Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

domenica 1 gennaio 2012

Midnight in Paris

Primo giorno dell'anno, sabato notte tra una cosa e l'altra (magari ci scriverò due righe più in la) ho fatto le sette del mattino. Sono andato a letto senza addormentarmi subito e poco prima delle dieci ero già sveglio. Casa mia come il resto del circondario è rimasto immerso in un silenzio irreale fin dopo mezzogiorno e dopo un paio di chiacchiere in famiglia senza pranzare perchè nessuno aveva fame la casa si è ritrasformata in dormitorio. Ma io non ho sonno e al cinema della parrocchia c'è l'ultimo di Woody Allen. Esco solo soletto e in punta di piedi arrivo al politeama.


 la trama? il protagonista Gil sceneggiatore e aspirante scrittore in vacanza a parigi con fidanzata e aspiranti suoceri. Forse profondamente deluso dalla sua realtà (la sua ragazza è una gran figa, ma è una gran rompipalle come i genitori, gli amici di lei incontrati a Parigi sono insopportabili, il suo stesso lavoro non è quello che vorrebbe realmente fare) prende a fantasticare una sua vita notturna parallela vissuta in una città all'inizio degli anni '20 dove artisti di ogni nazionalità, divenuti poi famosissimi (i suoi miti) vivevano, lavoravano e si incontravano. Una specie di fiaba moderna dove fantasia e realtà si scambiano allo scoccar della mezzanotte.
Gil vorrebbe vivere in un'altra epoca ritenendola forse ideale per se e le sue ambizioni artistiche e culturali, ma non è il solo, anche la bellissima Adriana, della quale tutti si innamorano, vorrebbe vivere la sua vita nella belle epoque e abbandonare "il suo presente". In pratica tutti sembrano convinti che sarebbe stato meglio vivere nel passato, ma alla fine il sogno diventa realtà, nel presente, fatto di piccole cose, di incontri, di passeggiate sotto la pioggia.
Il film mi è piaciuto, con un finale molto dolce che ogni tanto non guasta. Tra le cose che ho apprezzato maggiormente il tema musicale di sottofondo e l'interpretazione del protagonista maschile Owen Wilson che spessissimo mi ha fatto venire in mente la recitazione del giovane Woody Allen, quasi al limite dell'imitazione.

Owen Wilson famoso per molti ruoli da cialtrone

Naturalmente potete trovare delle recensioni migliori di questa su MyMovies

3 commenti:

  1. Visto di recente e mi è piaciuto molto... ho notato pure io quella cosa che dici di Wilson che imita un giovane Allen :)

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  2. @luby: sto guardando a pezzi su youtube "natale a casa cupiello"........ grazie a te, troppo bello :oD

    @lario3: grazie a te

    RispondiElimina

commenti? fate vobis