Sample Text

questo blog non è una testata giornalistica..... e si vede!

mercoledì 29 dicembre 2010

letto padano, ovvero rimedio infallibile contro il russare

a quanto pare la bioarchitettura è una cosa seria e tratta di cose tipo conservazione dell'energia, qualità dell'aria, riscaldamento e raffrescamento passivo (lo evinco da un commento pubblicato qui), eppure per alcune cose ci si basa sulle intuizioni, scoperte o come qualsivoglia le si chiamino di un certo Enrnst Hartmann che come hobby faceva il "rabdomante" e che con tale tecnica (la rabdomanzia) ha scoperto la presenza di linee energetiche sulla pianeta che incrociandosi danno origine a nodi energetici, chiamati appunto nodi di Hartmann che possono essere la causa di disturbi del sonno o addirittura di malattie. Un bel post dettagliato sulla questione lo potete trovare qui.

Naturalmente avevo già sentito parlare anni fa della cosa ma non ci avevo dato gran peso, forse perchè la fonte delle informazioni era l'allora famosissimo MaurizioCostanzoShow, famoso per la vaccate che ci propinava via etere.

sabato 25 dicembre 2010

Riflessioni Natalizie

due righe per una considerazione sul post precedente: mediamente questo blog riceve 150-200 visite al mese, non so cosa spinga la gente a visitarlo, ma dalle statistiche vedo che i visitatori vanno a vedere i due-tre post "utili" che ho scritto. ebbene, ieri per fare gli auguri da qui(link) ho inserito una bella donna nuda vestita solo col cappello di babbo natale e le visite sono state quasi un centinaio e tutti link diretti da google a quell'immagine, ovvero tira più un pelo di f..a che una coppia di buoi come dicono ancora dalle mie parti.

E allora ecco un consiglio aGGratis per chi scrive blog su internet per guadagnare due palanche con adsense: metteteci sempre dentro una di queste..............




Aggiornamento:

posso confermare anche graficamente che le visite alla fine del mese sono aumentate a dismisura, e continuo a credere che questo sia legato alla presenza di simpatiche "immagini":




però ho notato che questo post è stato il più visitato pur non avendo la donnina nuda, ma un immagine da cartoon spiritosa, mentre quello su cui sto scrivendo questo aggiornamento ha ricevuto 3, dico 3 misere visite, a causa (secondo me) della scarsa attinenza dell'immagine scelta (una baldracca presa a caso nel web) con lo spirito delle feste (l'altro troione aveva il cappello da babbo natale) oltre al fatto che avevo scelto l'immagine tra le ultime che mi aveva proposto google. L'immagine di woody woodpecker ubriaco ha riscosso sicuramente più successo anche perchè viene ricercata da un pubblico maggiore e unisex.

Tutto questo per sottolineare quanto spesso si possano leggere delle emerite vaccate anche su internet e non solo sul corriere della sera.

Per sottolineare quanto sono cialtrone.

Per avvertire che questo post si autodistruggerà tra............



....ma anche no!

venerdì 24 dicembre 2010

e anche quest'anno....

è arrivato il Natale.....
i miei più sinceri auguri a quanti passeranno anche per caso in questi luoghi virtuali.

Tutti augurano un natale "sereno"....
quest'anno voglio sperare che sia anche un filino eccitante!!!!!!






e per la PAR CONDICIO:





Buon Natale XD

lunedì 22 novembre 2010

Il mio vecchio scanner

Possiedo dal 2003 uno scanner PACKARD BELL 1200 plus che dopo i vari aggiornamenti di windows xp dovevo utilizzare in modalità compatibilità altrimenti avrei già dovuto scartarlo da tempo. Avevo a suo tempo provato ad aggiornare i driver, ma windows update non li trovava e manualmente sul sito del produttore pare che lo scanner in questione non esista più.





Come usavo lo scanner con xp?

in pratica la periferica ha dei comodi pulsanti in un angolo dove è possibile far eseguire le operazioni più comuni ad uno scanner (scan, fax, reader, ecc...); dopo gli aggiornamenti questi tasti non hanno più funzionato e ho dovuto sempre farlo lavorare con l'interfaccia software fornita dal produttore in modalità di compatibilità, il programma in questione è PANEL.EXE e fino a ieri ho usato quello.

Oggi però ho un portatile con windows 7 a 64 bit e pare che dovrò buttare lo scanner.... pare? forse no.

martedì 16 novembre 2010

mah.... la fine del berlusconismo ?

va bene, Berlusconi è sceso in campo non per il bene comune, ma perchè essendo un ladrone farabutto non voleva farsi processare e finire nelle patrie galere..

va bene, Berlusconi è un gran puttaniere e lui non pensa mai seriamente ai problemi dell'Italia, ma solo con che figa andare a letto la sera.. (1)


sabato 30 ottobre 2010

invernaggio piscina fuori terra

Nell’ ultimo post sul bilancio stagionale della piscina fuori terra avevo accennato alla procedura di invernaggio per chi come me non abbia voglia di vuotarla, pulirla, smontarla, asciugarla e metterla al riparo ma di lasciarla con l’acqua tutto l’inverno (il cenno è alla fine di questo post).
Per ulteriore chiarezza posto le foto dei tappi che ho messo ai raccordi in entrata e in uscita dalla piscina.







Altri dubbi che assalgono i più riguardano il telo e la copertura:

mercoledì 27 ottobre 2010

CULInaria faidamè: pane alla birra

Intanto un ringraziamento doveroso a Vittorio di vivalafocaccia.com per il suo fantastico sito: se vi piace avere "le mani in pasta" è il sito che fa per voi, è fatto benissimo, con tanto di video ricette che spiegano i procedimenti passo passo.

La ricetta che ho provato stamattina l'ho rubata da lì ed è semplicissima:

400 g di farina 00, 15 g di lievito per torte, 15 g di zucchero, 8 g di sale, 350 ml di birra.

Si versano tutti gli ingredienti in un contenitore e si mescola fino a fare assorbire tutta la birra. Si imburra un contenitore da forno (ho usato uno stampo da plumcake) e si cuoce per un'ora in forno preriscaldato a 190 gradi. A fine cottura lo si toglie dalla teglia e si lascia raffreddare sulla griglia del forno.

In casa avevo solo birra weiss (di frumento) e in più ho sostituito 100g di farina 00 con farina integrale, perchè avevo un avanzo da finire. Il lievito per torte ho usato quello del discount (che non è vanigliato). Il risultato mi è sembrato piuttosto gradevole, anche se mi sono accorto alla fine di aver dimenticato il sale!!!!!!


Uff...... la prossima volta sarà più buono!


domenica 17 ottobre 2010

Vodafone internet key: la mia esperienza


sono ormai quasi due anni che ho il contratto con vodafone per navigare con una delle internet key che tanto pubblicizzavano tempo fa e che pare potessero risolvere il problema del digital divide di questo disgraziata nazione.

Ho la tariffa "internet facile" 10 ore che prevede la connessione gratuita a internet per 10 ore al giorno con sessioni da 15 minuti a 30 euro al mese, un po' caro se confrontata ai costi dell'adsl ma sicuramente il più conveniente tra le varie proposte internet via umts tra i vari operatori in Italia (almeno 2 anni fa...). E in più alla mia domanda al negoziante del centro Vodafone se non ci fossero altri limiti tipo traffico o altro questa simpatica stronza mi ha mostrato un comma del contratto che più o meno diceva che la vodafone poneva limiti in caso di uso scorretto (ora non ricordo bene le parole) ma non citava limiti di traffico in download o altro.

E qui la prima fregatura:

venerdì 1 ottobre 2010

CULInaria faidamè: la caponata di melanzane

Sono rimaste due melanzane nell'orto dei miei e mia mamma si è affrettata a sbolognarmele domenica dopo pranzo.
Non sono proprio la mia passione questo ortaggio, ma come spesso capita il piatto che mi riesce meglio è proprio un piatto con le melanzane: la caponata.
La ricetta che ho io prevede i seguenti ingredienti:
1 kg di melanzane viola
400 g di polpa dipomodoro
1 cipolla media
250 g di sedano (pulito)
100 g di olive
1 pugno di capperi
olio, sale, pepe
4 cucchiai di zucchero
5 chucchiai di aceto bianco

Naturalmente le due melanzane che mi hanno regalato arrivano a malapena a 500 g per cui ho dovuto dimezzare tutte le dosi; inoltre non sono nemmeno viola scuro ma sono bianche tendenti al violetto, ma non sto certo a guardare il capello....

giovedì 23 settembre 2010

la piscina fuoriterra: bilancio di fine stagione


Era l'anno scorso che ci vedeva impegnati al montaggio della piscinetta che abbiamo nel giardino sul retro. Un lavoro a dire il vero semplicissimo (*). Mi sarei aspettato un sacco di rotture "di palle" e imprevisti vari dato che a volte sono un pasticcione, invece in meno di un paio d'ore la piscina era in piedi, pronta per essere riempita. Per il riempimento, fatto con acqua di acquedotto e non di pozzo (per evitare che diventi "subito" melmosa" ) è durato un giorno e una notte (la piscina è circa 4 x 5,5 mt e contiene 16 m3 d'acqua). Malgrado qualche perdita con pochi trattamenti l'acqua in pratica è la stessa che ho messo due anni fa. Io sinceramente, dato che il bel tempo persiste, sto ancora aspettando di fare l'ultimo bagno, ma nel frattempo comincio a tirare le somme di questa seconda stagione da "bagnino" da giardino. Il primo anno infatti l'entusiasmo è stato tanto è non abbiamo badato a spese (nel senso che non ho controllato quanto mi potesse costare questo lusso). Quest'anno invece ho voluto controllare quanto si può spendere in una stagione e magari a qualcuno che volesse dotarsi di questo tipo di piscina potrebbe interessare.

martedì 14 settembre 2010

CULInaria faidamè - La pizza e i panzerotti

Ogni tanto mi capita di avere avanzi in frigo tipo vasetti di sottaceti aperti da tempo immemorabile, mozzarelle in scadenza, un wurstel solitario e per non buttare tutto in pattumiera di solito butto tutto sopra una pizza un po’ all’americana.

Per l’impasto ci sono varie ricette, io quando la voglio soffice soffice uso la stessa ricetta della focaccia che trovate qui con qualche accorgimento: alla seconda lievitazione non condisco ancora la pizza, ma la lascio nella teglia a gonfiarsi e solo dopo la condisco a piacere.

Quella che ho fatto oggi è prodotta coi seguenti avanzi :o)

Mezza scatola di polpa di pomodoro aperta due giorni fa
4 carciofini sbriciolati
un’acciughina
il wurstel solitario che in frigo non manca mai
una sottiletta e una mozzarella in scadenza
origano



un po’ di sale e un filo d’olio e poi nel forno a 220 gradi per 20 minuti circa

.....che fameeee!!

Nell’attesa tra una lievitazione e l’altra oggi ho dato un’occhiata al “benedetto” libro della Parodi, ovvero “cotto e mangiato” e a pagina 112-113 ci sono le ricette per i panzerotti.
Lei usa pasta per pizza comprata al banco frigo di un supermarket, ma dato che c’ero ho rubato un pugno di impasto dalla pizza/focaccia, l’ho steso col matterello, ne ho ricavato dei cerchi con uno stampo e li ho riempiti con gli stessi ingredienti della pizza e alcuni pomodorini, poi li ho richiusi con la forchetta e li ho messi in forno per 12 minuti a 180 gradi (si potrebbero anche friggere in realtà, ma dato che devo accendere il forno per la pizza.....).




Ecco il risultato:

Lasciateli raffreddare un po’ prima di servirli!

lunedì 13 settembre 2010

CULInaria Faidamè: La Focaccia

È tanto che non posto qualche ricetta, sul mio vecchio blog ogni tanto mi capitava di vantarmi dei miei successi in cucina, mentre ora mi gratifico solo coi commenti reali di chi si riempie la pancia coi miei “esperimenti culinari”.

Quest’anno tra l’altro ci siamo occupati di un pezzettino di terra del nostro giardino (magari scriverò due righe anche di questo)e per la prima volta abbiamo piantato pomodori e così, dato che li devo consumare perché non facciamo la conserva, ho sostituito le olive che di solito campeggiavano sopra le mie focacce con i frutti che abbiamo raccolto.

La ricetta l’ho presa su una rivista che distribuivano gratuitamente in un supermercato e la riporto tale e quale:

Ingredienti:

500g di farina speciale per pane/pizze/focacce
(io uso un mix di tipo 0 e 00 in proporzioni variabili, nel senso che sto ancora cercando la giusta dose; poi in casa non tengo quel tipo di farina che tra l’altro è piuttosto costosa)

250g di acqua
(la ricetta non lo specifica, ma io di solito uso acqua tiepida)

10 g di lievito fresco
(di solito in casa tengo il lievito in bustina liofilizzato di buona marca che va benissimo; sto anche provando quello della lidl che costa il 60% in meno e per ora non mi ha deluso; in questa ricetta non c’è, ma di solito ci metto un cucchiaino di zucchero)

70g di olio extra vergine

10g di sale

100g di olive – in questo caso invece delle olive ho usato qualche cigliegino e un pomodoro più grande tagliato a fette tonde (per la versione coi pomodori ho aggiunta anche l’origano)

Preparazione:

in un recipiente mescolare la farina, il lievito (più il cucchiaino di zucchero) e metà dell’olio con l’acqua e impastare per 10 minuti, poi aggiungere all’impasto il sale (io lo aggiungo man mano che impasto) e impastare per altri 10 minuti. Quindi mettere l’impasto in un recipiente coperto da un canovaccio umido e farlo lievitare per un’ora in un luogo tiepido (di solito chiudo il tutto dentro il forno spento, preriscaldato a 50 gradi).
Nel frattempo preparate le olive (privarle del nocciolo se ce l’hanno e tagliarle a metà); ne mio caso ho preparato i pomodori: lavati e tagliati a metà, quelli piccoli li ho solo privati dei semi, mentre quello grande l’ho tagliato a fette tonde.
Dopo la prima lievitazione stendere l’impasto dentro la teglia di cottura, coprirlo con le olive e rimetterlo a lievitare per un’altra ora avendo cura di spennellarne la superficie con un po’ d’acqua per evitare che si secchi troppo; io ci ho messo i miei pomodori con una spolverata di origano e qualche granello di sale grosso. (di solito uso la carta da forno dentro la teglia, più che altro per comodità mia).
Dopo la seconda lievitazione si può cuocere la focaccia nel forno (io ho un normale forno elettrico non ventilato) a 210 gradi per 20 minuti avendo la cura di mettere nel forno un recipiente con un po’ d’acqua. Mentre cuoce si mescola la metà avanzata di olio con acqua (e anche un po’ di sale aggiungo io). A fine cottura si versa questa “salamoia” sulla focaccia ancora calda e la si copre poi con un’altra teglia. Servire calda / tiepida al posto del pane.

La foto parla da sola, ne manca già una fetta perché non ho resistito e me la sono pappata!




PS: Usando la teglia grande del forno viene un po’ più bassa, mentre con una teglia da 26 cm di diametro a volte mi riesce talmente alta e soffice da poter essere imbottita coi salumi….

domenica 22 agosto 2010

Esco a fare un giro in bici: a Valeggio, Peschiera e il basso Garda bresciano (9/8/10)

Ferieeeeeee!.
L'anno prossimo girerò di più, quest'anno invece devo accontentarmi del mordi e fuggi ciclistico e ho deciso di fare un giro dalle parti del lago di Garda. L'idea sarebbe anche di girarlo tutto il lago, ma c'è un tratto di strada con gallerie prima di Riva del
Garda che mi sembra troppo pericoloso ed è solo per questo che sto rimandando ogni anno questa "gita". Navigando nella rete ho scoperto l'esistenza di una bella ciclabile di 40 km che collega Peschiera a Mantova solo che da casa mia a Peschiera ci sono minimo 50 km e da Mantova a casa mia ce ne sono altri 70: non sono preparato per fare tutta questa strada in un giorno solo allora
decido di farne solo una parte passando per le colline moreniche nel mantovano, arrivando fino a Valeggio sul Mincio e da lì raggiungere il lago costeggiando il Mincio sulla ciclabile suddetta per qualche chilometro.

CAMINO INGLES: Link utili per il camino di Santiago

CAMINO INGLES: Link utili per il camino di Santiago: "http://www.icaljacobeo.es/ sito sul cammino e l'anno giacobeohttp://www.xacobeo.es/ sito ufficiale per l'anno giacobeohttp://peregrinossanti..."

mercoledì 18 agosto 2010

Esco a fare un giro in bici: al santuario di Caravaggio (24/4/10)

Cronaca di un giorno di ferie passato in sella:





In un bel giorno di aprile decido di andare a farmi benedire anche in senso meno figurato e decido di andare a fare un giro al santuario di Caravaggio. Mi piace andare in bicicletta ed è diventata ormai da sei anni il mio mezzo di trasporto principale per il tragitto casa - lavoro. Di solito prendo la macchina solo durante le rare nevicate invernali, ma se nevicasse forte sto pensando seriamente di andare a lavorare a piedi.


Parto tardi verso le nove senza un serio allenamento se non gli otto chilometri al giorno per andare a lavorare dopo aver fatto un po' di provviste dal fornaio sotto casa. C'è un bel sole e fa piuttosto caldo, secondo i miei calcoli (e quelli di google maps) mi aspettano un centinaio di chilometri da fare e non so se sarò in grado di farli.
Parto con entusiasmo e raggiungo Orzinuovi e Soncino senza problemi.

venerdì 30 luglio 2010

Cammino di Santiago - Diario del CAMINO INGLES



Il Camino Ingles (26/6 – 30/6/10) – appunti sul nostro cammino
Intro
Era forse l’inizio di quest anno. Ele guardava in tv un documentario sul cammino di Santiago e ne restava affascinata. Io invece studiacchiavo spagnolo su http://www.livemocha.com/ da un paio di mesi senza aver in progetto nessun viaggio (e senza grandi risultati), ma solo per il piacere di imparare qualcosa di nuovo. E’ così che un giorno scambiando due parole come tante volte mi dice che vorrebbe fare questa cosa in Spagna, questo cammino di più di 700 Km verso la città dedicata all’apostolo Giacomo, che si chiama come mio suocero che è morto l’anno scorso e io come se fossi un avventuriero, un viaggiatore abituale o un atleta che dico “certo, perché no! Sto anche studiando lo spagnolo”.
Forse non saranno motivazioni propriamente religiose, ma sembra proprio che questo viaggio ci abbia chiamato. Io non so niente del cammino di Santiago se non le poche cose che mi ha descritto Ele del documentario che aveva visto e so già che toccherà a me tutta la parte organizzativa, un bell’impegno dato che non ho mai viaggiato (se non per andare al mare/montagna, Roma o Venezia) e non so proprio da che parte si cominci.
Sto già pensando ad una scusa per rimandare tutto all’infinito, è la mia specialità spostare gli impegni o i problemi fino a quando mi crollano tutti addosso in un momento ma decido (e non so ancora il perché) di darmi da fare. Internet naturalmente è una fonte inesauribile di informazioni su ogni argomento e poco alla volta scopro quello che mi serve. Non abbiamo ancora definito le date possibili o la città di partenza, ma so che servirà la credenziale, un documento particolare per poter alloggiare negli ostelli per i pellegrini.

lunedì 12 luglio 2010

il Camino ingles: i conti della serva ;o)



a fine giugno abbiamo fatto il cammino di Santiago, e più precisamente il camino ingles.
Cinque giorni di cammino per 114 km da Ferrol a Santiago de Compostela, niente di paragonabile al camino frances in quanto a fatica, tempo impiegato e varietà di paesaggio e di clima, però l'emozione appena giunti alla meta è stata davvero grande anche per noi come capita (a quanto ho appreso da altri pellegrini) un po' a tutti.

lasciando per un attimo da parte le riflessioni sulle motivazioni personali per intraprendere un viaggio di questo tipo (che è un pellegrinaggio) vorrei affrontare l'argomento costi che è una cosa che interessa a molti (tutti mi chiedono quanto abbiamo speso!).

mercoledì 16 giugno 2010

un'altra tassa


A quanto apprendo cercando in internet un certificato medico ad uso assicurativo è a pagamento e quindi non c'è da scandalizzarsi se il tuo medico di famiglia te lo fa pagare.

Però l'assicuratore che gestisce un sinistro in cui sono stato coinvolto (fortunatamente senza conseguenze gravi) mi dice che il costo del certificato (...di guarigione) non è rimborsabile e di chiederlo pure in carta semplice al mio medico.

Naturalmente, dato il buon rapporto che c'è tra noi lui che fa?


Ovvio, me lo fa pagare...ha troppo bisogno di quei sessanta euro

che lo stato abbia tagliato anche lo stipendio dei medici di famiglia (che si dovrebbe aggirare attorno agli 80 mila euro lordi l'anno in Lombardia) ??

oppure non gli basta giocare al dentista (con relativi introiti / tutti in nero)??

e chissà, magari il consiglio comunale del paese non è così remunerativo (sempre presente da anni, facendo campagna elettorale in ambulatorio a tutti i pazienti) ??

....forse non dovevo dirglielo che io non l'ho mai votato.

Grazie doc.



venerdì 11 giugno 2010

Frasario Italiano - Spagnolo

Copio e incollo direttamente da link http://www.spagna.cc/frasario_frasi_spagna.html questo frasario che mi potrà servire in seguito.

Hasta la vista!


Chi arriva in Spagna, spesso è attanagliato dal dubbio di non sapere parlare la lingua ufficiale, il Castigliano.

In realtà, gli spagnoli comprendono la nostra lingua e spesso negli alberghi e nei luoghi pubblici non sarà un problema comunicare.

Questo piccolo frasario in spagnolo vi sarà utile durante la vostra vacanza. Sappiate comunque che gli spagnoli sono molto amichevoli e apprezzano lo sforzo di parlare la loro lingua... anche più di un corretto inglese.

Salutare
Buenos días (buon giorno)

Buenas tardes (buon pomeriggio)

Buenas noches (buona sera e anche buona notte)

Hasta luego o hasta la vista (arrivederci)

Hasta mañana (a domani)

Hasta pronto (a presto)
Ciao, come stai? (Hola, que tal? Como estás?)
Come sta? (C
ómo está Usted?)

Molto bene, e Lei? (Muy bien, y Usted?)

Ringraziare - Scusarsi
Grazie (Gracias)
Mi scusi (Disculpe. Perdone. Lo siento)

Di niente - Va bene (No es nada. Está bien)

Indispensabili

Dov'è, dove sono? (Dónde está, están? Dónde hay?)
Come? (Cómo)

Perché? (Por qué?)
Quando? (Cuándo?)

A che ora? (A qué hora?)
Quanto, quanti? (Cuánto, cuántos?)
Cosa vuol dire? (Qué significa?)
Parla italiano? (Habla Usted italiano?)

Può parlare più lentamente? (Puede hablar más lento?)

Può scrivermelo? (Puede Usted escribírmelo?)
Non capisco (No entiendo)
Posso avere? (Puede darme?)
Pronto, parlo con....? (Hola, hablo con...?)

Vorrei (Quisiera...)

Taxi - autobus

Dove posso prende il taxi, l'autobus...? (Dónde puedo tomar el taxi, el autobus ...?)
Dove posso noleggiare una macchina? (Dónde puedo alquilar un auto?)
Quanto costa fino al centro... alla via.... al quartiere....? (Cuánto cuesta hasta el centro... la calle... el barrio...?)
Mi porti in Via .... Piazza... (Lléveme a la calle... plaza...)
Quanto le devo? ( Qué le debo?)

Al Ristorante

Avete un tavolo per quattro? (Tendrá Usted una mesa para cuatro?)
Il menu' del giorno, per favore (
El menu del dia, por favor)

Un panino con prosciutto e formaggio e una birra alla spina, grazie. Un bocadillo con jamón y queso y una cerveza a la caña, gracias.

Il conto, per favore (La cuenta, por favor)

I giorni della settimana
Lunes, martes, miércoles, jueves, viernes, sábado y domingo.

Ieri oggi domani

Ayer (ieri), el mañana (domani), pasado mañana (dopodomani), el otro día (tempo fa, giorni fa).

Giorno e notte
Madrugada (le prime ore dell'alba), la mañana (mattina), tarde (pomeriggio e sera), noche (notte).

Colori
Bianco, blanco - nero, negro - grigio, gris - rosso, rojo - rosa, rosa - verde - verde - giallo, amarillo - marrone, marrón.

Prenotare un volo aereo, o informarsi su orari e voli

Podria darme los horarios y las tarifas de los vuelos; Può darmi gli orari e le tariffe dei voli?

Hay cuatro plazas en el vuelo para Roma dèl dia 15 de novembre?; Sono disponibili 4 posti nel volo per Roma del 15 novembre?

Quisiera un billette para…; Vorrei un biglietto per…

Quisiera reservar un billete para Madrid ; Vorrei prenotare un posto per Madrid.

Còmo se puede llegar al aeropuerto?; Come si può raggiungere l’aeroporto?

A’ que distancia està el aeropuerto de la ciudad?; Quanto dista l’aeroporto dal centro della città?

A’ que hora y de donde sale el autobus para el aeroporto?; A che ora e da dove parte il bus per l’aeroporto?

A que hora sale el vuelo numero 34789 para Madrid?; A che ora parte il volo numero 34789 diretto a Madrid?

Quisiera un sitio al lado de la ventanilla/en el pasillo; Vorrei un posto accanto al finestrino/ nel corridoio

No han llegado mis maletas, a que officina debo dirigirme?; I miei bagagli non sono arrivati, in quale officina devo Dirigermi?

Donde puedo encontrar un taxi o un autobus?; Dove posso trovare un taxi o un autobus?

Queste invece sono delle frasi, da usare in albergo

Pueden aconsejarme un hotel barato/centrico/ no lejos da..; Può consigliarmi un albergo economico/centrale/ non lontano da…

He reservado una habitaciòn doble a nombre de …; Ho prenotato una camera doppia a nome di..

Quisiera una habitaciòn doble/ individual/con bano/con ducha/con aire condicionado; Vorrei una camera doppia/singola/con bagno/con doccia/con aria condizionata.

El desayuno està comprendido en el prècio?; La colazione è compresa nel prezzo?

Regresso tarde, podrian darme la llave del porton?; Rientrerò tardi, posso avere la chiave del portone?

Puedo dejar las malestas hasta la tarde?; Posso lasciare i bagagli fino a stasera?

Se volete chiedere informazioni stradali potete usare queste

Podria indicarme la carretera para la Avenida Diagonal?; Potrebbe indicarmi la strada per l’Avenida Diagonal?

Esta carretera lleva a Plaza de Espana?; Questa strada, conduce a Piazza de Espana?

Cual es el camino màs corto para Plaza Mayor?; Qual è la strada più corta per Plaza Mayor?

Puede decirme dònde me encuentro?; Può dirmi dove mi trovo?

Proseguiamo con alcune frasi inerenti alle automobili e alla segnaletica:

Donde puedo alquilar un coche?; Dove posso noleggiare un auto?

Cuanto cuesta/ Cuanto vale?;Quanto costa?

Aparcamiento; Parcheggio a pagamento

Sentido unico; senso unico

Cuidado; Attenzione

Caida de piedras carretera en malas condiciones; Caduta di sassi strada in pessime condizioni

Deviacion; Deviazione

Gasolina/gasolineria; Benzina/benzinaio

Queste invece sono delle frasi in caso, cerchiate un locale o dobbiate fare delle ordinazioni

Hay un bar cerca?; C’è un bar qui vicino?

Quisiera una naranjas; Vorrei un’aranciata

Quisiera un the con leche; Vorrei un the di latte

Quisiera una cerveza rubia/negra; Vorrei una birra chiara/scura.

Quisiera una raciòn de pastel; Vorrei una fetta di torta

Puedo sentarme en esta mesa?; Posso sedermi a questo tavolo?

Nos puede traer… ; Ci può portare..

Donde estan los lavabos?; Dove sta il bagno?

Hagame la cuenta por favor; Mi porti il conto per favore

Altre frasi utili

Donde està el museo?; Dove si trova il museo?

A que hora abre/sierra el museo?; A che ora apre/chiude il museo?

Entrada libre?; L’entrata è libera?

Esta prohibido hacer fotografias?; E’ proibito fare fotografie?

Alcune indicazioni:

Mas adelante ;Più avanti, todo recto; sempre dritto, siga esta calle; segua questa via, adelante/atras; avanti e indietro, a la izquierda/ a la derecha ; a sinistra a destra, mas arriba; più sopra, mas abajo; più sotto.

Frasi per lo shopping:

Donde puedo comprar?; Dove posso comprare?

Puedo provarlo?; Posso provarlo?

Es muy caro, no tienes otros mas economico?; E’ troppo caro, non avete qualcosa di più economico?

No tiene ora cosa que mostrarme?; Non avete nient’altro da mostrarmi?

Aceptan tarjetas de credito?; Accettate carte di credito?

Tienen periodicos italianos?; Avete riviste in italiano?

Alcune insegne:

Carniceria; macelleria, estanco; tabaccheria, fruteria; fruttivendolo, grandes almacenes; grandi magazzini, heladeria; gelateria, joyeria; gioielleria, lecheria; latteria, papeleria; cartoleria, pasteleria; pasticceria, per fumeria; profumeria, pescaderia; pescheria, zapateria; calzoleria.

E infine i mesi dell’anno, le stagioni e le festività spagnole

gennaio; enero

febbraio; febrero

marzo; marzo

aprile; abril

maggio; mayo

giugno; junio

luglio; julio

agosto; agosto

settembre; septiembre

ottobre; octubre

novembre; noviembre

dicembre; diciembre

primavera; primavera

estate; verano

autunno; otono

inverno; inverno

Capodanno; Noche vieja

Epifania; Reyes

Pasqua; Domingo de Resurreccion

Ferragosto; Asuncion

Ognissanti; Todos los Santos

Notte di Natale; Noche buena

Natale; Navidad

Lo spagnolo non finisce qui.. ma per iniziare non c’è male.

Articoli di Chiara Lanari e Clio Bravi

giovedì 10 giugno 2010

test software: SOLUTO

Da uno dei blog che seguo frequentemente, Salmo 69, apprendo che esiste un programma per velocizzare l'avvio di Windows Xp. Si chiama Soluto, è ancora in versione beta e si prefigge lo scopo di ottimizzare il boot del pc. Naturalmente l'ho provato subito, il mio pc (del 2003) monta un Celeron da 2.3 GHz, ha solo 512 Mb di Ram e ultimamente ci mette un secolo ad avviarsi.

TEST:
Il primo boot tenuto sotto controllo da Soluto era di 5 min e 24 sec. Quindi sempre connesso a internet si lascia il programma lavorare in background (ma non è proprio così...) e si fanno le proprie cosine (lavoro, facebook, film porno ........ :oD).

Dopo un paio di giorni di scansioni dell'avvio il boot misurato è diventato di 3 min e 08 sec, non male verrebbe da dire, ma.... non è proprio una stima reale: infatti posso dire di aver completato l'avvio quando posso iniziare a lavorare e effettivamente dopo i 3 minuti trascorsi la cosa non era fattibile.
La spia sul case che mostra il disco fisso in fase di lettura è sempre accesa fissa, mentre quando il boot è terminato (di solito) è spenta o lampeggia di tanto in tanto. In quel mentre è tutto lentissimo e vale davvero la pena uscire di casa, andare al bar, prendere il caffè, salutare e tornare a vedere se il boot è terminato (l'ultima volta ho dovuto aspettare 14 minuti dopo i 3 minuti misurati dal programma).
Inoltre durante la ricerca delle applicazioni o dei motivi che rallentano l'avvio Soluto apre una finestra con qualche gradevole effetto grafico, tipo una scintilla che scorre su un cavo che collega due pc oppure degli ingranaggi che girano, il tutto molto semplice e senza l'abuso di colori o effetti ma che secondo me appesantiscono un po' il suo funzionamento se fatto girare su macchine obsolete (ormai) come la mia.
Lasciando aperto task manager poi ho notato che a volte (non sempre) i servizi legati all'antivirus (io uso AvasT) mi rallentano tantissimo l'avvio occupandomi quasi tutta la memoria disponibile, cosa che prima non succedeva.

CONCLUSIONI:
Il programma secondo me ha qualche problema e potrebbe essere migliorato anche se non è il caso di usarlo su computer datati.
L'unica soluzione per un avvio rapido nel mio caso è quella di cambiare computer.

Ciao.

NB: il mio PC è talmente vecchio che la batteria che tiene in vita l'orologio si è scaricata e regolo l'ora ogni volta che mi collego a internet

domenica 6 giugno 2010

è arrivata l'estate


finalmente caldo e sole. Certo la bici non l'ho mai abbandonata nemmeno quando è scesa un po' di neve qui in "padania" però adesso esco senza il rischio di beccarmi un'ora di pioggia sulla testa e senza portare il peso di tutti i vestiti invernali. Mi porto solo il peso della panza che da quest'inverno non mi ha ancora abbandonato, ma mi sto organizzando.. bici, nuoto e anche un po' di corsa e butterò giù i chili di troppo. Tra l'altro estate è anche sinonimo di festa di paese e allora giù con pani e salamella e birra a volontà... AHIME' la prova costume quest'anno sarà di un'indecenza mai vista prima d'ora.

domenica 16 maggio 2010

La Guida al Camino Ingles di John Walker

Posto qui per una futura consultazione la traduzione della guida del "camino Ingles" di john Walker.

La traduzione comprende il tratto di viaggio da Ferrol a Santiago de Compostela che è quello che dovrò fare anch'io quest'estate, mentre ho tralasciato la parte che inizia da A Coruna.

***************************************************************************************

Ufficio del Turismo:
Edificio Administratico da Xunta de Galicia
Praza Camino Josè Cela s/n
Tele: +34 981 311179
Orari di apertura:
Luglio e Agosto:
LUN-VEN dalle 9.00 alle 14.00 e dalle 17.30 alle 19.30
SAB dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 19.30
DOM dalle 10.00 alle 12.30
Altri mesi dell’anno:
LUN-VEN dalle 9.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 18.00
SAB dalle 10.00 alle 12.30
L’ufficio del turismo si trova al primo piano di un palazzo moderno asulla sinistra di Plaza Espana (in direzione del porto).
Loro forniranno ai pellegrini:
* La credenziale
* Il Sello
* La mappa col tragitto per uscire da Ferrol (2 strade alternative)
* Una copia in inglese della Xunta Guide
* Uno schema delle distanze dei percorsi e dell’altimetria del camino inglès (non è accuratissimo però)
* Un Frasario Gallego / Inglese
[14]
E ... hanno ottimi servizi igienici un bene se si intende partire immediatamente da li!
NB E' importante che si ottenga un sello di Ferrol per dimostrare all’ Ufficio dei Pellegrini di Santiago di aver camminato più di 100 km per poter ottenere la Compostela. Non è obbligatorio il sello dell'Ufficio del Turismo e si può avere la Credencial timbrata nel vostro ostello ecc
Ferrol - Pontedeume circa 25kms
Immaginate di scendere della barca dall'Inghilterra ... il percorso inizia da un cippo indicativo nei pressi del porto. lasciate il porto di Ferrol e passate presso l’Ufficio del Turismo che apre alle ore 10. Vedere la costruzione navale (naval building ??) di fronte a voi e attraversate sulle strisce pedonali. Di fronte alla Farmacia sul lungomare c’è una pietra che segna l'inizio del Camino Inglès. Attraversare l'arco in Calle de Carmen Cruxeiras, prendendo atto della prima segnaletica sul muro alla vostra destra. Seguire la strada fino alla fine e girare a sinistra per entrare in Calle del Espiritu Santo e tenendo la sinistra andare sempre diritto in salita. Questa strada porta ad una piazza e a un piccolo parco giochi per bambini sulla destra.
[15]

sabato 27 febbraio 2010

il figlio più piccolo

Dopo una settimana passata chiuso in casa con tutta la famiglia causa epidemia di gastroenterite a mia moglie e mia figlia è esplosa la necessità impellentedi uscire a fare shopping, e naturalmente mia moglie non ama guidare la macchina in città, quindi mi sono offerto (mi tagliava le palle se mi rifiutavo) di accompagnarle a un centro commerciale (DIO come amo quei posti, soprattutto di sabato!!!!!!). Fortunatamente hanno scelto di andare in un posto con una multisala per cui per un'ora e mezza (o anche più) potevo sperare di fuggire da quella famigerata realtà costruita (lasciatemelo dire) a misura di DONNA. La prima cosa che ho fatto appena sceso dalla macchina è stata cercare il programma della multisala e per fortuna scopro che il film che vorrei vedere comincia solo tra un'ora. Un'ora nella quale mi è sembrato di essere appena sbarcato sul Marte di "Atto di forza" tanto mi sentivo fuori posto. Non mi sono nemmeno sbattuto più di tanto per prendere il biglietto, tanto sapevo che ci sarebbe stato poco pubblico, ai marziani del centro commerciale non piace Pupi Avati ci puoi scommettere. E infatti scommessa vinta, ci saranno state si e no 30 persone in sala.

sabato 20 febbraio 2010

Sequestro è un uomo




Allora, il titolo non è sbagliato (il libro di Levi l'ho letto e mi è anche piaciuto) ma quello è il titolo di uno spettacolo teatrale che sono andato a vedere ieri.
Ma partiamo dall'inizio: il capo l'altro ieri mi manda un sms mentre ero al lavoro, e la cosa è già strana dato che di solito mi manda un sms quando sono a casa per dirmi se posso andare al lavoro, ma questa è tutta un'altra storia.
L'sms mi chiede se mi interessano dei biglietti gratis per uno spettacolo teatrale a Montichiari.

venerdì 15 gennaio 2010

Inviare FAX Gratis


Io in casa ho un vecchio scanner della Packard Bell che, malgrado gli aggiornamenti di Windows e gli anni che passano, fa ancora il suo dovere. Come molti hardware del genere è associato ad un software per mandare fax. Ma nel caso fossi fuori casa e avessi l'esigenza di inviare un fax è possibile farlo utilizzando uno dei tanti servizi fax reperibili in rete.

Fino a poco tempo fa usavo il servizio di MyFax ma mi pare che sia stato disabilitato o comunque ci sia solo la possibilità di un trial di 30 giorni, mentre ho da poco scoperto il servizio FAXATOR che permette di inviare fax come fossero semplici e-mail allegando qualsiasi formato di file (pdf, doc, jpeg...), basta registrarsi sul sito.

E' possibile inviare anche 20 fax/giorno dalle 8 alle 20 di ogni giorno lavorativo inviando una mail all'indirizzo indicato mettendo come oggetto il numero di fax del destinatario e allegando un file chiamato "certificato di sicurezza personale" fornito dopo l'iscrizione (per averlo serve l'invio di un sms) e che certifica al servizio che siete utenti registrati e abilitati all'invio di fax. E' più facile a farsi che a dirsi. Io mi sono registrato in 5 minuti e l'ho usato senza problemi.



lunedì 11 gennaio 2010

Tempo di saldi



che dire? i media nazional popolari dai primi giorni dell'anno hanno fatto a gara a mostrare la "FINE" della crisi economico finanziaria mostrando code interminabili di persone fuori dalle boutique in attesa di spendere gli ultimi centesimi avanzati dai bagordi natalizi in capi d'abbigliamento e accessori firmatissimi.  Naturalmente la cosa non mi tocca minimamente visto che non ho problemi a indossare roba "pocoCostosa" servendomi a volte in grandi magazzini dove i prezzi dei vestiti sono più che umani e non devi pagare un marchio con un occhio della testa. E infatti mentre mi aggiravo per il Campo Grande a Brescia prima delle feste sono entrato all'OVS e sono uscito con un paio di jeans da 19 euro. Volendo fare il figo a tutti i costi ne ho preso un paio di colore blu, modello SLIM, ma se mi fossi accontentato dei REGULAR li avrei pagati meno di 14 euro. E ritorniamo al punto di partenza, I SALDI, ma se costa tutto così (relativamente) poco sotto Natale, vuoi che con i saldi non si risparmi ulteriormente?? C'è scritto anche qui sul sito ufficiale di OVS Industry. E allora, dovendo comunque andare in città per forza, passo dal negozio e scopro che i saldi sono solo Quelle scritte adesive fuori dalla VetrinA, infatti i Jeans REGULAR costano 19.90 euro e formano un mucchio al centro del negozio, mentre gli SLIM costano 24.90 e ce ne sono solo poche paia appesea una stampella e naturalmente non ho comprato niente e dubito che rientrerò in un negozio in periodo di saldi.
Siccome un po' ci sono rimasto male ho scritto questo piccolo post un po' stronzo.
immagine rubata al questo indirizzo http://votafifo.blogspot.com/2008/07/tasche-vuote-in-piazza.html