Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

martedì 5 febbraio 2013

Esco a fare un giro in bici: di notte tra Bergamo e Milano

Ossignur
Come annunciato qui sabato scorso invece di passarlo in discoteca ad ubriacarmi l'ho trascorso in bicicletta con gli amici, i soci e i simpatizzanti dell'AIIC per una pedalata "notturna" da Bergamo a Milano.

Parto dal mio paese in treno fino a Brescia dove con un altro treno raggiungo Bergamo alle 22 e qualcosa in compagnia di Luca, milanese trapiantato a Brescia per lavoro e amante dei cicloviaggi.
Fuori dalla stazione c'è una piccola folla pronta a lanciarsi in questa avventura. Non piove e c'è già un piccolo rinfresco offerto dall'organizzazione :D


L'unico mio dubbio era l'abbigliamento, che pedalo davvero poco in inverno e non sono attrezzato, così mi sono vestito come quando andavo a lavorare in bici a sette sotto zero e nello zaino (che uso per andare a lavorare) una tuta e le calze di ricambio che non si sa mai e un termos col tè caldo.

Si parte ed è subito salita, breve ma ripida fino alla città alta per la "classica" foto di gruppo e un buon caffè.
foto by Giopirotta
splendido panorama di Bergamo - foto by Giopirotta

La discesa è stata davvero emozionante, il primo tratto di single track fatto coi freni tirati e con un occhio al "burrone" senza rete sulla destra e il secondo fatto "a manetta" sul pavè.

video
la discesa e la salita a spinta... sembrerebbe una fiaccolata molto coreografica
Da qui inizia il tratto in sterrato, con molto fango da affrontare senza fretta per non rischiare di finire in una pozzanghera e passare la notte fradici (ma non ubriachi). I tratti in campagna o nel bosco si alternano a passaggi e a soste in qualche paese. La fatica e il freddo nelle prime ore della notte non si sentono, complici il meteo favorevole e il calore del gruppo. Si segue il corso del fiume Brembo fino all'Adda.
foto by Giopirotta
Dopo una trentina di chilometri siamo a Crespi d'Adda col suo villaggio operaio patrimonio dell'Unesco, una vera scoperta per la mia infinita ignoranza :D. L'immagine del cimitero e i lumini nella nebbia è davvero suggestiva. Il posto merita sicuramente una visita di giorno.
il cimitero - Crespi - foto by Giopirotta
Costeggiamo il fiume Adda che superiamo più volte e poco prima di imboccare la ciclabile lungo il naviglio Martesana a sorpresa troviamo un posto di ristoro con dolci, tè e caffè bollenti offerto dagli organizzatori e servito da tre belle ragazze... cosa si può volere di più alle cinque del mattino ?
rinfresco a lume di candela - Inzago (MI)
Ripartiamo alla volta di Milano lungo il naviglio. Ho un piede ghiacciato e provo a scaldarmi pedalando un po' più forte. Dopo un po' il ciclista davanti a me mi lascia passare (pensavo fosse uno dell'organizzazione e invece..... boh) e mi ritrovo per una buona mezz'ora a tirare il gruppo (...a 17 km/h) ma la ciclabile è tutta dritta e non si può sbagliare strada. Nel frattempo riesco a scaldarmi e arriviamo in città che sta schiarendo.
Milano - fermi al semaforo (h 7.10) - foto by Giopirotta
Qualcuno saluta e si dirige verso casa mentre il resto del gruppo raggiunge la stazione centrale giusto in tempo per perdere il treno (io) per pochi minuti ;D
Poco male ce ne sarà un altro un'ora dopo.L'ultima foto di rito all'arrivo, la colazione in un bar elegante con i miei pantaloni infangatissimi, i saluti e il rompete le righe.
 Stazione centrale - Milano - foto by Giopirotta
E' stata una bellissima esperienza, ma non la chiamerei "impresa" come l'ha definita qualche commentatrice di questo blog. I poco più di 70 km fatti in 9 ore sono andatura da passeggio e alla portata di tutti. Certo, per stare 6 ore in sella bisogna allenare bene il culo, ma per il resto non bisogna essere Armstrong.
Arrivo a Brescia e dovrei aspettare un'altra ora il treno per casa e mi dico vabbè, mi faccio anche gli ultimi 27 km in bici che se resto in stazione mi addormento. Questi ultimi chilometri però sono stati davvero duri ;D
Anch'io non saprei rispondere alla domanda "ma chi te lo fa fare"   ...so solo che mi sono divertito!

Un po' di numeri sulla pedalata a questo link.

PS:
le belle foto di questo post purtroppo non le ho fatte io perchè dopo il primo video mi sono ritrovato col cell scarichissimo. ;D

12 commenti:

  1. Lo so io cosa te lo fa fare : la passione che si prova quando si fa qualcosa che ci piace enormemente, quando si vince una sfida con se 'stessi.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era una sfida le prime volte forse, ma adesso ????

      forse hai ragione, la passione ti fa muovere.

      Elimina
  2. per un pigro comodista come me in effetti è una impresa, ma pensandoci 70 km non sono poi troppi, solo che boh... sabato scorso alle 22 io avevo solo voglia di starmene a letto xD

    RispondiElimina
  3. questa tua passione per la bici è davvero bella. ma prima di iniziare un percorso come il tuo mi sa che c'è da sudare parecchio. io rinuncio e rimango di quelle che la bici la usa solo per la passeggiata domenicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tecnicamente da mezzanotte alle sette del mattino è stata una passeggiata domenicale :D

      Elimina
  4. tutta vita guadagnata...con un pò di invidia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel gruppo c'era anche un ragazzo del 46 !!!

      Elimina
  5. :D

    Grazie per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina

commenti? fate vobis