Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

domenica 9 settembre 2012

Esco a fare un giro in bici: giro del lago d'Iseo

Era un po' che ci pensavo: il lago d'Iseo pur essendo relativamente vicino a casa è proprio una zona che conosco poco, a parte la zona sud tra Iseo e Clusane che conosco magari dal punto di vista "gastronomico" XD e  che ho già raggiunto pedalando qualche mese fa.
itinerario
Il giro del lago in se è piuttosto semplice, sono meno di 70 km e lo potrebbero fare anche delle persone non allenate secondo me, ma io ho questo stupido vizio di partire dal mio giardino di casa e questa gitarella di tre ore alla fine mi ha impegnato per tutta la giornata.


castello di Bornato (BS)
 Partenza da casa ore 8 (le birre del venerdì sera sono ormai un ricordo..)

Avevo pensato l'itinerario più diretto possibile per raggiungere Clusane, senza perdermi nei meandri della ciclabile Brescia-Paratico, suggestiva fin che si vuole, ma che ti fa girare attorno a tutti i paesini dei dintorni, invece sbagliando strada di mio un paio di volte sono riuscito ad allungarla lo stesso di 6-8 km. Ne ho approfittato per passare da Bornato e dare un'occhiata al suo bel castello.





l'Oglio esce da qui
 Una parte di ciclabile poi l'ho fatta lo stesso che da Passirano fino a Clusane è tutta in discesa. A Paratico c'è il confine con la provincia di Bergamo e il ponte sul fiume Oglio che porta sull'altra sponda.







l'inutile foto del mio pranzo
Faccio davvero pochi chilometri da Sarnico a Predore e mi accorgo di avere già fame!!! approfitto di un fornaio ben fornito e di un fruttivendolo in zona per fare due spese. Mi accomodo sulla prima panchina all'ombra con vista lago e pranzo con calma anche se mezzogiorno è ancora lontano. Pedalerò come è capitato spesso nelle ore in cui gli altri sono "a tavola", di certo ci sarà meno traffico, anche se il sole settembrino è ancora bello caldo.
alberi sulla riva, le radici non han bisogno di sprofondare del terreno
Più si pedala verso nord e più il venticello aumenta d'intensità: nel lago ci sono un sacco di wind surf anche se mi pare che i turisti in giro siano pochi, ormai le vacanze sono un ricordo per tutti o quasi. Raggiungo Lovere dovo aver superato i bei paesi di Tavernole bergamasca, Riva di Solto, Zù, Castro,  passando anche attraverso 2 o 3 brevi gallerie pedalando sulla strada poco trafficata (come avevo previsto) e godendomi la splendida vista.



il fiume Oglio entra da qui

A Lovere, ingannato da un cartello turistico, gironzolo per le strade all'interno del paese: tutte in salita e con pendenze mozzafiato!!! Torno sui miei passi e raggiungo Costa Volpino dove c'è di nuovo il fiume Oglio (con annesso ponte) che stavolta entra per formare il lago d'Iseo.




sponda bresciana, dopo Pisogne
passate... a vostro rischio....
Dopo Pisogne inizia una serie di quattro gallerie di cui una piuttosto lunga. Lungo il lago c'è la vecchia strada dismessa che collega Toline a Vello ed inizialmente adibita a pista ciclabile. Purtroppo è da tempo che la strada è chiusa per pericolo di caduta massi e la prima galleria (località XXX passi) non è nemmeno illuminata. Seguendo però i consigli trovati su questo sito e con un po' di attenzione la percorro ugualmente.



Ops, la frana.....
Purtroppo il cancello alla fine è davvero invalicabile, allora trovo il sentiero consigliato dal sito (500 mt indietro dulla sinistra) e spingendo la bici a mano per un buon quarto d'ora raggiungo la viabilità ordinaria in compagnia di un altro ciclista che aveva avuto la mia stessa idea. Quella ciclabile è davvero bella ed è un vero peccato che la gente non possa goderne (tra l'altro la cosa più pericolosa che ho notato sono un sacco di cocci di vetro.......).
Da qui poi le tre gallerie restanti sono brevi e illuminata. Si costeggia sempre il lago passando da Marone, Sale Marasino, Sulzano, Pilzone fino ad arrivare a Iseo dove termina il mio giro e prendo la strada per il ritorno vesro casa, stavolta senza divagazioni su ciclabili o sterrati sempre e comunque tentando di restare su strade secondarie. (*)

Pochi chilometri prima di arrivare a casa riesco anche a forare in aperta campagna, ma ormai nulla può rovinarmi la gita anche se l'inconveniente mi fa perdere una mezz'oretta buona.
Arrvo a casa alle diciotto, in tempo per un tuffo in piscina e per annaffiare l'orto XD.



10 ore in giro, 160 km pedalati........
Uff........

(*) divagazione sul tema: ho dovuto fare la SP19 da Pontegatello a Ospitaletto per non allungarla troppo; il mattino tutto ok a parte un po' di traffico, il pomeriggio un sacco di mignottume di varia etnia lungo la strada e nelle strade di campagna adiacenti... e un sacco di uomini in bicicletta che passava di li "per caso" XD



16 commenti:

  1. Che belli i laghi. Specie in autunno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ieri però era ancora estate!!

      Elimina
    2. Io compio gli anni a maggio, ma aggiorno l'età in gennaio!

      Elimina
    3. non farlo sapere a chi ti paga lo stipendio, che lavori un mese e ti paga sei mesi dopo ...

      Elimina
    4. Lei sì che é un tipo pragmatico.

      Elimina
    5. smettila di darmi del lei... non sono così vecchio, ne così autorevole :D

      Elimina
  2. Passano sempre per caso... :-D

    Comunque 70 km senza allenamento la vedo dura!
    Sarà che la bici per me è faticosissima.
    160 km ovviamente solo tu.

    RispondiElimina
  3. Che bei luoghi, rimango incantata sempre dalle tue foto.
    Sei super dopo tanti chilometri avevi ancora fiato per nuotare e irrigare l'orto! Certo che sei instancabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che ho nuotato 5 minuti :D e il mio orto esiste ma è comunque un mini orto!! Poi sono uscito a cena, siamo andati a ballare fino alle 3 di notte.... quando si fanno le cose che ci piacciono un filo di energia si trova sempre.

      Elimina
  4. Passa da Como che abbiamo il lago più bello :D

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'anno prossimo mi aventurerò in un giro di manzoniana memoria (e tu mi seguirai!)

      Elimina
    2. Mmm, un giro bicicletterario. Anzi, bicicletteLario! Ahahahah, che idiota, rido da sola!

      Elimina
  5. Io sono talmente pigro che mi sento stanco solo a leggere la strada che hai fatto, ma sono contento di essere arrivato fino in fondo. Ora so dove trovare un pò di figa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la trovi ovunque tranne con me in bicicletta!

      Elimina

commenti? fate vobis