Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

lunedì 20 giugno 2011

Primo mese: un piccolo bilancio

Allora: mi sto preparando per fare un viaggio in bici in agosto di qualche centinaio di chilometri verso sud, probabilmente Roma o forse Assisi, comunque tentando di sfruttare parte della via Francigena. Viaggiare in bici o addirittura a piedi è una cosa che ho scoperto da poco e mi piace molto: viaggiando con lentezza ci si gode di più il paesaggio, il clima, la gente, il cibo... ci si gode di più la vita.


Per fare questo mi serviva una bici, possibilmente robusta presa giusto un mese fa per la modica cifra di 44 euro. A questa spesa ho aggiunto un paio di pantaloncini nuovi (24 euro) che quelli che avevo e che uso ancora hanno sette anni, un paio di guanti (5 euro), un portaborraccia extra (4 euro), una pompa per gonfiare le gomme (4 euro), una nuova maglietta che serve sempre (10 euro), dei catarifrangenti per le ruote (2 euro), i puntali per i pedali (3 euro), una borsa piccola da manubrio (12 euro), delle camere d'aria nuove (8 euro) e l'occorrente per riparare le forature (3 euro).

Per quanto riguarda il bagaglio per il viaggio sono ancora in alto mare: sto adattando alla mia bici un vecchio portapacchi ed ho intenzione di piazzarci sopra lo zaino che ho usato l'anno scorso peril camino ingles ma potrei anche prendere delle borse da cicloturismo vere.

In un mese di allenamento ho saltato solo un giorno che aveva piovuto continuamente.

La distanza minima percorsa è stata di 12 km, la massima di 100km per un totale a spanne di 650-700 km.

Dopo sole tre settimane sono riuscito ad affrontare e superare una salita vera, che ho rifatto già un'altra volta.

Ho scoperto nuove piste ciclabili e visitato posti dove non ero mai stato e ho avuto occasione anche di scambiare due parole con gente sconosciuta.

Ho preso in pieno due acquazzoni (ottimo allenamento per lo spirito) e ne ho evitati per poco altri tre.

forse questo è esagerato come acquazzone!

Nel resoconto non potevano mancare gli imprevisti:

Solo una foratura per fortuna e un danno piuttosto grave: mi si è rotto un cerchio prendendo una buca scendendo dal Maddalena oggi; fortunatamente non sono mai caduto, cosa che potrebbe capitare nelle uscite con la pioggia, e non ho mai nemmeno una volta rischiato di essere investito. Mi sono perso un paio di volte, ma è bastato chiedere alla popolazione locale :o)

Dal punto di vista fisico ho già perso un paio di kg, ma dovrei perderne almeno altri quattro per pedalare più leggero. Per il resto ho mal di gambe ogni giorno, ma al sabato sera sciolgo i muscoli ballando afro e funky .

AMEN!

4 commenti:

  1. se fai la via francigena per arrivare a roma...passi anche nel mio paesino!!!!

    RispondiElimina
  2. bene, passerò di lì per un pasto flexitariano!! :o)))

    RispondiElimina
  3. Non deve essere male nuotare nei fondali :-D

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  4. @Lario il problema è pedalare sott'acqua :oD

    RispondiElimina

commenti? fate vobis