anche se devo ammettere che con le lasagne avevo davvero esagerato e l'impresa non è stata salire in sella ma scendere dal divano dopo il caffè!

      Elimina
  4. e' passato anche dalle mie parti il giro, ma io ovviamente ero a lavoro!
    Comunque 60 km post lasagne è da pazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dopo una settimana di pioggia avrei fatto 60 km anche a piedi!!

      Elimina

commenti? fate vobis