Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

giovedì 7 aprile 2011

personaggi curiosi

ricordo ancora con piacere alla fine degli anni novanta o giù di lì le serate,nottate passate a guardare il Maurizio Costanzo Show. tra le finte interviste a personaggio più o meno fintamente impegnati c'era spesso spazio per giovani comici (Iachetti e le sue canzoni bonsai è tra quelli che ha raggiunto il successo, ma potrei citarne altri...) o personaggi (più o meno fintamente [1]) curiosi.



il marito di MariadeFilippi

Famosissima divenne suo malgrado Eleonora Brigliadori (che era già famosa) che nella trasmissione fece una sorta di outing dichiarando che beveva la sua urina come panacea di tutti i mali [2]

eccola mentre partecipa all'Isola dei famosi
(anni di urinoterapia hanno dato i suoi frutti)


Oppure tra i personaggi curiosi, non famosi, c'era questo patito dell'igenismo, che tra le varie metodiche di medicina alternativa non è che mi dispiaccia, che consigliò a tutti un bel clistere di acqua fresca 2 volte al giorno, perchè per l'igenismo (e io ci credo) la pulizia intestinale è fondamentale. [3]

il clistere, pratica antichissima


Tra i migliori in assoluto secondo me c'era un ospite semi fisso, un siciliano calvo che credo si chiamasse Melchiorre Gervino o qualcosa del genere che facendo viaggi in quantità industriale raccontava le sue esperienze a volte davvero incredibili [1]. E' da un suo racconto che appresi l'esistenza del leggendario "nano sodomita" Popobawa il quale entrerebbe nella notte nelle case dei contadini di Gibuti rei di aver bruciato o disboscato o violentato le foreste; sarebbe indisturbato da catenacci alle porte e finestre sbarrate, e sodomizzerebbe con un fallo spropositato il capofamiglia, ammonendolo di rendere pubblica la sua disavventura a profitto per il resto della popolazione. Il giorno seguente lo sventurato dovrebbe scendere in strada e rivelare la propria disgrazia in pubblico, a mò di espiazione e purificazione; il non farlo, per vergogna o pudore, comporterebbe necessariamente un'ulteriore visita del malefico nanetto, stavolta più prolungata e dolorosa.[4]
La cosa curiosa è che il signore in questione affermava di aver visto nei pressi di Zanzibar il leggendario nano e la cosa mi fece ridere a crepapelle.

Oggi sappiamo tutti la verità, il nano sodomita esiste davvero, e oggi rido sempre un po' meno [5]



* * * * * * * * * *



il caso ha voluto che rubassi questa immagine al sito dell'arcigay di Verona
(ogni riferimento era puramente casuale)


[1] ho sempre come l'impressione che in tv sia tutto finto e segua un copione, non pare anche a voi?
[2] mi sono pisciato addosso dal ridere quel giorno, per quello me lo ricordo;
[3] purtroppo non ho mai potuto applicarmi in questa pratica igenistica perchè facendo i turni in fabbrica fatico a trovare il tempo per farlo; comunque mangio tanta frutta.
[4] la storia la sapevo, ma essendo pigro l'ho copiata e incollata da qui
[5] questa è una menzogna, rido sempre e comunque, soprattutto delle disgrazie altrui, ma anche delle mie.


61 commenti:

  1. Ah-ah-ah... fantastico :-D

    Grazie per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  2. E grazie anche per il commento di oggi :-)
    Buon fine settimana :-D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  3. " Ero andato un po' a distendermi sulla spiaggia di Zanzibar, quando incontrai il famoso Nano sodomita..." (Melchiorre Gerbino)

    RispondiElimina
  4. ANONIMO: grazie per la precisazione :o)

    RispondiElimina
  5. IL NANO SODOMITA
    e LO SCEMO DEL VILLAGGIO
    Melchiorre Gerbino è quell’anziano personaggio pelato e sentenzioso, che diversi anni fa appariva spesso al “Maurizio Costanzo Show” strepitando in un angolino e dicendo “Io…io…io… ho inventato la Contestazione…io costrinsi De Gaulle alle dimissioni…”. Il simpatico megalomane si diceva inoltre convertito all’islam e perseguitato, durante un viaggio a Zanzibar, da un tremendo nano sodomita ( ” Ero andato un po’... a di-distendermi sulla spiaggia di Zanzibar, quando incontrai il famoso Nano s-sodomita…”). Il conduttore del programma s’incapricciava spesso di personaggi stravaganti, e li imponeva al pubblico dosandone le apparizioni con fare ammiccante e sornione come un tempo si faceva in piazza, attorno alle innocue mattane dello scemo del paese.
    Talvolta Maurizio Costanzo metteva l’anziano mitomane siciliano pelato come una palla da biliardo accanto a uno con tutti i capelli in testa, scurissimi, col viso un po’ schiacciato, che si chiamava Valentino Compassi . Siccome entrambi si interessavano di extraterrestri, di complotti colossali e cose di questo tipo, dibattevano spesso fra loro, ma non senza penose divergenze di vedute.
    Ricordo che una volta, dopo aver ascoltato la storia del Nano Sodomita raccontata dal pelato, quello coi capelli neri una volta disse, col massimo candore: “adesso le dirò una cosa che le farà rizzare tutti i capelli in testa!”. Il pelato, un po’ tardo , non ebbe il tempo di reagire che la platea rise e l’altro si rese conto immediatamente della comica gaffe in cui era incorso nei confronti del povero sventurato. Secondo Compassi, il Nano sodomita che il Gerbino affermava di aver incontrato a Zanzibar, sarebbe stato nientedi meno che un androide o un robot. Mel Gerbino inchiodato in un angolino se ne fece un patèma e incominciò ad agitarsi sulla sedia…dicendo che quello del Compassi era un “lapsus ...calamari”. Ahahaah...proprio per non stare dietro ai ciuchi che volano….

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho capito il senso del commento scusa.... !?!?!?

      Elimina
  6. Ma no! Melchiorre Gerbino e' questo:
    http://www.melchiorre-mel-gerbino.com/Pagine/Gianni_De_Martino.htm

    RispondiElimina
  7. Melchiorre Gerbino non e' soltanto colui che ha fatto segnare i piu' alti ascolti di sempre al Marizio Costanzo Show, ma e' anche un personaggio storico, perche il fondatore e direttore diMondo Beat

    http://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=melchiorre+gerbino&source=web&cd=35&cad=rja&ved=0CDgQFjAEOB4&url=http%3A%2F%2Fwww.gettyimages.com%2Fdetail%2Fnews-photo%2Fthe-italian-director-melchiorre-gerbino-attending-a-meeting-news-photo%2F141565948%3FLanguage%3Den-US&ei=vPOIULO3CYfmrAfaw4GYBQ&usg=AFQjCNEqDJZuDhys0W848eRGXDb8O8HvVA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melchiorre Gerbino, che oltretutto é un personaggio storico, perchè fondatore e direttore di Mondo Beat, é colui che ha fatto segnare i più alti ascolti di sempre al Marizio Costanzo Show, come dichiarato da Maurizio Costanzo stesso e registrato dall’Auditel. Egli é nel cuore di Maurizio Costanzo, che nei suoi libri e nelle interviste sempre lo cita come “il mio Melchiorre Gerbino”.

      Elimina
    2. Gianni De Martino
      Sono lo scrittore e saggista Gianni De Martino.
      A me al Maurizio Costanzo Show non mi hanno accettato perche' volevo trattare di un argomento scottante. Invece Beppe Grillo, che e' un galantuomo, mi ha dato spazio nel suo blog.
      Questo il tema scottante:
      “Sono convinto che il traffico di organi in Italia sia gestito dal Vaticano, come e' ovvio che lo e' la criminalita' organizzata. Io sono uno dei tanti che avendo studiato nei colleggi salesiani e' stato abusato sessualmente dai suoi precettori. Dico "dei tanti" perche' sarebbe ipocrisia negare che entro le mure di quegli istituti non si consumino abusi sessuali sui ragazzi che li frequantano. E' nella logica delle cose che questi abusi vi debbano avvenire, perche' la Chiesa non vuole che i preti si sposino e incoraggia l'omosessualita' nei seminari, dove quelli che diventeranno preti spesso non ne hanno la vocazione, ma sono incettati in famiglie povere, e costoro, quando saranno diventati preti e insegneranno negli istituti cattolici, perpetueranno l'omosessualita' sodomizzando gli allievi. Io sono rimasto marchiato dagli anni passati negli istituti salesiani, tanto che dai rapporti di amore eterosessuale ho conosciuto solo delusioni, fragile nell'affrontare il rapporto uomo-donna. Oggi sono un gay dichiarato di 60 anni. Ho cercato di trovare un senso al mio percorso umano, e ho concepito e scritto un'opera ("L'uomo che Gesu' amava" - Gianni De Martino - Croce editore) in cui mi sono spinto ad immaginare un Gesu' misericordioso e campassionevole che, oltre ogni tabu', potesse intrattenersi sessualmente con uno come me, perche', e' vero che nutro odio verso la Chiesa come istituzione, ma in me non e' venuto meno l'amore per Gesu'... Tutta questa circonlocuzione ho fatto per dire che non mi stupirei se il traffico di organi fosse gestito dalla Chiesa, che Martin Lutero defini' la Prostituta, ma mi stupirei se non lo fosse! “
      Gianni De Martino

      Elimina
  8. A evitare polemiche con altri 2 Gianni De Martino che mi perseguitano per dissociarsi da me (in Italia siamo migliaia i Gianni De Martino)io sono il Gianni De Martino meglio conosciuto come Gianni De Pincopallino (vedi nei motori di ricerca Gianni De Pincopallino)perche' questo nomignolo mi fu dato scherzosamente ai tempi di Mondo Beat dal mitico Dante Palla. E mi sono affezionato al Gianni De Martino/Gianni De Pincopallino, che mi distingue dalle migliaia di Gianni De Martino le cui ossa in terra e in mar semina morte.
    Cercatemi in rete e visitate il mio sito

    Gianni De Martino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non capisco, forse sei solo SPAM nel qual caso mi regolerò di conseguenza; questo post non era di certo dedicato a Melchiorre Gerbino (persono stimatissima per quanto io ne possa sapere) ma al nano sodomita e alla sua leggenda.

      Elimina
    2. Comunque interessante la vicenda di MondoBeat;
      al MCS se non ricordo male (ma non vidi tutte le puntate) Melchiorre Gerbino veniva piuttosto ridicolizzato... sbaglio ??

      Elimina
  9. Si, ti sbagli, su Melchiorre Gerbino. E non ti sbagliare piu', perche' ti arriva qualcuno che t'infila in culo una bottiglia rotta e te la fa uscire di sotto la calotta cranica.
    Islamicamente tuo
    Melchiorre Gerbino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da sotto la calotta cranica ?!?!!?!?!?!??!

      Elimina
  10. mi dispiace, rospo, non sono stato io, il vero gerbino, a scrivere il post, sono a sumatra con una compagnia di giovani mattacchioni italiani, miei ammiratori, e stiamo usando tutti lo stesso computer, non te la prendere, sono ragazzacci veneti burloni, io, come si sa, sono non-violento, al massimo ti sputerei in faccia

    RispondiElimina
  11. Ricordo che il mattacchione pelato in questione che si chiama davvero Melchiorre Gerbino e crede di essere talvolta Gianni De Martino ( usando illecitamente il mio nome) e talvolta il direttore dei capelloni, megalomaneggia. E, pur di diventare "famoso" s'infila come un verme nel web, dove si contorce fino a quando non lo bannano. Lo osserva anche Marco Philopat, che ha raccolto al registratore le deliranti affermazioni sul fenomeno beat del nostro anziano mitomane che si vuole notorio : "Volevo capire cosa significava per i giovani degli anni Sessanta la filosofia beatnik, come e perché presero certe coraggiose scelte, quali furono i diversi percorsi esistenziali... Per indagare le tensioni ma anche le lacerazioni che subirono quei ragazzi che scesero in piazza del Duomo a contestare la società era necessario incontrare un protagonista dell’epoca... Uno come Melchiorre Gerbino era ideale, per la sua memoria e la capacità affabulativa , ma soprattutto capii subito che avevo di fronte un personaggio che in qualche modo incarnava, a quasi quarant’anni di distanza, quel preciso stile di vita pre-sessantottino... Il personaggio rasenta la pazzia [ borderlaine ], e la cosa funzionò finché “il capellone non perderà tutti i capelli”... Con il tempo gli cambia il contesto attorno, ma lui non se ne accorge e in ogni caso non può fermarsi a riflettere, equivarrebbe la fuoriuscita dal palcoscenico, la morte del protagonista, che si dice famoso, nella sua contrapposizione, quanto Benito Mussolini, come megalomaneggia nell’incipit del romanzo... Mel quindi viaggia come una biglia dentro a un flipper, deve, a costo della vita, sostare solo dove c’è quel clima particolare che gli ricorda la gioventù, e se non lo trova allora va spasmodicamente a cercarlo... Insomma un cristallizzato [ fissato ],su se stesso dovunque si trovi, in un centro sociale come dal Maurizio Costanzo Show..." ( Marco Philopat, allievo di Primo Moroni di Nanni Balestrini e Cesare Bermani, studioso di Storia Orale, autore de “I viaggi di Mel”, Shake, 2004). Cfr. anche: "Capelloni & Ninfette- Mondo Beat 1966-1967. Storia, immagini e documenti", a cura di G. De Martino, Prefazione di Matteo Guarnaccia,Introduzione di Marco Grispigni,Costa & Nolan, (Milano,2008); Fernanda Pivano, "C'era una volta un beat: 10 anni di ricerca alternativa, Arcana Editrice (Roma, 1976) e "Essere Beat: intervista a Gianni Milano, a cura di Luigi Bairo > http://www.webalice.it/luigibairo/esserebeat.pdf

    RispondiElimina
  12. Grazie Gianni.

    i miei due lettori e mezzo saranno estremamente felici per questa tua breve precisazione.

    Saluti

    RispondiElimina
  13. MELCHIORRE GERBINO:

    Gianni De Martino/Gianni De Pincopallino, certo é che uno come me, che fa segnare al "Maurizio Costanzo Show" i più alti ascolti di sempre tra i 25.000 (venticinquemila) ospiti che quello Show hanno animato, per forza di cose deve essere un genio.

    Gianni De Martino/Gianni De Pincopallino, certo é che se su di me, direttore di Mondo Beat, hanno girato un film ("Il Profeta" regia di Dino Risi, con vittorio Gasmann che faceva la parte di Melchiorre Gerbino) e hanno scritto un libro ("I viaggi di Mel" di Marco "Philopat", edizioni Shake) per quanto per il culo abbiano potuto prenedermi, ciò tuttavia dimostra come il culo bruciasse a loro, mi riferisco alle vecchiette della Santa Sede che libro e film hanno sponsorizzato... Figurati, De Pincopallino, che montagna di cose su di me dopo la mia morte!... e su di te?!

    La natura é aristocratica, De Pinc Pall, e per quanto tu ti roda di gelosia, io resto quello che sono: un genio, tu resti quello che sei: un cafone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio qui deve venire a litigare con se stesso\a ?!?

      ci sono palazzi di giustizia per tutti in questa nazione oppure, nell'eventualità, ottimi reparti psichiatrici. Ci pensi!

      Elimina
  14. MELCHIORRE GERBINO: ULTIMO POST.
    Sei tu, Rospo, che per primo hai pubblicato questo post:
    "IL NANO SODOMITA
    e LO SCEMO DEL VILLAGGIO
    Melchiorre Gerbino è quell’anziano personaggio pelato e sentenzioso..."
    dopodicche che avresti preteso, che Melchiorre Gerbino se ne fosse stato zitto a farsi prendere per i fondelli da un povero pirla come te o da una spia di merda con la quale stai facendo sponda?!...
    Sì, Rospo, in questo Paese ci sono palazzi di giustizia, ospedali psichiatrici e tant'altro, anche quello che non ti aspetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmm, mi sa che ti sbagli, io non ho pubblicato quel testo, ovvero, in effetti qualcuno ha pubblicato nei commenti il testo da te citato tra virgolette virgolettato.
      L'unica mia colpa è quella di non moderare i commenti e permettere a chichessia pur in forma anonima di scrivere puttanate, che, per carità, nemmeno si avvicinano alla scarsa qualità dei miei post, però spesso puttanate restano.

      PS: un caro saluto alla sua carissima madre (che mi dicono sia sempre incinta)

      Elimina
  15. MELCHIORRE GERBINO
    POST SCRIPTUM:
    Sei avvertito, Rospo, che tutto quello che da qui in poi arriverà in questo tuo blog firmato "Melchiorre Gerbino" o "Mel Gerbino" o "Paolo Gerbino" o "Gerbino" non sarà stato spedito da me, pertanto sei richiesto di toglierlo. Hai capito?!

    RispondiElimina
  16. MELCHIORRE ZERBINO: "Sì, ho capito... ora pulisco" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che peccato, volevo vedere per quanto tempo ancora si sarebbe divertito a trollare.

      PS: se pulisce lei mi fa un favore che ho da guardare urgentemente un film su xhamster's e ho le mani piuttosto impegnate!

      Elimina
  17. Il curioso personaggio Melchiorre Gerbino voleva persino citare in giudizio i Beatles per... "violazione del copyright". Insomma, "megalomaneggia" - come nota anche Marco Philopat che nel libro "I viaggi di Mel" ( Shake edizioni) ha registrato le sue scemenze. Nei giorni scorsi è andato a trollare su per vendicarsi di aver dovuto pulire e ingoiare il rospo, cercando farmi sospendere ( in automatico) l'account da Facebukke asserendo di essere ... il "proprietario" del Mondo beat. Insomma, è uno che trolla parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che anche tu non scherzi in quanto a trollaggine

      Elimina
  18. be', ognuno si difende come può :-)

    RispondiElimina
  19. MELCHIORRE GERBINO, MEL GERBINO, PAOLO GERBINO, GERBINO
    POST POST SCRIPTUM:

    Grazie rospo!!! Si vede che l'anonimato aiuta i curiosi & oscuri personaggi come me a trollegiare nell'ombra del famoso Nano Sodomita incontrato a Zanzibar quando ero andato a distendermi un po', come ho raccontato anche al Maurizio Costanzo Show di cui sono la Star :-O

    RispondiElimina
  20. MELCHIORE ZERBINO: trolleggiare nn troleggiare scusate il lapsus... calamari... ora pulisco.

    RispondiElimina
  21. ANONIMO ( patito dell'igienismo): "che cavolo ci fanno qui tutte queste bolle di rospo ?"

    RispondiElimina
  22. Gianni, melchiorre, de pincopall..... prova a leggere questo link e domandati se sei davvero normale.... dimenticavo, tu sei un divo!

    RispondiElimina
  23. MELCHIORRE GERBINO de PINCOPALL:

    noblesse oblige... sono un divo pelato come una biglia flippata e voi siete solamente dei piccoli & normali rospi bavosi & invidiosi della grande audience che avevo al Costanzo Show... tiè!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la bava da più gusto alla vita, anche alla tua... bacia un rospo!

      Elimina
  24. La grande Star Melchiorre Gerbino de Pincopall bacia molti rospi, anche con bava velenosa che dà più gusto alla sua vita anormale ... ma non gli bastava il Nano Sodomita? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evidentemente no... ma i vezzi delle star sono cosa che non mi riguarda. e sbavo.

      Elimina
  25. Infatti. Si racconta che un vecchio stronzo pelato che si crede il Direttore dei capelloni & degli zombi abbia leccato un rospo e abbia cominciato a vedere maurizi show, pincopallini, nani sodomiti & bolle dappertutto. Rospi dai poteri allucinogeni ? :-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli effetti del limonar coi rospi lo puoi vedere sullo sfondo... orde di pincopall che sbavano. unico effetto davvero collaterale: la crescita della chioma

      Elimina
  26. E grazie al limonar coi rospi, al gerbin pelato ricrebbero i capelli
    e qual zombi redivivo nella bava a sputar rospi poi finì con bella chioma e pincopall.
    V.> http://www.melchiorre-mel-gerbino.com/Pagine/dialogues_from_a_divorce.html

    RispondiElimina
  27. Già...nulla... Chi nasconde il proprio rospo muore senza voce? Un'ultima parola ai furbi: avete mai leccato un rospo?
    Se non siete matti come la grande Diva Gerbino Pincopall, fate attenzione.

    Cfr. http://www.accademiadelmonferrato.com/news-accademia-monferrato/rospi-dai-poteri-allucinogeni-alcuni-di-loro-secernono-un-veleno-molto-potente-in-grado-di-procurare-alterazioni-della-mente-simili-a-quelle-stimolate-dalllsd/

    RispondiElimina
  28. Avranno finalmente trovato una cura per il "compulsive commenting" ????

    RispondiElimina
  29. da Melchiorre Gerbino
    Vedi che figura di merda ha fatto Gianni De Martino:
    1- Ha avuto cancellato in Facebook http://www.facebook.com/pages/Capelloni-e-Ninfette/51910445881
    le immagini che aveva preso dal mio sito
    Copyright Notification Complaint: #137607446389172
    Copyright Notification Complaint: #449612075096066
    Copyright Notification Complaint: #497633380269605
    Copyright Notification Complaint: #300894386678783

    2- e si trova ora alla gogna assieme a un altro impostore, Walter Pagliero: leggiti la storia, Rospo, e allontanati dai Gianni De Pincopallino, che merda sono e merda schizzano
    http://www.melchiorre-mel-gerbino.com/Pagine/Vololibero_MondoBeat.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio invecchiare con questo troll ...lo ammetto

      Elimina
  30. Da Melchiorre Gerbino Pincoskizzo

    BACIAMI ROSPO !


    https://www.google.it/search?q=%22melchiorre+gerbino%22++terrone++%22nerchia+tremula%22&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io una cosa così lunga non la leggo nemmeno se mi pagano... si sappia!

      Elimina
  31. Le Avventure di Fanfaron Gerbin

    la Grande Diva che puzza come una carogna, dopo aver messo alla gogna due impostori suoi acerrimi nemici, continua la sua fuga dal leggendario "nano sodomita" Popobawa e se ne viene qui ramingo a baciare & sputare il Rospo. Ma esiste davvero uno zombi pelato come una biglia flippata che, a furia di leggersi la storia e immaginare cose, crede di essere davvero il Direttore dei capelloni? A me sembra solamente un vecchio stronzo di troll in transferta nel Paese dei Rospi. Mah!

    RispondiElimina
  32. da Melchiorre Gerbino.
    Rospo, toglimi una curiosità, ma tu sei figlio di terroni?... Un vero bergamasco sentirebbe schifo di uno come Giovanni De Martino, un cafone della provincia di Salerno, che parla con la cadenza tipica dei cafoni, esala olio di oliva acido appena apre bocca e da cafone fa usa di termini tipici del Nord come "flippato": un vecchietto incartapecorito (pure checca) dalla fisionomia furbastra di un barbiere meridionale... Il mio non è razzismo, Rospo, sono siciliano, ma stupore... Sì, secondo me tu sei figlio di terroni.

    RispondiElimina
  33. vedo che ho colpito nel segno, sei figlio di terroni, e ti comporti da terronazzo tu stesso, ma non ti e' dato di farlo con me, Rospo, che ho quegli amici veneti della bottiglia di cui tu sai, pertanto togli subito quella foto che e' stata presa dal mio sito senza il mio consenso e stai molto attento, Rospo, a quello che da ora in poi avrai fatto e avrai detto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so nulla dei suoi amici veneti, ne della citata bottiglia, non sono terrone, ma vorrei tanto esserlo mi creda.

      Elimina
  34. in effetti, Rospo, principi & rospi, così come pure vittime & carnefici, a un certo punto tendono a somigliarsi, perlomeno un po'. Non a caso lo ha notato bene il Rospo Nietzsche nel suo celebre aforisma: "Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare lui stesso un mostro.
    E se tu riguarderai a lungo in un abisso, anche l'abisso vorrà guardare dentro di te". :-O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi trolla contro il rospo deve far attenzione a non diventare lui un rospo. Se è l'abisso di uno stagno io lo guardo volentieri

      Elimina
  35. http://it.paperblog.com/incriminato-melchiorre-gerbino-2393033/

    RispondiElimina
  36. http://it.paperblog.com/incriminato-melchiorre-gerbino-2393033/

    RispondiElimina
  37. Toh, Gianni De Martino, come da suo sito ufficiale http://www.giannidemartino.it/schede/interviste/avigdor.html

    RispondiElimina

commenti? fate vobis